Pagine

giovedì 4 settembre 2008

Anche così si diventa bamboccioni

Due giorni fa si sono svolte le prove per accedere al numero chiuso della facoltà di Medicina e Chirurgia della Cattolica di Roma. Ma ci si accorge subito di un'anomalia. Fra gli iscritti all'esame c'è un numero spropositato (140) di uomini attempati. Alcuni nati addirittura nel 1949. E guarda caso molti dei loro indirizzi coincidono con quelli degli studenti. Questi signori sono medici, padri e zii premurosi che si sono iscritti per dare una mano ai loro ragazzi indifesi passando loro le risposte dei test. Ma è andata male. Tutti i nati prima del 1984 hanno dovuto svolgere la prova in un'apposita aula del policlinico Gemelli. L'Ordine dei Medici di Roma sta indagando "perché si tratterebbe di un comportamento deontologicamente scorretto". Ipocriti.

16 commenti:

  1. Come si dice, ogni scarrafone è bell’ a mamma soja - ma evidentemente anche a papà suo e a zio suo. É la ormai solita Italia - o Italietta - in cui si preferisce la furberia all'onestà e al merito.
    Cosa possiamo pretendere dai nostri figli, se "compriamo" loro un ruolo di rilievo (dagli studi al lavoro) anzichè metterli in condizione di conquistarselo?
    Certo, è più comodo mettere in gioco l'influenza di papà che darsi da fare direttamente. Il problema è che poi si è così anche a 46 anni (conosco dei soggetti di questa età che hanno ottenuto nell'Ente Pubblico - grazie al peso politico e professionale del genitore - una Posizione Organizzativa della quale non avevano economicamente alcun bisogno e che, francamente, neppure meritavano dal punto di vista professionale, perché quel lavoro non lo sanno fare. Poi ci sono le signore che la P. O. la ottengono invece grazie all'affettuosa amicizia che le lega a qualche politico o dirigente, ma almeno queste ci mettono dell'impegno loro!). Ma ormai è un fenomeno generalizzato. Pazienza per gli altri che ci rimettono.

    RispondiElimina
  2. Perche' no? Messi come sono messi c'e' il paparino dietro anche mentre visita per la mutua
    :-(
    ciao

    RispondiElimina
  3. Veramente incredibili.. Hai ragione così si crea un intera generazione di "bamboccioni".

    RispondiElimina
  4. aridellago4/9/08 18:51

    Si tratterEBBE????!!!!

    RispondiElimina
  5. Dai non tutti... questo l'ha mandato da solo.
    :-(
    Ciao

    RispondiElimina
  6. oddio quando ero al liceo sognavo una sorella gemella, ovviamente secchiona, da mandare alle interrogazioni al posto mio, e devo confessare che alla maturità durante il tema di italiano mi era preso un attacco di panico e non riuscivo a scrivere niente e il più bravo della classe, che aveva una cotta per me, mi ha scritto lui il tema, dopo aver fatto il suo....... (potenza delle lacrime femminili)

    RispondiElimina
  7. oh con questo mica li giustifico! sai che anche a qualche concorso della camera dei deputati, dove ero stata chiamata a "controllare" beccavamo sempre qualcuno che aveva portato la sorella o il fratello maggiore per farsi fare i quiz preliminari, ovviamente li dividevano persino di turno, facevamo certi controlli che manco la CIA o il KGB

    RispondiElimina
  8. ma queste cose quando le progettano? La notte? Poi per forza aldo busi dice che non c'è cultura dello studio

    RispondiElimina
  9. La prima domanda (e le risposte a scelta) del test di accesso a medicina di quest'anno è la seguente:

    Che cos’è la “maieutica”?
    A) Un metodo “pedagogico” praticato da Socrate
    B) Una tecnica usata in ostetricia da I.F. Semmelweis
    C) Un metodo di analisi dei testi proposto da H.G. Gadamer e P. Ricoeur
    D) Un procedimento logico praticato dai formalisti russi
    E) Una cura della salute fisica e psichica messa a punto dal premio Nobel R. Levi Montalcini

    ...e le restanti domande sono dello stesso tenore.
    A questo punto mi chiedo e vi chiedo, siamo così sicuri che un borioso professionista ultraquarantenne che vuole "aiutare" il bamboccio possa effettivamente farlo?
    io credo di no, il test non è forgiato sulle conoscenze scientifiche (magari scarse) di un medico, ma su materie che un diciannovenne preparato conosce molto meglio.

    RispondiElimina
  10. Torquemada6/9/08 13:17

    @ico
    "ma su materie che un diciannovenne preparato conosce molto meglio"
    Ma questi qui che si son fatti accompagnare evidentemente sono degli asini patentati.

    RispondiElimina
  11. Non ci credo... non possiamo essere arrivati a livelli così bassi nel percorso evolutivo dell'uomo. Stiamo retrogradando.

    RispondiElimina
  12. per Torquemada
    quando esprimevo il concetto che un diciannovenne preparato conosce molto meglio di un medico ultraquarantenne certe materie, sottolineavo che, per fortuna, il metodo utilizzato tende ad escludere non solo gli asini patentati, ma anche i loro augusti genitori. Quindi il loro tentativo di frode mette anche in mostra la loro profonda ignoranza sui metodi selettivi adottati.
    Comunque per rendersene conto basta andare sul sito del MIUR (Ministero dell'Università) dove già da oggi sono disponibili e visibili i test di ammissione di ieri (medicina, veterinaria, ecc.)

    RispondiElimina
  13. ma come hanno fatto, scusa...quando ci si presenta ad un test per l'accesso universitario si deve esibire un documento ...tipo quando vai a votare...come si può sperare di sfuggire? O le cose sono cambiate o mi sembra assurdo, deve esserci sotto qualcosa

    RispondiElimina
  14. Francesca
    No, no, questi signori erano regolarmente iscritti e quindi avevano i documenti in perfetta regola. Però quello che mi son chiesto subito quando ho letto la notizia è: ma può iscriversi ai test di ammissione un medico già laureato?

    RispondiElimina
  15. Ehm, non vorrei fare l'uccello del malaugurio ma ricordiamoci che comunque poi qualcuno di questi che barano e che però passano, poi finisce per diventare medico... e a prescriverci farmaci, a mettere le mani nei/sui nostri organi più o meno interni, a somministrarci cure...
    Oltre che di deontologia qui si tratta di sopravvivenza, eh! ;-)
    (la nostra)

    RispondiElimina