Pagine

domenica 28 settembre 2008

E adesso voglio proprio vedere se resisterà la tratta aerea Roma-Albenga



C'è un ATR72 dell'Alitalia, 66 posti, affittato da un imprenditore privato, Ciro May, a un prezzo stracciato, 12.000 euro a viaggio a/r contro i 34.000 di mercato, che fa la tratta Roma-Albenga. Viaggia sempre quasi vuoto, alcune volte vuoto proprio del tutto, e rimane poi fermo sulla pista della cittadina ligure dal venerdì al martedì (100.000 euro). Uno dei pochissimi passeggeri è il ministro Claudio Scajola che risiede nella vicina Imperia. I maligni, ma sapete come sono i maligni, mormorano che questo aereo in pratica vola solo per lui. Se continuasse a volare dopo i recenti accordi, continuano a dire questi maldicenti, vuol dire che Alitalia è rimasta quella che era diventata, un incrocio malsano di maneggi ambigui tra politici e affaristi. Ma come si permettono. Io intanto aspetto gli eventi.

ATR72
Un ATR72 dell'Alitalia

Aggiunta, ore 16:27

"Con la nuova compagnia c'é una grande discontinuità col passato, con un accordo sindacale che va verso l'en plein, una nuova forma contrattuale, e un piano industriale nuovo. Si è trattato di un grande successo per l'Italia e per il governo Berlusconi. Buon volo a questa nuova società che aiuterà l'Italia a decollare".
Claudio Scajola
via e via

Metto in evidenza questo commento dell'amico c.e.g. che non riguarda nello specifico l'argomento del post ma più in generale la questione Alitalia e mi sembra spunto per parecchie riflessioni.
La questione è a dir poco curiosa. Che Berlusconi si sia affannato per sostenere la cordata di Colaninno, che non è amico suo ma di Veltroni (il figlio ed erede d'azienda era capolista del PD in Lombardia, scelto personalmente da Valter, è deputato del PD e ministro ombra), mentre ha dimostrato di non gradire l'offerta Air France (benedetta dal "suo amico" Sarkozy), prendendosi poi tutti i meriti, lascia perplessi.
Che il PD abbia criticato l'operazione, per poi risolvere il tutto con una chiacchierata nel salotto veltroniano tra Colaninno ed Epifani, è già un po' più comprensibile, se si combina il "gioco di ruolo" (come lo chiamano gli americani) con l'amicizia. Ma se si pensa che i due, in fondo, erano d'accordo, per scambiarsi un favore fingendo di bisticciare, allora di assurdo non rimane nulla. Vedremo solo chi si accollerà i debiti dell'attuale Alitalia. Se saranno i cittadini tramite un intervento pubblico, come avviene anche in America con le banche ora in pratica "nazionalizzate", vuol dire che questa destra ipocrita italo-americana predica il libero mercato e tutti i "bei" principi che ne conseguono, ma poi alla fine, quando si tratta di fare i propri interessi o quelli di qualche amico (e non quelli del cittadino!), ricorre ai metodi più tradizionali dello statalismo, che così tanto critica. Bel mondo, davvero, fatto di coerenza!

12 commenti:

  1. stavo per fare un post identico, identico a questo!
    neanche di fronte all'evidenza hanno la dignità di ammettere l'inciucio.
    vergognosi...

    RispondiElimina
  2. li avete votati: teneteveli!!!11
    (e mi sa che li rivoterete e ve li riterrete)

    RispondiElimina
  3. Sono molto curioso anche io di vedere che fine farà..

    RispondiElimina
  4. Torquemada28/9/08 12:24

    Se il volo verrà soppresso Scajola potrà sempre volare sui Falcon dei servizi segreti con i quali ha mantenuto buoni rapporti essendo stato l'ultimo presidente del Copaco. Qualcuno sa se la società aerea dei suddetti servizi esiste ancora e si chiama sempre Cai?

    RispondiElimina
  5. E' una situazione piuttosto bizzarra e il bello è che il ministro lascia che siano gli altri a cercare di spiegarla arrampicandosi sugli specchi.
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Pensi veramente che cambierà qualcosa? io penso di no.. ma vedremo..

    il concetto è che se colaninno ha salvato il culo a B. poi in seguito B. salverà il culo a colaninno!

    RispondiElimina
  7. La questione è a dir poco curiosa. Che Berlusconi si sia affannato per sostenere la cordata di Colaninno, che non è amico suo ma di Veltroni (il figlio ed erede d'azienda era capolista del PD in Lombardia, scelto personalmente da Valter, è deputato del PD e ministro ombra), mentre ha dimostrato di non gradire l'offerta Air France (benedetta dal "suo amico" Sarkozy), prendendosi poi tutti i meriti, lascia perplessi.
    Che il PD abbia criticato l'operazione, per poi risolvere il tutto con una chiacchierata nel salotto veltroniano tra Colaninno ed Epifani, è già un po' più comprensibile, se si combina il "gioco di ruolo" (come lo chiamano gli americani) con l'amicizia. Ma se si pensa che i due, in fondo, erano d'accordo, per scambiarsi un favore fingendo di bisticciare, allora di assurdo non rimane nulla. Vedremo solo chi si accollerà i debiti dell'attuale Alitalia. Se saranno i cittadini tramite un intervento pubblico, come avviene anche in America con le banche ora in pratica "nazionalizzate", vuol dire che questa destra ipocrita italo-americana predica il libero mercato e tutti i "bei" principi che ne conseguono, ma poi alla fine, quando si tratta di fare i propri interessi o quelli di qualche amico (e non quelli del cittadino!), ricorre ai metodi più tradizionali dello statalismo, che così tanto critica. Bel mondo, davvero, fatto di coerenza!

    RispondiElimina
  8. La tratta Albenga/Roma è indispensabile per lo sviluppo della nostra economia: Mi ricordo che la famiglia Scajola utilizzava già gli Yak 40 per trasportare i fagiolini di Albenga dalla Riviera di Ponente alla Città del Vaticano.

    RispondiElimina
  9. purtroppo non la vedo bene. Però, per non essere maligni aspettiamo un pochino. Credo comunque che i maneggi politico affaristici che hanno rovinato l'Alitalia persisteranno, e a pagare in ogni caso saremo senza dubbio noi. Ad Maiora

    RispondiElimina
  10. Ho gia' detto nel blog di mairn Faliero come a mio avviso finirà, La Cai prenderà il nome di Alitalia o nuova Alitalia, sarà giuidata da italiani giusto il tempo per prendere qualche aiuto di stato per l'esposizione mondiale in Lombardia e tra qualche anno verrà venduta ad una compagnia estera ( piu' probabile Lufthansa). Per il momento continuerà come negli ultimi anni con costi sproporzionati , scioperi ect ect ect.

    RispondiElimina
  11. E' una delle vicende più scandalose mai attribuite ad un politico italiano!

    RispondiElimina