Pagine

lunedì 29 settembre 2008

Una domanda a Legambiente di Milano

 milano crescenzago
 milano crescenzago
 milano crescenzago

La palazzina che vedete in alto, che è vicino a casa mia, era l'antico municipio di Crescenzago, quando questo quartiere di Milano era comune a sé stante. È attualmente sede di Legambiente, della locale sezione dell' ANPI e della banda musicale del quartiere. Non più per molto, perché questo immobile, come altri in città, è stato venduto da Letizia Moratti a qualche immobiliarista dai denti aguzzi.

maurizio cadeoIeri mattina la signora sarebbe dovuta venire in visita ma, forse fiutando aria di contestazione, s'è defilata e ha mandato un suo luogotenente, Maurizio Cadeo (nella foto), assessore all’Arredo e Decoro urbano, che è arrivato come reduce dall'aver sfilato su qualche passerella di moda maschile, con il vestito, quello della sfilata voglio dire, ancora addosso. Se qualcuno aveva in testa di contestare la Moratti s'è ammosciato perché l'impatto, soprattutto mediatico, avrebbe perso tutta la sua forza. Però quello che ha fatto Legambiente proprio non l'ho capito. Ma come? Ti arriva uno della giunta Moratti che ti ha venduto la sede e ti sfratta, e tu lo accogli con la fanfara e tutto il resto come un graditissimo ospite d'onore? Anche il cappellino volevate che si mettesse, ma lui educatamente ha opposto un fermo rifiuto, perché ci tiene che la sua bella chioma sia sempre bene in vista.

Ecco, vorrei chiedere a voi, che dell'ecologia avete fatto la vostra missione, se è forse "ecologico" vendere a speculatori senza scrupoli dei pezzi storici e simbolici di questa città. E poi ci si lamenta che non abbiamo più memoria? Ma forse sono io, cara Legambiente, che non capisco le finezze della politica.

 milano crescenzago

13 commenti:

  1. Mah si rimane storditi certe volte.

    RispondiElimina
  2. io non mi stupisco più di niente!!!

    RispondiElimina
  3. altro che lega(l')ambiente...
    non è la prima che combinano. e non sarà neanche l'ultima.
    l'unica cosa di verde a cui tengono sappiamo cos'è...

    RispondiElimina
  4. Forse la Moratti ha venduto per comprare i famosi 1000 alberi! Sono stata a Milano qualche giorno fa, ma di piantine nuove non ne ho visto!

    RispondiElimina
  5. amo la natura
    la rispetto
    tengo nella massima considerazione il valore del rispetto ambientale, il territorio e la difesa del suo patrimonio
    insomma il mio cuore è verde

    tuttavia:

    non mi piace lega ambiente
    ripeto
    non mi piace lega ambiente

    e aborro il WWF

    Potrei darvene mille perchè ma non voglio fare comizio, quindi dico solo: documentatevi...!

    tuttavia non mi sorprende affatto ciò che hai raccontato alberto, e come ha ben detto titus: non sarà neanche l'ultima che combinano.

    Firmate tutti la petizione per l'invio della moratti su Marte!!!! :D
    ciao

    RispondiElimina
  6. Guglielmo30/9/08 12:13

    Così per la cronaca, in questa palazzina c'era un'era fa anche una sezione del partito socialista. Credo, ma non ne sono sicuro, che Craxi fosse iscritto lì.

    RispondiElimina
  7. Non significa questo essere "verde".
    Sarebbe come dire che un cattolico si riconosce nella chiesa....
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Moratti ha già fatto guai nella scuola,ora basta!

    RispondiElimina
  9. Penso che la Moratti oltre che a mandare il suo accolito abbia anche organizzato il "ricevimento",onde appunto evitare che potesse sorgere qualche protesta.

    Anch'io in casi come questi mi chiedo: Legambiente,da che parte stai ? Boh...

    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  10. Personalmente quel giorno ho bloccato Cadeo e gli ho spiegato - suo malgrado - la situazione dell'ex municipio di Crescenzago, aiutata poi da un vecchio partigiano che gli ha ricordato la funzione storica e sociale rivestita da quell'edificio. Purtroppo ormai la frittata è fatta e, nonostante le sue parole di rassicurazione tipiche del politico dell'ultima ora, non si può più salvare il palazzo dalla speculazione.
    Rimango perplessa e dispiaciuta anch'io sul fatto che Legambiente Lombardia non si sia mossa per tempo!

    RispondiElimina
  11. Un vero peccato!!! Un pezzo di STORIA DI CRESCENZAGO SE NE VA...per far posto "ai danèe"
    Bruno

    RispondiElimina