Pagine

venerdì 6 luglio 2007

Botero a Milano

Fernando Botero
Fernando Botero
foto Alberto Cane ©

Ieri ho fotografato Fernando Botero, venuto a Milano per inaugurare una sua grande mostra a Palazzo Reale con i lavori degli ultimi dieci anni.

Stavolta non è dedicata ai suoi popolarissimi ciccioni gaudenti ma ad un argomento di drammatica attualità. Le torture inflitte ai prigionieri iracheni nel carcere di Abu Ghraib da parte dei soldati americani.

Non è una novità. La mostra, composta da un'ottantina di pezzi, ha già fatto il giro del mondo, da Roma ad Atene, da San Francisco alla Germania.

La notizia è che a Milano quaranta opere della serie si potranno vedere accompagnate in catalogo da un testo della scrittrice Erica Jong e saranno inoltre esposti lavori inediti sul tema del circo. Grandi sculture in bronzo sono già state collocate nella piazzetta reale, altre lo saranno in altri spazi.
Fernando Botero
Fernando Botero
Ingrandisci il quadro

L'anno scorso fotografai delle donne "alla Botero". Due le ho messe in questo post. Guardatele, penso ne valga la pena.


Technorati Tags:

5 commenti:

  1. Cormorano296/7/07 08:37

    Molto bella la foto di Botero, accigliato ed elegante nel suo vestito gessato.
    Assomiglia vagamente ad Antonio Ricci: un Ricci dal cipiglio severo e senza la sua abituale voglia di scherzare. Del resto visto l’argomento dei quadri esposti a Milano, non credo che ci sia spazio per lo scherzo. Le tele riprodotte sul blog non hanno bisogno di commenti perché si commentano da sole, semmai viene voglia di chiedersi, come è possibile che un paese che vuole “esportare la democrazia nel mondo” ricorra poi alle torture e alle sevizie? Probabilmente c’è qualcosa che non funziona: o tutto è diventato molto relativo e soggettivo o le cose non sono così come appaiono e come vogliono farci credere.

    RispondiElimina
  2. matrixpigreco6/7/07 10:27

    Le foto di Abu Ghraib forse si dimenticheranno. Difficile dimenticarsi di questi quadri e quindi dell'ignominia compiuta dagli americani andati là "per portare la democrazia".
    Bella la foto di Botero. Immagino che l'hai scelta fra le parecchie che gli avrai fatto.

    RispondiElimina
  3. Gli scatti sono 47. Ho scelto questo perché mi sembrava più consono al tema serio della mostra.

    RispondiElimina
  4. mi è sempre piaciuto botero e il modo in cui ha affrontato questo tema è grandioso...peccato che non sono milano...

    RispondiElimina
  5. bello qui facciamo uno scambio link? fammi sapere www.ilburlonemascherato.blogspot.com ho già aggiunto il tuo blog

    RispondiElimina