Pagine

venerdì 18 gennaio 2008

Un'oncia d'oro. Oncia?

lingotto d'oroIl prezioso e indispensabile oro nero è arrivato a cento dollari il barile. Il prezioso e del tutto inutile oro giallo è arrivato a quasi 600 dollari l'oncia. Barile, oncia? ma che misure sono mai queste, di capacità e di peso, che se provi a chiederlo nessuno ti saprà mai dire al volo a quanti litri e a quanti grammi corrispondono?

La sudditanza , non solo della lingua, al mondo anglosassone si vede anche da queste misure ormai obsolete ma che continuano ad essere punto di riferimento per i mercati di tutto il mondo. Così come i feet che complicano la ghiera dei miei obiettivi, così come i dpi, pixel per pollice, e via di seguito.

Sul perché gli inglesi rimangano abbarbicati a questo vecchio sistema di misurazione io un'idea ce l'avrei, un po' azzardata lo ammetto.

Fu Napoleone, appassionato di scienza e di matematica in particolare, a introdurre il sistema metrico decimale in Francia, copiato poi, per la sua semplicità, dagli altri stati dell'Europa continentale. Napoleone acerrimo nemico degli inglesi che alla fine riuscirono ad annientare. Copiare da lui quella riforma sulle misure? Giammai. Ma allora dopo tante battaglie il ferro era rimasto ancora caldo. Credo che dopo due secoli questa idiosincrasia possa aver perso la memoria della sua origine e che sia giunta finalmente l'ora che anche gli inglesi si adeguino.

Idea azzardata, l'ho già detto.


Per il commercio dei metalli preziosi è utilizzata l'oncia Troy che equivale a 31,1035 grammi.

Technorati Tags: , , , , ,

20 commenti:

  1. si vabbè, bello il post etc etc.. ma quanti grammi è un oncia????
    Mi hai lasciato con la curiosità!

    RispondiElimina
  2. Per il commercio dei metalli preziosi è utilizzata l'oncia Troy che equivale a 31,1035 grammi.

    RispondiElimina
  3. Grazie.. vorrei 3 once di mortadella... ;-)

    Scusa volevo solo fare una battuta, in realtà queste difformità sono davvero perverse e ci costringono a fare un sacco di equivalenze... miglia, piedi, mani, dita.... bah valli a capire, e poi guidano anche a sinistra!!!

    RispondiElimina
  4. E perché non mezza libbra?

    RispondiElimina
  5. "Credo che dopo due secoli questa idiosincrasia possa aver perso la memoria della sua origine e che sia giunta finalmente l'ora che anche gli inglesi si adeguino."

    Sarei d'accordo con te, ma penso sia più facile a dirsi che a realizzarsi...con gli inglesi, umh!

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono Andrea del blog Civitaweb.
    Ho creato un nuovo blog che unisce la mia passione fotografica con quella di scrivere temi d'attualità con il mio punto di vista...
    ti volevo chiedere se accetti uno scambio link anche con il nuovo blog!
    Terra Marique
    www.terra-marique.net
    grazie e buona giornata

    RispondiElimina
  7. "....sia giunta finalmente l'ora che anche gli inglesi si adeguino."
    UUUUUhhh! ci crederò quando lo vedrò!!! ossia, forse!, quando sarò vecchia!!! (guai a chi fa commenti su questo!)
    Gli inglesi con le loro "assurdità" assomigliano ai francesi quando parlano della "grandeur" de la France: non li convinci del contrario!

    RispondiElimina
  8. This comment has been removed because it linked to malicious content. Learn more.

    RispondiElimina
  9. Grazie Suburbia, hai sempre il link giusto al momento giusto.

    RispondiElimina
  10. bello il lingottino, viene voglia di comprarlo, meglio di un i-phone perbaccone.

    RispondiElimina
  11. bè gli inglesi son speciali...guidano a sinistra, hanno la yard come misura di lunghezza , la sterlina come moneta e la regina che governa sovrana... poi bevono tea,non tè e hanno il culto della privacy ( anche se è prassi andare a convivere con emeriti sconosciuti trovati tramite annunci sui giornali)ah poi stanno sempre in fila, composti e silenziosi, da veri gentlemen non fanno scenate neppure quando le mogli provocano impalcature come quelle del papà di Bambi...e vi par poco?

    RispondiElimina
  12. analfabeta18/1/08 21:05

    Gli Inglesi continuano ad usare unità di misura risalenti all'impero romano.Non amano i cambiamenti e meno che mai Napoleone

    RispondiElimina
  13. @analfabeta ... e nemmeno noi continentali ;)

    RispondiElimina
  14. lostinthesky18/1/08 21:25

    Che resti solo la pinta di birra però :-)

    RispondiElimina
  15. E alla fine la colpa è sempre dei francesi che, per altro, mi sono sempre stati un po' sulle balle per cui non mi dispiace biasimarli. In compenso l'Inghilterra continua a chiudersi nelle sue tradizioni. D'altronde è un'isola e mi sembra giusto che sia isolata.

    RispondiElimina
  16. analfabeta19/1/08 19:12

    e non esistono solo le misure inglesi.
    "....La distanza determinata da un tiro con l’arco è largamente diffusa. Il lancio dell’ascia come misura non stupisce; ma il
    lancio dell’ascia all’indietro da parte di un uomo seduto è già una misura più originale. Una definizione di distanza
    quale un “tiro di pietra” è ancora oggi in uso in Slovacchia; in Lettonia le misure “tiro di pietra” e “tiro con l’arco” sono
    attestate dagli etnografi ancora nel secolo XIX, quando ormai l’arco non è più in uso da tempo. Ma nel 1947 una
    spedizione etnografica in Lettonia ha segnalato la persistenza dell’uso della portata di un “nitrito” o di un “muggito”
    come misura di distanza (“a due muggiti di toro”).(Vitold Kula)

    RispondiElimina
  17. Ottima analisi Alberto. In effetti di barili e di once non se ne capisce una mazza...

    RispondiElimina
  18. E allora perché non lamentarsi anche del fatto che i diamanti sono misurati in carati e non in grammi?
    O delle uova vendute in dozzine e non in pacchi da dieci?

    RispondiElimina
  19. forza ragazzi che la matematica non è una opinione!!!!!!! vorrei sapere dove c.....si è perso l accento!!!!!!

    RispondiElimina