Pagine

sabato 20 giugno 2009

Fratelli Muratore

fratelli muratore

Ormai inscindibili, sono la memoria storica, anche se non unica, dell'ambiente culturale che animò l'estremo Ponente ligure nei decenni passati. Mi piacerebbe girare un video su di loro perché quello che hanno da raccontare è una miniera di pepite curiose.

La foto l'ho scattata ieri sera a margine dell'incontro letterario a San Biagio "Guido Seborga: scritti, immagini e lettere" di cui parlerò in un altro post.

Spero che nemonemo e Matteo scrivano qui qualcosa di interessante su di loro. In caso contrario la prossima volta che mi incontrano sono...

Ma i fratelli sono conosciuti dai tanti che mi leggono da quella mia natia porzione d'Italia. Dite. dite...


Technorati Tags:

8 commenti:

  1. sandro oddo21/6/09 11:41

    Se non sbaglio, dovrebbero essere originari di Badalucco. Hanno affrescato molte chiesette del ponente con uno stile veramente unico. Fra queste ricordo il santuario di Loreto, la chiesa di Creppo, S. Agostino a Triora, ma ne dimentico senz'altro qualcuna. Un servizio sarebbe veramente una buona cosa e darebbe loro un po' di giustizia...

    RispondiElimina
  2. sandro oddo21/6/09 11:42

    Mi dice mia moglie che erano amici di don Ferrando Antonio, parroco di Sasso (oggi purtroppo malato abitante a Camporosso presso la sorella).

    RispondiElimina
  3. che personaggi interessanti

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo perchè non pubblicano un libro su tutto quello che hanno da raccontare ,loro che hanno avuto il privilegio di vivere coltivando l'arte, la letteratura, la poesia, sono i più qualificati a farlo.
    Amano il crepuscolo, ed escono di casa quando calano le ombre della sera. Forse riescono a vedere oltre il buio!
    Un saluto a tutti e due. ( Non si direbbe,ma Rita è stata mia compagna di scuola alle elementari!)
    Ciao Alberto.
    (Credo che non siano le stesse persone di cui parla Sandro Oddo)

    RispondiElimina
  5. gian paolo22/6/09 16:25

    è vero, li si incontra di sera...
    Lorenzo è il filosofo, di lui ricordo alcune discussioni con Biamonti al bar Nadia di Bordighera, la notte. E gli interventi, profondi, in occasione di pubblici incontri.
    Di lei credo d'aver visto ed apprezzato una mostra di quadri.
    Mai avrei pensato di vederli divisi da San Biagio!

    RispondiElimina
  6. Giorgio Loreti22/6/09 17:41

    Caro Alberto, grazie per la tua affettuosa 'attenzione' all'attività culturale e ai protagonisti del tempo lontano della mia giovinezza. Non mancherà l' occasione per parlarne e per documentare alcune cose che ora attirano la curiosità di molti amici. Per le difficoltà che ho di seguire il tuo interessante e bel blog, attendo l'arrivo di mia figlia per vedere di eliminare gli 'ostacoli'. Un affettuoso abbraccio ( è sempre un piacere incontrarti !!) Giorgio Loreti.

    RispondiElimina
  7. sandro oddo22/6/09 17:42

    Ha ragione Filo: ho fatto un po' di confusione: il pittore cui mi riferivo è Mariano Muratorio (non Muratore), anch'egli bravo artigiano attivo soprattutto negli anni 60 e 70.
    Me ne scuso con tutti.
    E' giusto comunque ricordare queste figure misconosciute.

    RispondiElimina