Pagine

martedì 15 gennaio 2008

Milano è sempre più finta

trompe l'oeil
Guardate la grande finestra qui sopra. Nessuno mai aprirà i battenti, nessuno mai si affaccerà. È finta. Lo vedete bene nella foto in basso. Se uno gira per Milano non so in quanti di questi trompe l'oeil si imbatte, molti li ho fotografati. Non sono giochi di prospettive fine a se stessi come se ne vedono di carini sulle casette dei paesini della Costa Azzurra. Qui c'entrano i dané, quelli della pubblicità che esplode dagli enormi teli. La scusa è che la facciata in ristrutturazione di un palazzo fa più bella figura così che con i tubi innocenti. Sono d'accordo, ma è appunto una scusa.

Questi palazzi eternamente impacchettati, che nemmeno Christo che impacchetta ma subito dopo spacchetta, sono diventati di fatto l'elemento di sostegno di questi enormi tabelloni. Mi sono preso la briga di guardare il cartello della licenza del rifacimento della facciata di questo stabile. Vedo, inizio lavori: 03/04/2006, fine lavori: niente, non si sa quando finiscano. È regolare un cartello del genere? E se non lo è i vigili, pardon, la polizia urbana, non vede niente?

È proprio vero. In questa città i grafici hanno rubato il posto agli architetti.
milano pubblicità
cartello lavori

Vota su OkNotizie

43 commenti:

  1. Certo che a volte esagerano proprio... un mesetto fa una cosa del genere era presente proprio dietro Piazza di Spagna a Roma... cioè la bellissima piazza con dietro un enorme cartellone pubblicitario... le amministrazioni locali dovrebbero fare qualcosa...

    RispondiElimina
  2. Le città andrebbero tutelate maggiormente da tutto questo...
    Un saluto.

    Mr.Segnalatore

    RispondiElimina
  3. Un palazzo con la facciata messa a nuovo, che un passante occasionale la veda e la trovi bella non e' piu' considerato un valore.
    Al posto dei valori esistono i prodotti, misurabili in denaro. A questo punto, se il prodotto "bella facciata" costa troppo e vale 0, e' meglio un prodotto "facciata ricoperta" che costa meno di quello che vale (che rende economicamente).
    Anche gli uomini non sono piu' uomini, ma consumatori, misurati da quanto consumano e non da cosa fanno e cosa dicono.

    RispondiElimina
  4. ma lo sapete che parte dell'ammontare del restauro lo prendono da questi cartelloni pubblicitari?

    RispondiElimina
  5. E' un bellissimo trompe l'oeil....
    ciao

    RispondiElimina
  6. Echissenefrega!
    Personalmente sono stufo di vedere tutte le cose misurate con il denaro, tutte le azioni dell'uomo fatte solo per il proprio tornaconto economico!
    Lunga vita agli idealisti che si fanno un culo cosi' per una cosa che gli piace e non gli rende una beata mazza.
    Viva gli artisti, abbasso i creativi!

    RispondiElimina
  7. Il mio commento precedente era per l'anonimo, sorry.

    RispondiElimina
  8. D'accordo con gimmi.
    Ancor prima di chi ci vive, le città sono lo specchio di chi le amministra. E questo è il chiaro esempio del finto, del vuoto, del tornaconto monetario, e soprattutto della mancanza di "valori".

    RispondiElimina
  9. allora preferite vedere Milano tutta ricoperta da teli verdi? lo sapete che in alcune città il disegno che si vede è una riproduzione della facciata che si sta restaurando?

    RispondiElimina
  10. Un telo verde ha un grosso vantaggio: inquina di meno le nostre menti, perennemente attaccate da quegli stimoli esterni de-umanizzanti che da uomini ci vorrebbero trasformare in consumatori.
    Non lascia molto spazio alla fantasia, e' vero, ma ci sono fior di veri artisti che invece che i tunnel della metro dipingerebbero volentieri un telo verde prima di rizzarlo sulle impalcature.

    RispondiElimina
  11. solitamente quei cartelloni pubblicitari servono a coprire delle ancora piu orrende impalcature,

    @vincenzo: anche il palazzo vicino alla stazione termini è nelle stesse condizioni ma se vedi bene è un mega cartellone che copre dei ponteggi che con tutto rispetto fanno un po schifo dal punto di vista estetico

    RispondiElimina
  12. Tanto Milano e' orrenda anche senza teli!

    RispondiElimina
  13. Avevo scritto
    La scusa è che la facciata in ristrutturazione di un palazzo fa più bella figura così che con i tubi innocenti. Sono d'accordo, ma è appunto una scusa
    Sono d'accordo appunto che è meglio un telo dipinto che i tubi innocenti. Ma il nocciolo è che una situazione che dovrebbe essere temporanea si protrae alle calende greche. E quanti ci guadagnano da questa situazione? Ci guadagna forse anche il Comune che tassa queste pubblicità? Se qualcuno lo sa lo dica.

    RispondiElimina
  14. Che io sappia a Roma, visto il dilagare del fenomeno ed i finti restauri che spuntavano come funghi, il Comune ha imposto dei limiti temporali per la permanenza di questi cartelli, ovvero il lavoro ci deve essere davvero e comunque non possono restare su più di tot mesi, ed il fenomeno in effetti si è arginato.

    C'è da considerare che a Roma il Comune stava perdendo parte degli introiti derivanti dalle affissioni negli spazi concessi regolarmente, quindi era doppiamente interessato a far rispettare le norme.

    Il fatto però che ormai ogni cosa venga valutata e vista solo sotto l'aspetto del ritorno economico che può dare (queste "accortezze estetiche" non le vedrete mai sui palazzi di periferia) è indubbiamente segno di uno squallore dilagante che ha intaccato fin da dentro l'anima delle persone ed il senso del bello. Tra un pò di fronte a qualche pezzo d'arte sentiremo dire "bello, ma quanto ci possiamo fare?"

    RispondiElimina
  15. VEDETE CHE MILANO DOVREBBE ESSERE LA CAPITALE INVECE E ROMA CHE NON LA MERITEREBBE PROPIO NON HA NEANCHE UN BEL GRATTACIELO MILANO E VERA IO CI ABITO DA SEMPRE QUINDI NON ROMPETE I MILANESI E LASCIATE STARE IN PACE LA NOSTRA CITTA E PREOCUPATEVI PER LA VOSTRA

    RispondiElimina
  16. cernuscobaggio15/1/08 16:37

    Milano capitale di cosa? Di cosa si puo' vantare Milano al giorno d'oggi?

    RispondiElimina
  17. Povero Tom, persone come lui vanno aiutate, non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere...Non si puo' che compatire uno che si vanta dei grattacieli di Milano!

    RispondiElimina
  18. ok bravi. bravi ad aprir bocca e a dargli fiato. Quanti bei commenti.. però i soldi che rubate a milano e vi mettete in tasca non vi fanno schifo, vero? nooo quelli no, anzi...facciamo così voi lasciate a Milano i suoi soldi così forse non dovrà ricorrere al finanziamento dei privati per evitare il degrado. Napoli docet. Lì effettivamente di cartelloni sulle case se ne vedono pochini, no?la maggior parte e per le strade chiusa nei sacchetti di plastica, e anche Roma non mi sembra messa benissimo...Ma avete ragione: Milano non si vanta. Chi si vanta sono Roma, Napoli ecc. Milano fà. Certe altre città invece pretendono che gli altri facciano per loro. Rubando.

    RispondiElimina
  19. Sempre a buttarla sui soldi!
    Ho vissuto a Milano cinque anni e ora vivo in Svizzera, l'unica cosa che fanno i Milanesi rispetto agli altri è lamentarsi, e gli viene veramente bene!

    RispondiElimina
  20. cernuscobaggio15/1/08 17:29

    Rubare soldi a Milano? Ma chi?
    Hai mica visto, tanto per fare un esempio, una certa puntata di Report? Guardala, poi dimmi chi ruba i soldi a Milano.
    Milano cosa fa? Ad Arese ci sono ancora operai che lavorano?
    Milano non fa, ma fa fare agli altri, nelle periferie del Sud, in Romania, in Vietnam eccetera.

    RispondiElimina
  21. ehehehe...si si è tutto vero! infatti Napoli non si lamenta per la sua Monnezza? giusto? Roma non si lamenta perchè ha sempre più bisogno di soldi per i suoi parassiti, vero? ma evidentemente mi sfugge qualcosa altrimenti se "Milano non fa, ma fa fare agli altri, nelle periferie del Sud, in Romania, in Vietnam eccetera" Il resto d' italia (volutamente con la i minuscola) che cavolo fa? mi pare che qualcuno sia andato in svizzera, giusto? evidententemente dopo 5 anni a Milano dove non si trovava bene perchè tutti si piangevano addosso senza fare nulla è dovuto scappare all'estero per trovare un posto dove qualcuno faceva. Altrimenti sarebbe tornato a lavoroare e vivere nella sua bellisma città dove tutti si spezzano la schiena dal gran lavoro. ...Report poi...il vangelo, giusto? la parola divina, giusto? ma...per chi? non ha sovvenzioni? non viene pagata?non c'è un canone che la mantiene? non vengono da ROMA quei soldi??!!! oltrettutto è risaputo, basta cercare un pò su google, delle mezze verità o strane omissioni di quella trasmissione... Tanti saluti e baci...

    RispondiElimina
  22. maria luisa15/1/08 17:55

    questo qualunquismo è, a dir poco, nauseante, più di un tram affollato in piena estate, più dell'immondizia di napoli

    RispondiElimina
  23. questione di gusti :) c'è evidentemente a chi piace il profumo della "munnezza".. come a chi piace usare il proprio di qualunquismo per riempirsi la bocca nella difesa di una falsa verità che però le fa comodo TENTARE di nascondere.. bacioni a tutti :)

    RispondiElimina
  24. cernuscobaggio15/1/08 18:05

    Fammi capire: Report dice mezze mezze verità e omette stranamente altre cose perché è una trasmissione RAI, la RAI è una azienda statale con sede a Roma e quindi necessariamente parla male di Milano?

    Milano, città sacra dove tutti si spezzano la schiena dal lavoro, salvo poi scoprire che rubano più automobili lì che non a Napoli, dove non c'è spazzatura per le strade, salvo poi scoprire che un terzo della spazzatura che esce da Milano non si sa che fine faccia...

    RispondiElimina
  25. KerryKing15/1/08 18:05

    Bhe, quei cartelloni pubblicitari con disegnata sopra la facciata dello stabile, non sono na novità, pure qui a Pordenone dove vivo io ci sono, e sinceramente preferisco quelli, anziche na faccia di una modella tutta taroccata a Photoshop...che dopo ci marcino sopra vabbhe, daltronde il "magna magna" esiste da quando esiste l'uomo, e sta cosa non cambierà mai...visto che su questo lato l'Italia ha molto da "insegnare" al resto del mondo.
    Cmq sia, per l'altro discorso di chi ruba a chi ecc ecc, in tutta Italia è uguale, percio meglio che la fate finita con ste cavolate "Milano - Roma", perchè i fancazzisti ci sono dal nord al sud, nessuna regione esclusa.

    RispondiElimina
  26. pensarenonèreato15/1/08 18:16

    Il sig. Anonimo ha detto: "lo sapete che in alcune città il disegno che si vede è una riproduzione della facciata che si sta restaurando?" Il punto è questo: mostrarci oggi la facciata del palazzo così come la vedremo quando sarà restaurata è una bella idea, certo meglio di stendere teli o teloni verdi o gialli, laceri e sudici.
    Altro conto è sostituire la facciata del palazzo con una pubblicità, per "bella" che sia.
    Quanto ai litigi tra Roma, Milano e Napoli... non hanno nulla a che fare con l'argomento in questione, ma spiegano perchè gli Italiani vanno in vacanza all'estero anzichè visitare altre località italiane... costi e trattamento alberghiero a parte!

    RispondiElimina
  27. cernuscobaggio hai detto una piccola bugia stando alle stime del 2006 quelle del 2007 purtroppo pare non ci siano ancora: http://www.repubblica.it/2007/09/motori/motori-settembre-2007/motori-furti-auto-07/motori-furti-auto-07.html "il Lazio, sempre nel 2006, ha mantenuto il secondo posto nella classifica italiana dei furti d'auto (in tutto ne sono stati consumati 30.935) dopo la Campania (31.239) e la Lombardia (28.606 eventi denunciati). "

    "per poi scoprire che un terzo della spazzatura che esce da Milano non si sa che fine faccia..." come non si sa?? certo che si sa! va a Napoli? no... e tutta colpa di Milano. :D

    Bacioni..e do retta a kerryking..

    RispondiElimina
  28. Il fascino di Milano sta proprio nella sua artificiosità.
    Nel suo voler apparire sempre e comunque.
    Nel suo spararti addosso il brutto con solenne indifferenza, che poi è l'esatto opposto dei tesori che tiene nascosti dietro austere facciate.

    Milano, fortissimamente Milano.. alla fine è sempre odio-amore.

    RispondiElimina
  29. La maggior parte dei cosidetti 'restauri' sono falsi, la facciate dei palazzi vengono affittati per scopi publicitari, qualche anno fa' lavoravo in questo settore. Si contattano i propietari dei palazzi,( non solo i privati) esi fa' l'offerta ...

    RispondiElimina
  30. Hai voglia ad aspettare la fine dei lavori!

    RispondiElimina
  31. io non sono anonimo delle 15:30 ma quello prima.Caro Gimmi come potrai leggere il problema più rilevante è che da una una discussione di arte c'è sempre un ''ingnorante'' che discute di problemi non inerenti alla discussione, come nord sud.
    per tom lo sai che la maggior parte degli operai che rende ricca milano è del sud?

    RispondiElimina
  32. Anonimo
    Hai visto cosa c'è scritto sopra il modulo dei commenti? Se continui a fare commenti senza darti un nickname ti banno, onde evitare confusioni.

    RispondiElimina
  33. Tutto il mondo è paese, ho visto cose simili anche a Mosca.

    RispondiElimina
  34. Riporto il testo di una vecchia (1972) canzone di Adriano Celentano, più attuale che mai, in tutta la Padania (ma Francesco Arcangeli scriveva, più opportunamente, Padanìa), dove davvero ci sono Comuni (non è il caso di Milano, credo) secondo i quali "il traffico delel auto fa viva la città":

    Un albero di trenta piani

    Per la tua mania
    di vivere
    in una città
    guarda bene come ci ha
    conciati
    la metropoli.
    Belli come noi
    ben pochi sai
    ce n'erano
    e dicevano
    quelli vengono dalla campagna.
    Ma ridevano
    si spanciavano
    già sapevano
    che saremmo ben presto anche noi diventati
    come loro.
    Tutti grigi
    come grattacieli con la faccia di cera
    con la faccia di cera
    è la legge di questa atmosfera
    che sfuggire non puoi
    fino a quando tu vivi in città.
    Nuda sulla pianta
    prendevi
    il sole con me
    e cantavano per noi
    sui rami le allodole.
    Ora invece qui
    nella città
    i motori
    delle macchine
    già ci cantano la marcia funebre.
    E le fabbriche
    ci profumano anche l'aria
    colorandoci il cielo di nero che odora di morte.
    Ma il Comune
    dice che però la città è moderna
    non ci devi far caso
    se il cemento ti chiude anche il naso,
    la nevrosi è di moda:
    chi non l'ha ripudiato sarà.
    Ahia. non respiro più,
    mi sento
    che soffoco un pò,
    sento il fiato, che va giù,
    va giù e non viene su,
    vedo solo che
    qualcosa sta
    nascendo...
    forse è un albero
    sì è un albero
    di trenta piani.

    RispondiElimina
  35. Certo che Alberto Cane che con milano,nonostante lui sostenga il contrario, centra poco, è sempre solo in vena di polemiche su tutto.Ma questa questione è così importante??E anche lui come tanti la mette sempre sul piano dei soldi...saranno pure cazzi dei condomini,delle imprese e dei grafici.

    RispondiElimina
  36. anonimo
    Al di là della tua pigrizia perché come ho scritto sopra il modulo ti saresti dovuto dare un nickname, ti rispondo. Intanto uno che da trent'anni abita a Milano non c'entra niente con questa città? Perché non hai guardato i cartelli dei lavori senza data di scadenza? Ti sembra regolare tutto ciò? O forse anche tu hai le mani in pasta in questi affari non proprio trasparenti come suppongo?
    Se per caso intervieni ancora non farlo come anonimo altrimenti ti banno.

    RispondiElimina
  37. chiarimento6/7/08 14:59

    scusa alberto, l'ultimo anonimo non sono io; io sono quello che precisa l'orario. Ho voluto scriverti perché hai ragione ''anonimo'' non è corretto infatti mi hai confuso con l'ultimo anonimo che, comunque, se fai attenzione, ha un modo di scrivere diverso dal mio.
    Mi pare che l'Italia per puntualità nella consegna dei lavori non sia hai primi posti nel mondo; se lo stato non è di esempio e non controlla, non è certo colpa dei pubblicitari: in qualche modo devono mangiare. Anche a me piacerebbe che le regole fossero rispettate, ma quando discuto di questo mi trovo un ''muro'' di fronte.

    RispondiElimina
  38. A Bruxelles, lo potete vedere quahttp://furlanar.blogspot.com/2008/07/il-spirit-di-magrit-lo-spirito-di.html
    Un'ala del museo delle belle arti & stata trasformata nello stesso modo durante l'anno 2008 per dire che lí ci sarà il nuovo museo Magritte. Adoro l'effetto decorativo e originale sulla scielta dell'immagine. Tutto sta nel gusto.
    Vent'anni fa, per la ripulitura, l'arco di Trionfo a Parigi era stato coperto daun velo gigantesco con la bandiera francese. L'effetto era chiaro, moderno, innovativo si puó dire anche design. Mi ero detto già allora che in Italia una cosa simile non sarebbe stata possibile perché ci sarebbero state troppe polemiche fra i partiti, i sindacati e i bidelli di servizio.Se a Venezia il palazzo ducale non fosse stato coperto dal velo che mostra esattamente quello che c'é sotto, sarebbe veramente stato brutto da vedere le impalcature. Il fatto sta li.Se le impalcature rimangono perché i lavori durano di più, é sempre meglio che non si vedano.Se i lavori durano di più e forse anche perché tutto é già troppo tutelato e che per per avere una firma si deve prima ottenerne cento altre per niente.Prossima mossa: Tutelare la carta igenica?

    RispondiElimina
  39. Carissimo,
    certo che quell'immaginare di un Cristo che impacchetta e spacchetta è veramente appropriata e assai divertente. C'è tanta verità che non basterebbe un libro per spiegrala perchè è anche vero che nell'universo ci sono tante forze opposte creatrici che distruggono per far rinascere un nuovo cosmico giorno, altra vita altro immenso amore in quella pepetua realtà infinita che chiamiamo il creato.

    RispondiElimina
  40. Raffaele
    Guarda che hai preso un abbaglio. Io non mi riferivo a Gesù Cristo ma a Christo l'artista. Segui il link e capirai. Ciao.

    RispondiElimina
  41. Divertente la confusione tra Christo e Cristo. Ci si potrebbe lavorare sopra e trovare simbologie e metafore.
    Meno divertenti, invece, i commenti anonimi che tentano di abbassare il livello culturale dello scambio.
    Ma si sa...i leghismi, come i fascismi si alimentano nell'ignoranza più ottusa.
    Ah! Se ci fosse ancora la scuola pubblica con obbligo fino ai 18 anni forse leggeremmo meno sciocchezze!

    P.s.
    Ma siamo sicuri che i razzisti abbiano ancora diritto di parola?
    Se si su quale base aprire un confronto?
    Lo dico perchè quest'ignoranza, questa incapacità di leggere sfumature complesse ed importanti della vita, quest'assenza totale di una visione empatica dello stare insieme, comincia veramente a farmi perdere la pazienza...
    Un caro saluto a tutte le persone di buona volontà che frequentano questo bel blog.

    RispondiElimina
  42. Dimenticavo: a proposito di città- vetrina e metafore io preferisco guardare sempre oltre la facciata...
    Saluti!

    RispondiElimina
  43. Non scegliere a caso... se cerchi bene c è il prodotto giusto per te. Prova battimani con bandiera italiana. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2ODI0NTk2NywwMTAwMDAxMixiYXR0aW1hbmktY29uLWJhbmRpZXJhLWl0YWxpYW5hLmh0bWwsMjAxNjA4MDgsb2s=

    RispondiElimina