Pagine

venerdì 22 ottobre 2010

Ruota della sfortuna di Bros

Milano, via Torino a due passi dal Duomo. La ruota della sfortuna di Bros.

Vagano in città artisti sotterranei. Alcuni anche piuttosto noti. Ogni tanto emergono e lasciano il loro segno. Qualche amico mi avvisa o sono io che mi accorgo e allora documento. Potrei ormai organizzare una mostra con queste immagini ma sarebbe del tutto fuorviante perché la street art deve essere goduta nel contesto dove è stata realizzata, nel mezzo del traffico cittadino e fra l'andirivieni dei passanti frettolosi.

Possono essere grandi tele, come questa di Bros (fotografata ieri), oppure enormi graffiti come quelli a Lambrate di Blu e di Ericailcane, o anche grandi manifesti dipinti come quello che avevo fotografato in via Pasubio e attaccato proprio nello spazio pubblicitario dei 6x3 di Mr. Di Maggio. Ma sono anche figure di carta che appaiono sui palazzi incollati ad alcuni metri di altezza o anche icone varie impresse con la sagoma, firmate o anonime. Hanno tutte in comune il loro essere precarie. Vivono da alcuni giorni a qualche anno e poi di esse non si avrà più traccia fisica. Rimarranno solo immagini a testimoniare che sono esistite. Tutte figlie di questo tempo senza spessore fatto di carta velina.

Ritornando all'opera fotografata e al suo contenuto ne approfitto per farvi alcune domande. Ma voi alla fortuna ci credete? E quindi anche al suo speculare rovescio? Non si dice per l'appunto "subire rovesci"? E un'altra cosa. Quando mai è entrata in uso la parola "sfiga" che prima non esisteva? E chi mai l'avrà inventata?





14 commenti:

  1. Io alla fortuna ci credo, ma credo anche che essere positivi aiuta ad essere fortunati. Sulla parola sfiga sono completamente ignorante.

    RispondiElimina
  2. Ci passavo ogni giorno, da lì :'(

    RispondiElimina
  3. La fortuna? Ma ci pensi per 17 anni Eluana Englaro in coma e per 17 anni Berlusconi ha in qualche modo regnato ed accumulato ricchezze che si aggiungevano ad altre ricchezze. Alle disgrazie non è facile porre rimedio; ma, su ciò che è possibile, è necessario porre un qualche rimedio. L'idea del socialismo era quella di mitigare almeno nel sociale e nell'economico il danno della sorte, oggi mi pare che tutti si corre all'uno su mille ce la fa.

    RispondiElimina
  4. Mi hai messo curiosità con la parola "sfiga"...
    Ho cercato un po' e sembra che sia nata con "sfigato" cioè ragazzo senza una ragazza... Come datazione sembra essere una parola degli anni '70-'80 ma mi piacerebbe avere maggiori conferme...

    RispondiElimina
  5. Non so dirti quando sia entrata nell'uso corrente la parola sfiga ma direi negli ultimi decenni. Questa parola come altre deriva dalla cultura maschilista per cui gli attributi femminili sono belli/positivi (in quanto piacciono ai maschi) e quelli maschili sono brutti/negativi per il motivo opposto. Ecco quindi che una cosa brutta o mal fatta è una cazzata o in dialetto una belinata (da belin) mentre una cosa bella è una figata; allo stesso modo, dato che in italiano la "s" davanti a una parola è "privativa" ne consegue che sfiga sarebbe da intendere una persona (maschio) "senza figa", nel senso di ragazzo senza una ragazza (fidanzata) e pertanto sfortunato, il termine poi ha perso la sua valenza originaria e si è esteso a tutti con il significato di "sfortuna".
    Questa è la mia interpretazione.

    RispondiElimina
  6. nessuno vuole la paternità della sfiga (portasse sfiga !). L'opera non mi convince (la sfiga è più leggera, impalpabile...)

    RispondiElimina
  7. Opera che ricorda la trasmissione televisiva dal titolo "opposto" ma cmq in effetti meglio non passarci da lì allora per un po' LOL....

    Venendo alle tue domande, io penso che ci sia la fortuna ed anche il suo contrario. In molte cose ci vuole la tua capacità ma anche quel pizzico di aiuto dalla buona sorte che cambia la situazione in meglio.

    RispondiElimina
  8. Io che a Milano ci vengo ormai poco, come ho appena scritto nel mio blog, trovo qui confermata una cosa che mi aveva molto incuriosito e che trovo tuttora per lo meno simpatica.

    RispondiElimina
  9. Beh un po' si, non tanto nella fortuna ma nelle situazioni che comunque possono agevolare scelte o azioni.
    Rimane il fatto che non bisogna attendere...
    un saluto

    RispondiElimina
  10. La sfiga e' il bicchiere mezzo vuoto,la fortuna quello mezzo pieno.La ruota della sfortuna,e' la roulette russa,se becchi il proiettile sei fortunato!!!

    RispondiElimina
  11. Non credo affatto alla sfortuna. Credo alle conseguenze di azioni passate, agli incroci delle nostre azioni con quelle degli altri. Le cui conseguenze non sempre sono immediatamente deducibili; chiamiamo fortuna o sfortuna qualcosa le cui origini ci sfuggono, come secoli fa si evocavano dio o satana per spiegare malattie la cui origine un (oggi) semplice microscopio ha chiarito.
    Riguardo alla street art, mi veniva da pensare ai "passanti frettolosi". Chissà quanti di questi nel loro ritmo frenetico si rendono conto delle opere che compaiono e scompaiono di fronte ai loro occhi. A Milano puoi forse mettergli davanti non dico un Bros, ma per assurdo un Manet, e sarebbe anch'esso un'immagine che non raggiungerebbe il livello della coscienza, come un messaggio subliminale. Come quando il grande Joshua Bell si mise a suonare in una stazione della metro a Washington con uno Stradivari del 1713 e nessuno o pochissimi si resero conto di cosa stava succedendo.
    Stefano

    RispondiElimina
  12. io credo che ci siano persone che emanano energie negative e stare a contatto con loro potrebbe "danneggiarti", così come se tu sei un tipo che vede tutto nero di certo ti capiteranno tanti guai, perchè pè così che vivrai e considererai ogni piccolo accidente che ti capita.

    comunque per la serie non è vero ma ci credo giro armata di cornetto antisfiga!!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  13. No, non credo alla sfortuna, come non credo nel destino. Perchè penso che chi invece lo fa sia più portato ad accettare passivamente ciò che succede, e a giustificare errori e fallimenti in nome di una forza ineluttabile, e io preferisco assumermi completamente tutti i meriti e le responsabilità della mia vita.

    L'opera di Bros comunque è affascinante. Uno dei prossimi giorni conto di fare una deviazione dal mio solito percorso stazione-lavoro-università per osservarmela per bene dal vivo.
    Ciao Al.

    RispondiElimina
  14. vista ieri ..ciao Alberto :)

    RispondiElimina