Pagine

mercoledì 24 settembre 2008

L'albero genealogico si complica

disegno albero

Quale sia il mio cognome lo potete vedere nella testata. L'ho ereditato da mio padre che l'aveva ereditato da mio nonno che l'aveva ereditato...

In Italia è così, il cognome ci viene attribuito per via paterna, ma questa legge ormai ha il fiato corto. La Cassazione in questi giorni ha motivato una sentenza in favore dell'attribuzione del cognome materno ai figli legittimi nel caso entrambi i genitori siano concordi, citando l'approvazione, il 13 dicembre 2007, del Trattato di Lisbona, per sottolineare che anche l'Italia, come tutti i 27 stati membri, ha il dovere di uniformarsi ai principi fondamentali della Carta dei diritti Ue.

E quindi, se questa regola fosse stata in vigore nel passato, io di cognome avrei potuto fare Peitavino, come mia madre, ma se essa avesse preso il cognome da sua madre, la mio nonna materna, avrebbe potuto essere Boero, e quindi anch'io. Se mio padre invece avesse preso il cognome da sua madre, la mia nonna paterna, che era Moro io potrei essere stato Alberto Moro. Non vi dico la varietà di cognomi possibili che mi sarebbero potuti capitare se andassi fino ai bisavoli.

Per adesso è solo una sentenza, ma diventerà senz'altro legge. Cosa ne pensate?

Technorati Tags: , ,

20 commenti:

  1. credo dare il cognome della madre sia un contentino che si è voluto dare alle donne. non ho nulla in contrario,ma credo che l'uguaglianza debba passare per altre battaglie.

    RispondiElimina
  2. Io non lo trovo comodo. Così com'è è molto meglio...Poi vabè...ci penseranno quando sorgeranno i primi danni con codici fiscali ecc-. Siamo in Italia

    RispondiElimina
  3. le leggi le fa solamente il parlamento eletto dal popolo. La magistratura le deve solamente applicare : non commentare ne tantomeno sollecitare....

    RispondiElimina
  4. Io non ci vedo nulla di male, ma concordo con Silvio sono altre le battaglie per la parità di diritti.

    RispondiElimina
  5. i nostri bis bis bisnipoti si perderanno tra le fresche frasche dell'albero genealogico ...

    RispondiElimina
  6. Guarda l'Islanda dove il cognome è rarissimo,
    Certo che per i carabinieri sarà dura!!!11

    RispondiElimina
  7. Nella "maschilista" Spagna, da sempre si portano i due cognomi, e si può scegliere quello materno. Esempi: Pablo Picasso (Picasso era il cognome della madre, di origine genovese; quello paterno era Ruiz) o, si parva licet, Miguel Bosé (Lucia Bosé sapete chi è; il cognome paterno era quello del torero Dominguín).

    RispondiElimina
  8. Ragà... comunque la legge dice che "si può", non "si deve". Per cui sinceramente non vedo il problema.

    RispondiElimina
  9. Nonostante abbia 2 femmine quindi secondo l'ordinamento tradizionale il mio cognome in questa linea si estinguerebbe, trovo senza senso questa sentenza.
    Poi ci sono 2 punti di vista:
    1) se guardiamo ad una società moderna in cui conta più il codice fiscale che il cognome, la sentenza può anche stare bene... tanto avere un numero o un'altro per un sistema sempre più informatico è la stessa cosa
    2) se guardiamo alle tradizioni ed alle nostre radici (che dopotutto hanno mandato avanti l'umanità per qualche migliaio di anni) allora la sentenza è un'assurdità che sconvolge tradizioni antichissime.

    Io devo dire che anche al giorno d'oggi reputo che sia un peccato buttare nella spazzatura le nostre tradizioni e le nostre radici culturali

    RispondiElimina
  10. per fortuna, ciò che lasciamo in eredità ai nostri figli non è solo il cognome, ma ben altro..
    il codice fiscale è la più grande truffa dell'umanità!

    RispondiElimina
  11. Beh mi sembra una cosa giusta dare questa possibilità, l'importante è cominciare a uniformarsi anche a partire dall'articolo 1 e 1 bis dove viene detto che ci deve essere tolleranza, pluralismo, democrazia, pari dignità e opportunità, integrazione e via dicendo. Come ho scritto chi ben comincia è a metà dell'opera, ma l'opera come si sa è lunga

    RispondiElimina
  12. Io trovo che sia giusto avere questa possibilita', del resto mi sembra gia' che i figli della Mussolini si chiamino col cognome della mamma .
    Pero' sarebbe interessante sapere anche nel resto d'europa, io so che in Portogallo e' cosi' si prende il cognome della madre e del padre e si passa solo quello finale,
    per esempio Antonio da Fonseca (madre) Pereira (padre).
    Alberto de Peitavino Cane, perche' no?

    RispondiElimina
  13. Torquemada25/9/08 13:35

    In Spagna, Zapatero è il cognome della madre, il suo nome esteso è José Luis Rodríguez Zapatero. Rodriguez è quello del padre.

    RispondiElimina
  14. Mi risulta che in certi paesi dell'est quando ci si sposa la donna perda il proprio cognome.
    E' stato terrificante un giorno, per motivi di lavoro, chiesi il cognome a una ragazza Moldava che aveva appena sposato un ragazzo delle mie parti, lei mi rispose con il cognome di lui, io ribadii che mi serviva il TUO cognome per poterti registrare e dedurre il codice fiscale per l'anagrafe, lei molto scocciata mi disse che il suo cognome era appunto quello del marito e fiera di aver perso la sua identità mi mostrò il codice fiscale che provava questo.....
    Sono convinta che un cognome non voglia dire tutto di una persona, ma cancellarlo proprio no!!!
    Sono d'accordo con Arcuri, chi vuole può farlo, nessuno ci costringe, anche questa è democrazia!!!

    RispondiElimina
  15. "se" u l'è u paie di cuiassi.
    Lo conosci questo proverbio? ;)

    RispondiElimina
  16. Lo conosco sì, oh "se" lo conosco!

    RispondiElimina
  17. a me quello che non è mai andato giù è dover aggiungere il cognome del marito al mio e dovermelo tenere finchè non ho divorziato (dal primo), anche perchè avendo contratto due matrimoni e avendo figli da tutti e due, potete capire a scuola che confusione, chi mi chiamava signora Rivalta, per via di Valentina,chi signora Camerlengo, per via di Alessandro e Andrea ... ho cominciato a soffrire di disturbi di personalità, sarebbe stato più semplice se avessero usato il mio cognome da ragazza, come si suol dire, per fortuna in ufficio sul cartellino e sui documenti così hanno fatto!

    per il resto trovo anche giusto che ognuno decida come meglio gli piace, non ne faccio una questione di principio o di parità

    mi rode di più che Valentina sia considerata "sorellastra" di ALessandro e Andrea perchè figli di padre diverso, mentre un figlio/a nato/a da suo padre sarebbe fratello a tutti gli effetti!
    mi rode perchè l'utero dal quale sono usciti tutti e tre è il mio!

    RispondiElimina
  18. Finché c'è libertà di scelta a me va bene. Saranno poi i genitori a scegliere se conservare o meno uno o due cognomi. Al contrario, le donne finora dovevano rinunciarvi... Quoto c.e.g. e duhangst, liberi di scegliere e tutto ciò non ha nulla a vedere con la parità dei diritti.

    RispondiElimina
  19. Quoto Alessandro Arcuri. Ognuno "può" decidere di scegliere il cognome che più gli aggrada tra quelli del padre o della madre. Non è una possibiltà da buttare.

    RispondiElimina
  20. Per evitare confusione ho deciso:
    mi porto il codice fiscale in paradiso! Per sicurezza. Non si sa mai che anche là,nel regno della perfezione,mi si confonda con l'omonima che da anni mi tormenta.
    Benchè lei sia bassa, rotondetta e zitella ed io invece alta, coniugata e snella, non vorrei che la suite che sto pagando a rate qui in terra, con vasca idromassaggio e colf incorporata, le venisse assegnata al posto mio, ed io mi ritrovassi, per un disguido puramente formale,in qualche orrida bolgia infernale!
    @Alberto:avvistato druido in azione,grafica perfetta!
    @Duhangst: il tuo avatar (si dice così?)è bellissimo. Diabolik è un mito!

    RispondiElimina