Pagine

giovedì 7 ottobre 2010

Tarallucci e vino?

Il 27 settembre Umberto Bossi l'aveva cantato forte e chiaro «I romani sono dei porci», proprio così «dei porci». E il Trota che gli era a fianco, da fine politico qual è, a sganasciarsi. Non si erano mica sganasciati, ma proprio per niente, i romani, né tanto meno il loro sindaco Alemanno che in una lettera indirizzata a Berlusconi aveva minacciato querela se l'Umberto non si fosse rimangiato quella lorda offesa che aveva vomitato. Ma non si era mosso di un millimetro. E al suo posto si erano dati da fare i leccapiedi avanzando l'idea che «bisogna considerare il contesto in cui l'ha detto» (ricordate ieri?) mentre il premier lo assolveva con «ma è una battuta, non l'avete capito?».

No, Roma non l'aveva proprio capito ed esigeva le scuse, pubbliche formali contrite. Ora non si sa bene chi abbia fatto breccia nel testone coriaceo del capo della Lega, sta di fatto che queste scuse sono arrivate e ieri in piazza Montecitorio, nella Roma ladrona e mangiona, Bossi si è riappacificato (momentaneamente, è d'obbligo dirlo) con la città e col suo sindaco, allestendo un'abbuffata che si è trasformata in una pagliacciata tra i dieci gazebo bianchi ricolmi di salumi, parmigiano reggiano, trippa, cicoria ripassata e litri di vino dei Castelli e Lambrusco, più polenta, pajata e rigatoni al sugo di coda alla vaccinara.

Dicevo della pagliacciata. Da una parte i leghisti con bandiere della Padania che osannavano «Bossi, Bossi», dall'altra i rappresentanti del Popolo di Roma «Alemanno, Alemanno sindaco di Roma». E Renata Polverini che imboccava il Senatur direttamente dalla sua forchetta come potete vedere dalla foto.

Avevo intitolato un post precedente Gli ultimi giorni di Pompei, qui siamo alla provocazione indecente, se volete simbolica, ma sempre provocazione e sempre indecente verso un Paese che sappiamo tutti le tempeste che sta attraversando e i naufragi che queste stanno provocando.

Tarallucci e vino? Apparentemente sì oggi, ma domani, crisi o non crisi di governo, potranno anche essere coltellate, tra di loro.

Renata Polverini, governatrice del Lazio, mentre imbocca Bossi.

19 commenti:

  1. A me sembra solo la prova lampante che certi romani sono davvero porci, tanto quanto certi lümbard...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma vada via el cul

      Elimina
  2. le foto mi fanno ricordare certe foto de "il borghese" di tanti anni fa; o anche il belliano "articolo magna', magnano tutti".
    certo è che un modo peggiore, dal punto di vista dell'immagine, non lo potevano trovare.
    e questa riconciliazione più che con noi romani mi pare con il potere romano: proprio quello che (a chiacchiere e farfugliamenti bossiani) gli fa schifo.
    i porci sono quelli che li votano.

    RispondiElimina
  3. quello dei tarallucci e vino è stato anche il mio pensiero quando ho visto foto e filmato. Ps: si sono imboccati a vicenda: la Polverini Bossi, Alemanno la Polverini. Un vero e proprio triangolo di mangioni http://www.youtube.com/watch?v=0l31FB21MxA

    RispondiElimina
  4. Ecco, ma i romani, quelli veri, non quelli che erano alla riappacificazione, ma andare la a insultare, contestare, infamare questi veri porci della politica no?
    un pò di quel furore e quell'orgoglio che tanto decantano quando "se definiscono li gladiatori de'o stivale" dove ce l'hanno? in curva allo stadio e basta?
    che tristezza, altro che povera Italia.. fa bene Bossi a prenderli per il sedere e a offenderli, se poi viene accolto con onori e calore...
    SPQR: Sono Parolai Questi Romani

    RispondiElimina
  5. Da tempo dovrebbe ormai esser chiaro che per costoro conta molto di più l'apparenza che la coerenza.

    RispondiElimina
  6. Quando ho visto queste foto mi è venuta in mente la cena di Trimalcione descritta nel Satyricon di Petronio. Il trionfo della volgarità.

    RispondiElimina
  7. come sai ho scritto anche io un post sull'argomento e insisto a me a vedere questa politica così ridicolizzata e anche chi rappresenta questa mia città mi viene da vomitare (tanto per restare in tema di cibo)

    RispondiElimina
  8. sono solidale con quel maccherone...

    RispondiElimina
  9. Maistrettu7/10/10 13:27

    che spettacolo ieri nella capitale, l'odore di polenta e gnocchi è arrivato fino quassù, tra gli ulivi e i lecci, odore di merda e politici di eguale spessore (di una merda), spettacolo da paese delirante, forme psicotiche oramai conclamate. Cosa dire e che fare?
    mi viene in mente (mi consola) quella trave in Piazzale Loreto dove appesero altre merde di eguale spessore.
    Maistrettu

    RispondiElimina
  10. almeno Bossi si è trovato una premurosa badante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terun vada via el cul , Bossi ha avuto un ictus , vorrei vedere te con quella malattia.

      Elimina
  11. Non c'è davvero mai limite al peggio...

    RispondiElimina
  12. Pagliacci, lo hai detto Al.
    E ...come zefi e Daniela!
    g

    RispondiElimina
  13. mario giustizia7/10/10 17:21

    secondo me er rigatone a porverini iel'a'fatto ma sur serio pero'

    RispondiElimina
  14. Quando alla domanda sul circuito cittadino di Roma il senatur ha risposto: "Cosa cazzo correte a Roma?".

    E Alemanno imbarazzato a cercato di smorzare i toni e cambiare rapidamente discorso, mi sono messo le mani sul volto ed ho pensato...

    Ma cosa cazzo stanno facendo????

    Uno spettacolo allucinante.

    RispondiElimina
  15. spettacolo rivoltante e la polverini che flirta con bossi è patetica

    RispondiElimina
  16. santograal8/10/10 12:02

    Dopo aver visto Annozero sono sempre più convinto che l'Italia sia una barzelletta unica.

    RispondiElimina