Pagine

sabato 13 settembre 2008

La parabola discendente

Ho preso di peso questo post, titolo compreso, scritto da Maria e l'ho trasportato qui. Viviamo tempi malati.

E sono 25, già 25.
Mi sembra impossibile.
Santo cielo, 25!
Continua a ripetermelo nella speranza di convincermene, ma fino ad ora non sta funzionando. Fossi un uomo ci riderei su, ma sono una donna, sfortunatamente, e quel che è peggio leggo le riviste di moda. Quindi so che da oggi il mio derma produrrà meno collagene. Che le mie guance si svuoteranno poco a poco. Che la pelle inizierà a cedere lentamente e a diventare flaccida. Se avessi saputo che i 25 anni arrivano così in fretta avrei passato l'adolescenza seminuda per mostrare il mio corpicino che non era poi così tanto da buttare (e per riavere il quale tra dieci-quindici anni sarò disposta a commettere un omicidio) quando poteva ancora essere esibito, invece di seppellirmi sotto strati su strati di roba. Non sono andata in giro in minigonna quando avrei potuto e adesso non potrò più, a meno di non voler sembrare ridicola, ovviamente.
Sono in crisi di mezza età. Se penso al futuro le uniche immagini che vedo sono rotolini di ciccia attorno al punto vita e cellulite sulle ginocchia. Del resto, dopo i 25 il metabolismo rallenta e la circolazione peggiora. Conviene che mi rassegni.
Posto una foto, potrebbe essere una delle ultime in cui sono ancora presentabile. E' cosi che vorrei essere ricordata.
festina


Aggiornamento, 20:01 sul blog di Maria

Technorati Tags: ,

43 commenti:

  1. Dall'alto della mia veneranda età,consiglierei alla leggiadra fanciulla di *affrettarsi lentamente* a cercare uno scopo nella vita meno effimero della narcisistica contemplazione del proprio corpo, in caso contrario non scommetterei che, con un fardello di simile dolore sulle spalle, possa raggiungere i trent'anni!Sarebbe un vero peccato!

    @Alberto, bello e interessante il posto dove vai domani.Facci sapere. Ciao, buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Fossero questi i problemi del crescere..
    Spero che sia stato un post ironico altrimenti c'è da preoccuparsi.
    La vita è molto di più dell'aspetto fisico di una persona.

    RispondiElimina
  3. Singor giudice, signori della Corte, scusate se mi intrometto. Sono la proprietaria del post e del corpo in disfacimento.
    Chiedo perdono a coloro che sembrano oltremodo offesi dalla frivolezza di quanto scritto (lo so, lo so, la fame nel mondo, la guerra e tutto il resto...). Tuttavia, li invito a leggere qualche altro post oltre a quello "incriminato" per avere un'idea meno parziale di chi io sia prima di emettere sentenze.
    E la prossima volta sarebbe gradito che prima di "copincollare" si chiedesse il permesso...

    P.S. Mi rimetto alla clemenza della Corte!

    RispondiElimina
  4. Scusami Maria, mentre ti stavo avvisando mi hanno chiamato e son dovuto uscire di fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Standing Ovation Alberto... ahahahah!!! Certo, di tempo ne è passato dalla pubblicazione di questo post e adesso la fanciulla in questione sarà persino prossima agli enta... speriamo che alla vista della prima ruga d'espressione non decida di farla finita con un colpo alla tempia, sarebbe un vero peccato. E' tanto caruccia.

      Elimina
  5. SEI DECISAMENTE CULT!, L'ETA' NON CONTA MAI! SEI UN' po' DEPRESSA! TUTTO QUI!

    RispondiElimina
  6. mai abbassare la guardia, non temere, a volte la natura ci regala la bellezza dell'invecchiamento e se lo spirito con cui si affronta questo passo è positivo non ci sono ostacoli....personalmente mi sento più bella ora all'età di 43 che quando ne avevo 25....,certo che se mi guardo intorno la percentuale delle donne della mia età sono come le descrivi tu, e questo è uno stimolo in più per reagire.

    @filo: uno degli scopi della vita è stare bene con se stessi anche dal punto di vista estetico.

    @duhangst: non si può vivere solo per cose serie, che tristezza sarebbe!!!

    @anonimo: la depressione è una malattia seria, come puoi affermare che Maria lo sia?

    RispondiElimina
  7. Jack Sparrow13/9/08 14:00

    Wow, non credevo che l ironia o la satirica descrizione del 25esimo compleanno di una ragazza semiseria potesse suscitare tanto scalpore.... esiste anche questo, ma, prima o poi tutti inciampiamo.....

    RispondiElimina
  8. Maria corte o non corte, abbi pazienza, probabilmente sei una ragazza carina quanto intelligente e merita di leggere altri tuoi post per vedere chi sei, ma da questo post bella figura non credo che la fai.
    Non è che la devi fare, ma se questo è quello che pensi, non prendertela per ciò che pensano gli altri.
    Anzi, cerca di rifletterci su.
    Il tuo pare un discorso puramente da donna, da questo punto di vista altamente normale, oh mio dio qui là sotto e sopra il corpo... personalmente il fatto di preoccuparsi di "non essersi scoperta per mostrare il bel corpo" mi sembra tutto tranne che intelligente.
    Cioè dovevi dimostrare qualcosa a qualcuno?
    Voglio dire, sui 25 anni ci si può scrivere un enciclopedia.
    Tonnellate di cose, ma tra tutte tu vai a pensare che ti sei coperta troppo?
    Ma ghe ohhh? :D
    Cioè ma saresti da lodare non da denigrare.
    Se hai un cervello veramente allora dovresti fare altre riflessioni invece che abbandonarti a pensieri ovvi da donna.
    Cioè dio mio qualsiasi altra cosa tranne "mi sono scoperta poco".
    Va bene che per natura psico-biologica la donna è tesa a mostrare il repertorio per attirare i maschi e così si compiace magari facendo concorsi di bellezza, sentendosi la più bella.
    Ma cribbio siamo nel 2008, qualcuno che usa il cervello e supera gli istinti innati dettati dal proprio sesso nonché corpo?
    Mi viene voglia di citarti pure a me su www.maancheno.org.
    Io altri tuoi post li leggo volentieri, ma tu svegliati da questa crisi del piffero, rimetti in moto la tua intelligenza, realizza che hai SOLO 25 anni e pensa e anche scrivi, delle cose veramente importanti e non del fatto che ti da fastidio che forse ti sei scoperta poco.
    Cioè solo il ripetere questa cosa mi mette i brividi e le risate addosso insieme.
    Inutile che ti offendi, prendine atto e riflettici su.
    No, voglio dire, se tutti ragionassero così, allora le mie nonne a 80 anni che quasi non camminano più che ti devono dire?
    Realizza cos'è la vita veramente.
    Guarda mi sta bene anche che il tuo post fosse ironico o dettato dalla depressione femminile :D però il discorso sul "mi sono scoperta poco" non si regge veramente.
    Verrebbe da dire, guarda sei ancora in tempo, sei carina, domani fatti un giro in mutandine per la strada così magari riprendi il tempo perso che ne dici? ;-)
    Cioè ma il problema dove sta?
    Volevi attirare più uomini?
    Ti senti poco apprezzata fisicamente dal prossimo?
    Hai paura di non piacere agli altri?
    O di non piacere a te stessa?
    Cribbio dove sta l'inghippo.
    C'è poco da famare nel mondo, sti discorsi non servono ad una beneamata ceppa, ci devi riflettere tu è inutile che spari ste cose che esistono e non sono lì per essere usate in certe circostanze.
    Se ne prendi atto veramente stai sicura che non scrivi più che sei disperata perché hai compiuto 25 anni ed invecchi, invecchierai sempre di più, prendine atto e quando ne farai 26 invece di scrivere un altro post cerca di pensare ai lati positivi.
    Non so apri un giornale leggi che una ragazza di 22 è morta in un incidente stradale e tu sei a 26, lei non lo potrà più nemmeno fare.
    Scusa eh, ma certe cose dan fastidio e bisogna che ci sia comunicazione che noi ti diciamo quello che pensiamo, così tutti, si spera, si impara qualcosa l'uno da l'altro.
    Blog, Internet, libera comunicazione e libero confronto, non devi prendere a noia chi ti esprime un giudizio ma prenderne atto e capire il perché.
    Amen!

    RispondiElimina
  9. io opterei per un acquisto ponderato: un cervello nuovo, visto che quello di ora viene utilizzato per sfogliare riviste di moda e controllare i decadimenti fisici a 25 anni poi,passa qualche tempo con chi soffre davvero invece di scrivere cretinate, ciao.

    RispondiElimina
  10. so di persone che fanno l'amore da anziani.. perciò credo che la cosa più bella è vederti invecchiare con una persona che ti vede sempre bella!

    RispondiElimina
  11. ... Fate qualcosa per questa ragazza.
    I genitori, i parenti, gli amici: qualcuno li avvisi.
    [Ste]

    RispondiElimina
  12. Se non si riesce a distinguere la serietà dalle facezie io non so proprio che ribattere...

    RispondiElimina
  13. Torquemada13/9/08 15:16

    Ciao Maria,
    io ho letto tutti i commenti che hanno fatto sul tuo blog, e anche loro non l'hanno presa per una facezia.

    RispondiElimina
  14. Scusa, ma tu per caso ci frequenti e sai come scherziamo io e i miei amici?

    RispondiElimina
  15. Hai ragione Maria, e aggiungo che la vita fa schifo. E probabilmente la tua fa piu' schifo delle altre. Ma io non cello' con te eh, non ho nulla contro i brutti :)

    RispondiElimina
  16. Carissima, benvenuta...io mi sa (chissà perchè ma mi sa che sarà così) abbandonerò prima di te il club dei 25enni...però ti assicuro che mi sono sentita peggio a 24 anni.
    Mi sento più bella ora..forse non sapevo di tutti i guai che mi aspettano!
    Sorella, ora sento un groppone in gola! Anche io non ci ho pensato a mettere le minigonne!
    Porco bue! Palestra, fanghi e dieta, altrimenti è grossa crisi! Ovviamente scherzo (ma non troppo).
    Ah! Auguri di buon compleanno! Nessuno te li ha fatti, a quanto vedo...

    RispondiElimina
  17. Grazie Danilo (so che sei tu, c'è un segno inequivocabile), lo apprezzo molto. Soprattutto per gli errori di ortografia...

    RispondiElimina
  18. Volendo hai davanti ancora qualche anno per diventare ministra.
    gianni

    RispondiElimina
  19. No, non sto bene con gli occhiali e il caschetto. E poi non sono andata a Miss Italia, e quello, si sa, costituisce titolo preferenziale...

    RispondiElimina
  20. una così resta zitella garantito13/9/08 16:57

    per maria: forse se ti spari è meglio, va da sè che se hai passato i primi 25 anni nel nulla gli altri non promettono nulla di buono e di collaborativo per l'umanità.PS. spero che mamma e papà ti abbiano già buttata fuori di casa per la vergogna di cotanta vuotezza...

    RispondiElimina
  21. vorrei invecchiare con te... ;)

    RispondiElimina
  22. una così resta zitella garantito13/9/08 17:00

    Altro Ps. in effetti non sei un gran chè fisicamente, ma non dipende dall'età....

    RispondiElimina
  23. Ciao Maria, tanti auguri! Consentimi di dire che sei una bella ragazza e che ogni età ha la sua bellezza. Ti assicuro che con gli anni subentra una bellezza fisica diversa, più matura, ma ugualmente affascinante anche se subentrano i segni del tempo. Forse però conta la percezione interiore che si ha di sé, della propria bellezza, fisica e non. Sinceramente, come gturs, mi sento più bella adesso che sono veramente nella mezza età ( ho superato i 40 anni) che 20 anni fa quando mi sentivo "brutta" e inadeguata. In verità ero soltanto insicura. Finchè anche con qualche ruga e chilo in più ( pur curando il mio aspetto fisico, ma senza farne una priorità e cedere ai rimedi artificiali tanto di moda) ho imparato gradualmente ad accettare quei frequenti cambiamenti naturali, comuni a tutte le donne, e a distinguere tra l'apparire e l'essere. Oggi esiste il culto dell'apparire, enfatizzato a livello mediatico e indirettamente anche sociale . Apparire a tutti i costi belli per avere conferme e consensi, sentirsi "vincenti", rispondenti a quei modelli stereotipati di cui ci bombardano giornali e televisione. Ma la vera "vittoria” sta nell'essere: nell'essere in grado di capire che esistono anche altre qualità della donna, che si riferiscono ad una bellezza che non appare mai abbastanza e si costruisce pian piano con la capacità di conciliarsi con se stessi.

    “Durante l’infanzia si sente una regina; in età adolescenziale si sente inadeguata: troppo grassa, troppo magra, troppo bassa, troppo alta, capelli troppo lisci o ricci; nella giovinezza, sebbene non abbia ancora conseguito un buon grado di autostima, si lancia nel costruirsi un futuro sentimentale e professionale; dai 30 ai 40 anni dedica il suo tempo ed energie nell’ affrontare la vita; dai 40 ai 50 anni fa un bilancio e decide di re-inventarsi incutendo soggezione; dai 60 anni in poi non si volta indietro, non si cura dell’aspetto, va ovunque voglia andare, riesce a ridere e a godersi la vita. E’ auspicabile che ad ogni età impari saggiamente a fregarsene di tutto e a ridere col mondo!”

    Da un mio post ironico dedicato alle donne e che oggi dedico a te, augurandoti di vivere serenamente la tua età e un bellissimo futuro di donna perché ad ogni età noi donne siamo una perpetua contraddizione ma anche la più viva e completa armonia dell’universo ( anche con la pelle flaccida e un po’ di cellulite :D )

    http://www.skipblog.it/2008/05/26/dottore-le-prescrivo-un-po%e2%80%99-di-essenza-femminina-vita-natural-durante-vedra-che-guarira-presto/

    RispondiElimina
  24. Ho avuto il piacere di sottoporre il post di quella li all'APVI (Associazione Psicologi Via Internet), da quanto vedo alcuni di voi ne fanno parte. Il dato che mi hanno fornito è inquietante.

    "La soggetta in questione è soggetta a soggettive paure di soggezione. La cadenzialità delle parole cadenzia una cadente caduta di stile ma questo evento eventualizza una eventualità di eventi traumatici eventualmente occorsi."

    Ma non c'è bisogno di scomodare luminari. It's fucking clear! Dal post di quella si si evince che ha un pessimo gusto quando si tratta di scegliere musica, che è ipocondriaca, che va pazza per i Cipster ed odia la torta di mele! Come tutte le venticinquenni del resto! Io mi azzardo a cercare di trovare i chiarissimi significati che, oh membri della summenzionata APVI!, evete già trovato.

    Oddio! Ma questa Maria è pazza... Ama i Black Sabbath, è satanista! Inoltre, sempre dal post incriminato, si delinea che è sorprendentemente attratta dai Guppy anziché dagli Scalari. Perversioni femminili che si riscontrano nelle venticinquenni depresse. Come dite? Ah si, meglio che si spari va. D'altronde una che scrive questi post che cos'altro merita? Forse io stesso farò un esposto alle autorità convenienti.

    Ah, sapete cosa si rileva dal post? Che ha le transaminasi alle stelle! Per cui o fa troppo sport oppure mangia troppi cibi grassi.

    Dottoressa Maria, per aver peccato di libertà e per aver profuso idee senza rendere possibile l'interpretazione di "scritti ironici che non si potrebbero apprendere dal solo post", per aver compiuto detto delitto aggravato dal mezzo stampa del blog questa corte la condanna ad indossare jeans a vita bassa e perizoma a vita alta per dieci anni. La condanna inoltre, a prova della completa remissione, di scrivere pensieri positivi senza usare ironie. Questi post dovranno essere corredati da fotografie che comprovano l'esecuzione della pena.

    Ora che ho detto le mie etaznorts posso essere uno di voi APVI? Peffavore!

    RispondiElimina
  25. venticinquenne cellulitica13/9/08 17:36

    La mia amica Maria è del tutto in grado di difendersi da sola, ma una cosa vorrei comunque aggiungerla: voi non sapete nulla di lei e non siete nella posizione adatta per giudicarla. Cosa mi rispondereste se sapeste che Maria è la ragazza meno vanitosa che conosca?
    Abbiate rispetto per chi voleva solo sdrammatizzare un po' con le amiche un compleanno che a tutte noi è pesato abbastanza. Il suo post era solo un modo per prenderci bonariamente in giro, visto che NOI e non LEI quei discorsi li abbiamo fatti sul serio! Ma che ve lo dico a fare...voi avete già deciso che lei è una stronza senza nemmeno contare fino a 1!!!

    RispondiElimina
  26. Mi offro come accompagnatore della signorina per farla rimanere per almeno altri venti anni così come è.

    RispondiElimina
  27. sempre la cellulitica di prima13/9/08 17:59

    Eccovi un VERO post di Maria, così capirete di chi state parlando (e chi secondo voi non ha un cervello):
    "Crisi d'identità
    Credevamo di essere interi. L'io, anima e corpo, un tutt'uno indivisibile. Cartesio ci insegnò che ci sbagliavamo, che siamo due domini differenti ed autonomi. E poi ci dissero che siamo ancora più compositi: che il nostro corpo è un agglomerato di atomi, i quali a loro volta sono composti da altre particelle e che la nostra psiche è addirittura tripartita. Ma io, pur convinta della bontà di ciascuna di queste tesi e ben guardandomi dal confutarle, non riesco ad avvertire questa separazione, questo iato tra il mio pensiero e l'insieme di carne ed ossa che se ne va in giro a rappresentarmi.
    Sento una naturale continuità tra la mia estensione spaziale e il mio rimuginare, trovo che siano necessari l'uno all'altro, che si influenzino. Per questo temo che il cambiamento dell'uno si manifesti anche nell'altro dominio e ritengo che il mio Io non sia solo il prodotto del precario equilibrio raggiunto tra le forze contrarie dell' Es e del Super-io.
    Eppure, a volte, quando mi sorprendo a fare certi pensieri non posso che concludere che vi sia una separazione, o meglio una forza disgregatrice, una spinta centrifuga che polverizza tutto e rende tutto irriconoscibile e opinabile. Io non sono io. Sono agita e non agente di me stessa e mi viene perfino da chiedermi se in fin dei conti esista davvero una me stessa. Ed è sconsolante doversi rispondere che forse no, non esiste. Che la nostra identità è solo un'idea che in un mondo infinitamente incerto ci illude di avere un'unica rassicurante certezza. E proprio perché ho bisogno di questa certezza, per timore alla fine non varco la soglia e non porto il ragionamento alle sue estreme conseguenze, rubricandolo come un'elucubrazione inutile, uno stupido vaneggiamento, e mi rintano di nuovo nel cantuccio tiepido e morbido di questa improbabile convinzione."
    http://lunkhead-festinalente.blogspot.com/2008/08/crisi-didentit.html#links

    Se aveste letto qualcosa in più sul suo blog prima di dire tante cazzate sarebbe stato meglio.

    RispondiElimina
  28. Ma è palese che sia un post ironico. Ragazzi, avete preso una grossa cantonata.

    RispondiElimina
  29. Ragazzi, ha ragione lei. "Se non si riesce a distinguere la serietà dalle facezie io non so proprio che ribattere..."
    E lei l'ha anche ammesso che di facezie si trattava.
    Una camomilla a tutti, no eh?

    RispondiElimina
  30. ... ma si, a questo punto: un sorriso a Maria!
    ehi Maria, buon compleanno eh? (non so quando sia stato..)
    100 di questi gg! :-):-)

    RispondiElimina
  31. Be visto che comunque ora sei quello che sei e cioe una bellissima ragazza. Lasciami il tuo numero poi a invecchiere ci pensiamo DOMANI!!!

    RispondiElimina
  32. Ma chi se li ricorda i 25 anni...

    RispondiElimina
  33. Maria, sposami... l'ironia mi affascina più di ogni altra cosa

    RispondiElimina
  34. ma il cervello dove lo avete nascosto???ma sapete cosa significa 'ironia'??? io maria la conosco bene ma non è assolutamente necessario x capire che era un modo x non prendersi troppo sul serio...e poi se davvero vi ritenete tanto maturi tenete a freno la lingua e le offese gratuite!!!

    RispondiElimina
  35. Ai tempi di Dante, la "mezza vita" era attorno ai trenta; da bambino, ricordo che vedevo in TV Marcello Marchesi che faceva "il signore di mezza età", ma era decisamente più anziano dell'Alighieri.
    Quanti anni ha davvero Maria, per parlare di "mezza età" oggi che la vita media si è allungata di parecchio, rispetto al Trecento? Posto che ognuno, fatta salva l'ironia, ha la propria visione del mondo e di se stesso (l'ha ricevuta dall'ambiente in cui è stato cresciuto, non se l'è scelta), io ritengo che una donna raggiunga il proprio optimun, anche fisico, dopo i trenta (parlo delle donne che sono davvero carine, non delle famose "bellezze dell'asino"), perchè acquisisce, oltre alla gradevolezza dell'aspetto, che si mantiene, il fascino della maturità emotiva. Dalla foto, direi che Maria rientra in questo gruppo. Mi ricorda una cara amica, che ne ha compiuti 37, ha due figlie, e unisce ad un grazioso volto da adolescente la solida dolcezza della donna adulta. Naturalmente questa è la mia opinione, che vale per me e non ha affatto la pretesa di essere vangelo.
    In tutto questo, il narcisismo non c'entra. Ci vediamo (belli o brutti) come ci hanno insegnato a vederci, con tutti i condizionamenti del caso. E una persona che sta male con se stessa, e col mondo, non si consola pensando alla fame, o all'olocausto. Sta male, e basta. Così come chi ha un forte mal di denti non soffre certo meno pensando che ci può essere chi ha male a DUE o TRE denti, anziché a uno solo, o chi ha una colica renale. Il dolore è dolore, e per esserlo non ha bisogno di riferimenti esterni (come invece le dimensioni o il movimento che, ci insegna la fisica, si valutano sempre "rispetto" a qualcosa).

    RispondiElimina
  36. dopo tutti questi commenti botta e risposta

    non scrivo niente chè la testa mi è andata in confusione

    ironia non ironia Maria goditi i tuoi anni... i rimpianti ce li abbiamo tutti belli e brutti, giovani e anziani
    e buon compleanno

    RispondiElimina
  37. Quoto c.e.g. , Zefirina e naturalmente... Maria!!! (auguri)

    RispondiElimina
  38. Secondo me, Maria si guarda allo specchio e vede, anziché se stessa, Margherita Hack. Margherita Hack, invece, si specchia e vede Maria. Non c'è altra spiegazione...

    RispondiElimina
  39. Quoto Zefirina...

    Ciao, Maria:)

    RispondiElimina
  40. Povera Maria.
    Ma come mai nessuno sembra capire l'ironia?

    Mi hai fatto sorridere, e ti ringrazio.

    RispondiElimina
  41. cara mia, sei messa male. Ma non nel fisico. Nella testa!
    Ti ci vogliono circa 80 anni per ripigliarti? O una reincarnazione?

    RispondiElimina
  42. scusa, ma è un post serio o una presa per il c**o? btw, quanti anni hai adesso, 500?

    RispondiElimina