Pagine

martedì 9 dicembre 2008

Albero di Natale in piazza Duomo a Milano

Albero di Natale davanti al duomo di Milano

Ce n'è voluto a portarti fin qui che proprio non ci volevi venire. Stavi troppo bene tra quelle montagne del Trentino dove eri nato e cresciuto così tanto che con la tua altezza di quaranta metri dominavi tutti i tuoi fratelli nella grande famiglia della foresta. Ti hanno dovuto sradicare con le ruspe tanto le tue radici erano avvinghiate a quella terra. E poi, prima di partire per il triste viaggio verso la metropoli, anche la neve che cadeva e cadeva è venuta in tuo aiuto quasi da averla vinta sugli uomini. Ma, come fosse una guerra, il ministro della Difesa La Russa ha dato ordine ai carabinieri di intervenire e così ti hanno portato in catene in questa grande piazza, ti hanno agghindato con migliaia di lampadine che lo stesso ministro, tronfio per la vittoria, ha acceso. Adesso ai tuoi piedi, al posto del tappeto morbido di muschio, hanno piazzato spietate pubblicità di banche e cellulari, che poi sono loro che hanno deciso il tuo destino.

Addio vegliardo dei boschi, ti chiedo perdono per i miei simili che hanno compiuto questo misfatto.

abeti sulle Alpi Marittime fotografati quest'estate

48 commenti:

  1. ma adoperarne di plastica sembra brutto all'amministrazione comunale? Bah

    RispondiElimina
  2. Tristissima la vicenda di quest'albero, come quella, del resto, di tanti altri pezzi di Natura che quotidianamente distruggiamo. Voglio trascrivere qualche riga dell'utilissimo volume dell'entomologo americano Edward O. Wilson "La creazione" - Adelphi editore, 2008:
    "Le prove archeologiche mostrano che ci siamo allontanati dalla natura circa diecimila anni fa, con l'inizio di quella che chiamiamo civiltà. Questo balzo in avanti ha creato l'illusione che ci fossimo emancipati dal mondo da cui traiamo origine, alimentando la credenza che si potesse riplasmare a piacere lo spirito umano per adattarlo ai cambiamenti dell'ambiente e della cultura. Ciò ha determinato uno sfasamento tra i tempi della storia e della natura, al punto che una intelligenza più saggia di noi potrebbe ragionevolmente descriverci così: ecco qui una chimera, una specie nuova e bizzarra entrata con passo malfermo nel nostro universo, un misto di emozioni da Età della Pietra, un'immagine di sé di tipo medioevale e una tecnologia da semidei. Questa combinazione rende la specie insensibile alle forze che più contano per la sua stessa sopravvivenza a lungo termine.
    Sembra che non ci sia un modo migliore per spiegare come mai tente persone intelligenti restino inerti di fronte alla progressiva scomparsa degli ultimi preziosi resti del mondo naturale. Evidentemente, queste persone non sono consapevoli che il valore dei servizi resi dagli ambienti naturali è all'incirca uguale al prodotto interno lordo mondiale. E preferiscono ignorare che, storicamente, le civiltà crollano anch'esse quando il loro habitat viene distrutto."

    RispondiElimina
  3. Quoto il tuo post..Ho smesso da anni di fare l' albero vero..
    Un saluto grazie per la visitina nel mio blog.

    RispondiElimina
  4. chissà se prenderemo esempio dai ragazzi greci...

    RispondiElimina
  5. Te l'avevo detto che l'hanno fissato storto. Si vede benissimo dalla foto, a meno che il duomo non si sia messo a pendere...

    RispondiElimina
  6. aridellago9/12/08 13:32

    Il misfatto, oltretutto, si ritorce contro di noi, anche quelli che, potendo, non ne sarebbero complici.

    RispondiElimina
  7. Purtroppo anche nella mia piccola città lo hanno fatto..

    RispondiElimina
  8. mi unisco anche io alla condanna di questa azione come di tutte le altre che portano tanti esseri viventi ad un inutile sacrificio.

    RispondiElimina
  9. Come è triste e squallido tutto questo! E per che cosa? Per esaltare una festività cristiana, sarebbe stato più consono un presepe, ma certamente un abete finto sarebbe andato altrettanto bene.
    Mi sembra un gesto empio compiuto da persone che non amministrano la "cosa" pubblica, la distruggono.

    RispondiElimina
  10. @Maximilian Hunt e Lara: Penso che a farne uno così grande in plastica fai più danni all'ambiente che a prenderne uno vero...

    Diciamo che in città basterebbero un paio di luminarie e fine.

    RispondiElimina
  11. Al,
    uno dei più bei post che si possano scrivere in questo periodo.
    "...ti chiedo perdono per i miei simili"
    ciao Alberto
    e lettori!
    g

    RispondiElimina
  12. Io ne ho uno di plastica che adopero da 14 anni, non capisco chi si ostina ad usare gli alberi veri, a parte che quelli finti ormai quasi non si distinguono più da quelli veri e poi sono talmente carichi di decorazioni che il "supporto" quasi scompare!

    RispondiElimina
  13. concordo purtroppo con te. anche qui a bologna ce n'è uno simile, e chissà in quante altre piazze di tutta italia. è uno scempio tristissimo, e si perpetra ogni benedetto anno. si dovrebbe far qualcosa
    sun

    RispondiElimina
  14. Io ne faccio uno piccino e finto da molti anni....che dire, l'albero di Piazza Duomo come quello di Montecarlo o di tante altre piazze anonime è uno dei tanti simboli dello spreco del Natale commerciale....

    RispondiElimina
  15. Mia nonna diceva: "L'unestà a sta fia ben in tu cagà"

    RispondiElimina
  16. si , si ostinano a far scomparire sempre più alberi. bastava un 'intelaiatura di ferro con le luci sopra ( o addirittura un palo della luce ?).

    RispondiElimina
  17. Guarda che bella questa idea,altro che far morire un albero del Trentino!http://www3.varesenews.it/varese/articolo.php?id=112877 Ne ho visto uno simile sul lungomare di Loano.......bellissimo,proverò a farlo,ciao

    RispondiElimina
  18. Questi esseri sono solo come li vogliono i loro simili.
    Moratti, De Corato, La Russa,
    Non valgono quanto quel l'albero.
    loro non mi rappresentano
    Io non vado a vederlo, non sono come loro.
    Salù

    RispondiElimina
  19. E' un vero peccato che non lo riportino laddove l'ahhno trovato. Un'angheria inutile.

    RispondiElimina
  20. Si dovrebbe veramente cominciare a pensare alla sobrietà, al rispetto altri ed alla rispetto verso la natura, putroppo questo non ne e' un esempio da imitare in quanto spreco di denaro pubblico e privato, spreco di uno dei monumenti delle nostre alpi.
    Vedere un albero senza radici in piazza Duomo pone molta tristezza, e fa capire quanta poca sensibilità hanno le persone che hanno concepito tutto cio'.

    RispondiElimina
  21. Che tristezza... E CHE RABBIA...
    Mi unisco al tuo saluto al vecchio albero strappato alla sua terra con la violenza.
    Sempre più questo sta diventando
    un mondo... difficile.

    RispondiElimina
  22. Purtroppo è la fine che fanno tanti alberi in questo periodo.... ciao da Maria

    RispondiElimina
  23. io al limite ne addobbo uno che ho in giardino, con le radici..sue nella terra, ben saldo e vivo. Odio quelli tagliati, e sono contro l'usare quello si plastica. Quelli tagliati perchè stanno meglio a casa loro, e son anche più utili, vedi frane smottamenti, etc, quelli di plastica beh vedete voi..un saluto

    RispondiElimina
  24. atroce veramente

    che abitudini incivili che abbiamo

    mi scuso con il signor Albero a nome del genere disumano a cui appartengo, e mi scuso col regno vegetale per l'ennesimo stupro natalizio.

    E' storto dite? ma cadesse pure sulla zucca vuota di chi ce l'ha messo....!

    RispondiElimina
  25. da "Arboreto salvatico" di Mario Rigoni Stern,Einaudi: "Quando gli uomini vivevano con la natura, nel tempo dell'anno che il Sole ritornava a salire nel cielo, sentivano di dover festeggiare il grande avvenimento adornando un abete nella foresta e, nella radura luminosa, con danze e canti si rallegravano nel cuore... da allora si diffuse la tradizione dell'albero di natale che oggi ambientalisti e verdi vorrebbero far morire. La loro ragione, molto emotiva e poco razionale, è che migliaia se non milioni di abeti vengono così sacrificati, che boschi vengono distrutti con grave danno ecologico. E si indignano. Ma le cose non stanno così. Intanto si può dire che dove per così tanto tempo questa tradizione è viva e viene praticata, i boschi non sono affatto scomparsi. Nei Paesi del Nord le foreste di conifere coprono ancora grandi estensioni di quei territori, ed è da credere che le superfici boscate sono aumentate.Ben altre sono le minacce alla loro vita!... Gli alberi che vediamo vendere agli angoli delle piazze cittadine hanno verso la punta un sigillo del Corpo Forestale che ne garantisce la provenienza. Per lo più vengono da coltivazioni apposite... Si sa che la migliore foresta, la più utile all'uomo sotto ogni aspetto, non è la foresta vergine o quella abbondanata a se stessa , ma quella mista, disetanea,e coltivata. Lo dicono da tempo l'esperienza e gli studiosi che tutta la vita hanno dedicato al bosco; e per coltivarlo, per avere i benefici, bisogna appunto tagliare o agevolare lo sviluppo....A causa dell'abbandono della momtagna, anno dopo anno,aumenta notevolmente la superficie boscata delle nostre Alpi, Prealpi e Appennini.... E poi sotto quell'albero che rallegrerà le nostre case non mettiamo solo doni costosi, inutili o diseducativi per i nostri ragazzi, ma assieme a qualche libro anche qualcosa per la ricerca sul cancro, o per i vecchi del ricovero."
    Io l'albero non lo faccio, nè vero nè di plastica.

    RispondiElimina
  26. johnny f.i.v.10/12/08 22:56

    E'davvero triste vedere questo sfregio alla natura:ogni volta che vedo tagliare un grande albero penso che qualcosa muore in noi.
    Il denaro,il commercio,il profitto -tutte cose inventate dall'uomo-stanno distruggendo la natura.
    In una citta' vicino alla mia hanno tagliato alcuni alberi secolari per fare posto ad altri parcheggi per altre stupide automobili.Chi si opponeva a questo atto e' stato zittito con argomenti a dir poco assurdi:le piante in citta'sono inopportune perche' pericolose per le automobili che ci vanno a sbattere contro o perche'producono troppe foglie...e pensare che d'estate era l'unico posto dove si poteva trovare un po' di refrigerio;anche i SUV neri con i vetri oscurati ora rimpiangono la loro ombra.CHE PECCATO...........

    RispondiElimina
  27. Quoto filo, cento per cento...Cerchiamo di svegliarci da questo torpore tardo non so che cosa. Torniamo coi piedi, o con cosa volete, ai veri problemi di questa nostra benedetta terra.

    RispondiElimina
  28. Tagliano gli alberi nelle città perché danno fastidio, ma poi installano condizionatori voraci di energia (che sono diventati uno status symbol), ignorando gli influssi benefici che le piante producono, sotto molteplici aspetti (elettromagnetico, bioenergetico, di equilibrio termoigrometrico – tramite i meccanismi di evapotraspirazione e di riflessione dell’energia radiante, così che due alberi hanno l’effetto di tre condizionatori –, di qualità dell’aria…), non solo per il benessere, ma anche per la salute degli esseri umani.
    Poi vogliono costruire le centrali nucleari per produrre energia, per alimentare i condizionatori...
    Che bel mondo!

    RispondiElimina
  29. per favore, mi dite quanto costa alla vostra amministrazione comunale l'allestimento dell'albero di natale in piazza?
    qui a palermo pare che costerà 300.000 €
    vorrei fare una specie di statistica
    grazie e ciao.

    RispondiElimina
  30. ha ragione Mario Rigoni Stern, magari rileggetevi FILO. i boschi stanno aumentando dovunque in italia, tranne dove si costruiscono villette a schiera. meglio aggiustare il tiro dell' indignazione.
    ogni villetta sono mezzo ettaro di alberi sradicati e buttati in discarica, con ripiantumazione delle essenze che meno sono adatte al posto (compresi gli abeti in pianura, di cui userei la legna resinosa per ardere le suddette villette)
    poi manco io faccio l' albero di natale, ma non mi disturbano.

    RispondiElimina
  31. Anche a me da un lato dispiace vedere morire alberi tanto maestosi, ma non penso che questa sia una causa di diminuzione delle foreste. Così come gli alberi di piccola taglia provengono perlopiù da coltivazioni. E' vero, tagliare un abete di 40 metri sembra un oltraggio, ma quanti altri alberi vengono abbattuti per i nostri usi quitidiani, di cui molti inutili? E poi la plastica non penso sia la soluzione ma anzi sarebbe un peggioramento, visto quanto si inquina per la produzione, l'imballaggio in scatole di cartone (provengono dal legno anche quelle...) e poi, un giorno, per lo smaltimento. Piuttosto gli alberi e la natura in generale dovremmo imparare a rispettarla sotto ogni aspetto, e non solo quando abbiamo prove così evidenti come gli alberi di natale. L'unica cosa che mi dispiace è che, come hanno detto in molti, il natale sia una festa così commerciale e ormai priva dei valori che dovrebbe rappresentare; se il natale fosse riuscito a mantenere e ricordarci qualche valore, allora qualche albero tagliato avrebbe comunque dato qualcosa di grande...
    ciao

    RispondiElimina
  32. e per non parlare di quello che mettono ogni anno in Vaticano... agggrrr... papavaff! Piantarne uno a vita no eh? Non fa scalpore!io da anni ne ho uno minuscolo finto...

    RispondiElimina
  33. Bè...ogni ambientalista che sento, mi convinco sempre di più che siete solo dei poveri deficienti...Volete sapere il perchè? Ok! Come si fa a fare tutto sto casino per UN ALBERO????!?!?!?!...Ce ne sono milioni di altri alberi in giro. Stessa cosa vale per tutte le altre cazzate che dite. Il sapone all'olio di mandorla per esempio: guardacaso, c'erano gli amici di legambiente, travestiti da gorilla, che urlavano (o ululavano...difficile stabilirlo con esattezza) dei strani versi fuori dalla sede italiana della P&G (Azienda che produce tale sapone a marchi Nivea). Ma..dico io..non sembra ridicolo?...

    P.s. secondo me, siete pagati, ma pagati bene da qualcuno che conta. Altrimenti non averebbe senso perdere tanto tempo e tanta salute, per stare a urlare, magari travestiti da scimmioni, contro dei colossi come P&G.

    RispondiElimina
  34. Faccio alcune correzioni per quanto riguarda il precedente messaggio: "la protesta del sapone" è stata organizzata dalla "magnifica" associazione "Greenpeace" e riguardava la sede della Unilever (Colosso internazionale simile come fatturato a P&G) che produce il suddetto prodotto a marchio "Dove" .

    RispondiElimina
  35. Caro Alberto, è un vero peccato.
    Dicono che le piante non hanno sistema nervoso, ma hanno certamente l'agonia: quell'albero di Milano, come quello qui a Genova e molti altri in tutto il mondo, sono una foresta che si spegne.
    Quasi peggio hanno fatto a Taggia: hanno costruito l'albero di Natale sull'obelisco in memoria dei Ruffini. Ma a Natale la storia si riscrive?
    ciao
    giacomo

    RispondiElimina
  36. E' una tristissima vicenda, sono perfettamente d'accordo. E purtroppo a quanto leggo, adottata anche da altre amministrazioni. Avrei due proposte: la prima, organizzare un boicottaggio nei confronti di quelle banche o costruttori di cellulari o altro che hanno sponsorizzato l'inziativa. Magari la prossima volta ci pensano due volte! La seconda inviare mail di protesta all'amministrazione, in questo caso quella della Moratti. Poi occorrerebbe veramente più consapevolezza in ogni nostra azione! Raffaella

    RispondiElimina
  37. Raffaella. Ma quest'anno ormai il danno è fatto. Per l'anno venturo bisognerà pensarci in tempo e fare una campagna.

    RispondiElimina
  38. IN QUANTO PER L'ALBERO DI NATALE DI MILANO, PIAZZA D'UOMO RISPONDO:

    VOI STATE GRIDANDO INGIUSTAMENTE.
    DUNQUE: GLI ALBERI CI SONO PER MERITO DELL'UOMO.
    L'UOMO HA TUTTI I SUOI DIRITTI DI USARLI QUANDO NECCESSITANO PER L'UTILITà PUBLICA è PRIVATA.
    ESEMPIO: MOLTI ALBERI VENGONO SACRIFFICATI PER MERITO DELL'EDILIZIA, ... SIA PER FARE DEI PONTEGGI ... SIA PER FARE DELLE COPERTURE HAI TETTI, E FARE CASE IN LEGNO ....

    PER FARE FINESTRE, PORTE, MOBILI, E TANTE ALTRE COSE ... PER
    LA VOSTRA NECCESSITà.
    ...( TI RICORDO ANCHE QUANDO CESSI DI VIVERE, DOVE ANDIAMO HA FINIRE ?
    TI SEI MAI CHIESTO?
    NO!!!
    VAI A FINIRE DENTRO UNA CASSA FATTA TUTTA IN LEGNO.
    QUESTE CASSE IN LEGNO PRIMA ERANO ALBERI FRESCHI VIVI, PERò L'UOMO PER FARE LE CASSE TAGLIò HA MORTE GLI ALBERI DI QUALITà. ...
    ........ IO DIREI CHE NON SAREBBE GIUSTO TAGLIARE ALBERI DI VALORE PER FINIRE POI A MARCIRE SOTTO TERRA... CON IL CADAVERE
    __________________________
    EPPURE STIAMO TUTTI ZITTI.
    PER QUESTO SCEMPIO CHE SI FA ,DA SEMPRE....
    FINE.
    ____________RISPONDO HA QUEL SIGNORE CHE VEDE L'ALBERO STORTO IN PIAZZA DUOMO:
    CARO AMICO SAI CHE GLI ALBERI GENERALMENTE NON SONO DRITTI PERCHè VENGONO CURVATI DALLA NATURA...VENTO ... OPPURE TRA DI LORO NON HANNO SPAZIO...
    PERCHè QUANDO SONO PICCOLI PIANTANDOLI L'UOMO NON SI RENDE CONTO ....
    MA GENERALMENTE SI PIANTANO CON POCA DISTANZA, (PIù FOLTI). PER CRESCERE PIù VELOCEMENTE....
    MA IN SEGUITO VANNO DIMINUITI PER AVERE PIù ARIA GLI ALTRI SIMILI
    - PERCIò TAGLIRE UN ALBERO PER FAR POSTO AGLI ALTRI SAREBBE IL SISTEMA PIù GIUSTO......

    ABBIAMO IL CORPO FORESTALE ALLA DIFFESA DELLA NATURA.
    FIGURIAMOCI SE AVREBBERO LASCIATO FARE UNO SCEMPIO DEL GENERE PER FINIRE IN PIAZZA DUOMO A MILANO UN ALBERO ALTO CIRCA ...40 METRI.

    GLI ALBERI QUANDO SONO PICCOLI SONO BELLISSIMI,
    PERò QUANDO DIVENTA UN ALBERO ALTO FUSTO COME QUELLO DI PIAZZA DUOMO DI MILANO...40 METRI...
    TROVANDOSI IN QUALCHE POSTO, CHE POTREBBE FARE DEI DANNI ALLE PERSONE, STRUTURE, PERCIò NECCESSARIAMENTE VENGONO ELIMINATI PER FARNE UN UTILE COME QUELL'ALBERO DI PIAZZA DUOMO DI MILANO...
    _________________________________
    LO STATO FINANZIA MOLTI EURO, PER LA PIANTAGIONE DEGLI ALBERI.
    CHE FANNO UN MISTO LE QUERCE ASSIEME AL PINO,
    IL PINO HA UNO SVILUPO VELOCE, MENTRE LA GHIANDA NO.
    IN SEGUITO GLI ALBERI DEI PINI VENGONO ELIMINATI A MODO CHE LE GHIANDE ABBIANO PIù POSTO DI DISTANZA TRA DI LORO.....
    CHE FINE FANNO GLI ALBERI DEI PINI ELIMINATI?
    ........... CERTO CHE VENGONO USATI ANCHE PER FARE GLI ALBERI DI NATALE.
    E GENERALMENTE QUASI TUTTE LE CITTà FANNO DA QUESTI L'ALBERO DI NATALE...
    PERCIò NON STARE HA PIAGNUCOLARE PER UN'ALBERO CHE SARà STATO ELIMINATO PER PURA NECCESSITà.
    ...........................
    VENGONO ELIMINATI ANCHE ALBERI CHE CONFINANO ALLE STRADE PERCHè POSSONO CADERE SULLE AUTO PROVOCANDO DEI MORTI.
    NON TI SEWI MAI CHIESTO PERCHè PIANTANO GLI ALBERI SUL CIGLIO DELLE STRADE?
    .............. PERCHè CHI GESTIVA LA PIANTAGIONE DEGLI ALBERI SUL BORDO STRADALE NON CAPIVA UN CAVOLO.... PENSAVA CHE L'ALBERO FOSSE UN FIORE...
    CORDIALI SALUTI , BUON NATALE, ...
    ...GESù BAMBINO VI BENEDICA...
    ERIKA

    RispondiElimina
  39. johnnyf.i.v.31/12/08 17:11

    Cara Erika,ma come si fa a pensare delle castronate del genere,o tantomeno scriverle?Oltre al fatto di tagliare inutilmente un albero che stava bene dove era per una festa consumistica pensa ai soldi esborsati dalle pubbliche amministrazioni per luci,fuochi d'artificio ecc...PAGATI CON DENARO PUBBLICO,moltiplica per le piazze italiane e vedrai che cifra...E' chiaro che il legno e'da sempre una risorsa per l'uomo,un dono della natura,ma come sempre l'uomo deve passare il segno,quello che ci manca e' il rispetto,il fare tanto per fare o perche' si e' sempre fatto,oppure perche'''crea posti di lavoro''...
    Che cosa pensiamo di fare,disboscare l'intera rete stradale secondaria solo perche' quando c'e'il temporale le piante possono cadere sulle automobili?Non bastano ferrovie,autostrade e statali?Quando esci in macchina con un tempo proibitivo sai che corri dei rischi...anche con la benedizione di Gesu' Bambino.

    RispondiElimina
  40. oh, tutti scienziati!! tuttologi! a parte qualcuno che scrive 2 errori grammaticali per ogni parola, addirittura. L'albero è stato selezionato dalla forestale tra quelli che DEVONO essere abbattuti, RIMPIAZZATI da alberi nuovi. Ma ovviamente all'italiano medio tuttologo non va bene nulla...ha (si, qua ci va l'h, anonimo!) sempre da ridire su tutto, per cui se la montagna frana perchè non sono stati fatti i lavori di ordinaria riforestazione (abbattimento di alberi vecchi che vengono tagliati per legna e piantagione di nuovi)sono tutti contro il comune che "doveva riforestare e non l'ha fatto".
    Quando pensate di costruire una casa prefabbricata "perchè è ecosostenibile, si produce la metà di co2 ecc ecc..." e vi presentate come paladini dell'ecosostenibile ecc ecc, quando montate serramenti in legno, scrivanie, tavoli, sedie, quando accendete il camino, quella legna non era forse un albero??! e rompete il c...o perchè si taglia un albero (che sarebbe comunque stato tagliato, nello stesso periodo) da mettere bello addobbato in piazza duomo a Milano??! invece di pensare a rompere sempre
    e criticare, come se soltanto voi foste capaci di decidere le cose giuste, guardate sto albero, senza seghe mentali, forse vi accorgerete che è anche bello. é una bella decorazione natalizia in una bellissima piazza famosa in tutto il mondo.

    RispondiElimina
  41. se avessero messo un albero di plastica delle stesse dimensioni sareste tutti qui a rompere lo stesso, solo con altre motivazioni.."con tt quella plastica si facevano tanti di quei giochi per la pediatria dell'acquila!" , "la plastica poi va smaltita, e anche riciclandola si produce co2, e poi mettono l'ecopass!" , "siamo gli unici pivelli in tutto il mondo ad avere in una piazza importante un albero di plastica!". Il problema non è l'albero di plastica o vero. Il problema è la gente che non ha un ca... da fare e riempie i blog di minchiate, fomentando una reazione a catena di minchiate sempre più gravi. Se la gente mettesse lo stesso impegno che mette a rompere le palle per qualsiasi cosa facciano i governanti o chiunque stia "sopra" di loro, in attività di istruzione volta a creare una società che SA di cosa si parla, una società informata e ragionevole, intelligente..magari potrebbe trovarsi a sostituire le persone di cui si lamenta così tanto.

    RispondiElimina
  42. chiedo umilmente perdono per l'errore, l'ho visto rileggendo. L'aquila, senza c.

    RispondiElimina
  43. per favore, nn diamo notizie FALSE!
    l'abero portato in piazza duomo era uno di quelli destinati all'abbattimonto per _"raggiunti limiti di età" e per far posto a nuovi alberi.
    d'accordo con la forestale è stato tagliato, portato in duomo ed, alla fine delle feste, sarà riconsegnato alla forestale per farne legna e quant'altro.....
    che gusto c'è a postare queste notizie tanto per colpire qualcuno? nn c'è di meglio da fare? magari.....INFORMARSI su ciò che succede e di cui si scrive?

    RispondiElimina
  44. Ma hai visto in che anno siamo? Guarda che è l'albero dell'anno scorso.

    RispondiElimina
  45. Quando e' finito il natale lo voglio io per fare il barbecue. buon natale a tutti!

    RispondiElimina
  46. sono daccordo con tutti potevano servirsi di un albero ecologico senza danneggiare ancra di più la natura sono molto amareggiato

    RispondiElimina