Pagine

mercoledì 20 agosto 2008

La Quercia delle Cinque Passere

Di queste storie se ne raccontavano molte, specialmente in casa di certe madame genovesi che tenevano riunioni per uomini abbienti, e così a queste cinque signore deve essere venuta voglia d’andare a far visita al Barone. Difatti si dice di una quercia, che si chiama ancora la Quercia delle Cinque Passere, e noi vecchi sappiamo quello che vuol dire.
Fu un certo Gè, mercante di zibibbo, a raccontarlo, uomo a cui si può dar credto. Era una bella giornata di sole, e questo Gè andava a caccia nel bosco; arriva a quella quercia e cosa vede? Se le era portate tutte cinque sui rami, Cosimo, una qua e una là, e si gustavano il tepore, tutte nude, cogli ombrellini aperti per non farsi scottare dal sole, e il Barone era lì in mezzo, che leggeva versi latini, non riuscii a capire se d’Ovidio o di Lucrezio.

E questa mattina mi telefona una delle cinque passere, che avevano aderito con entusiasmo e senza pretendere alcunché alla performance, per darmi forfait. Era a bordo di uno yacht, il Brigitte II, che stava salpando da Beaulieu sur mer, per destinazione ignota, ingaggiata da un libanese con un compenso super. Ma non è quella della foto.

Domani dirò dell'albero.

tette di chi?

Performance #3

5 commenti:

  1. Viene in mente giusta giusta una battuta del sempre grande Totò: "Donne! Non scappate! Per chi mi avete preso: per uno spaventapassere?"

    RispondiElimina
  2. @Alberto, non potevi trovare una modella migliore!!!
    Che invidiaaaa..........

    RispondiElimina
  3. Si direbbe che la cosa vada proprio col
    vento in poppa...

    RispondiElimina
  4. Quella sullo yacht forse sarebbe stata "stonata", molto meglio quella della foto! ;)

    RispondiElimina
  5. Ma chi e' questa ragazzina di venti anni? (per gamba...)

    RispondiElimina