Pagine

sabato 15 novembre 2008

ʿOmar Ḫayyām

1)
O cuore, fa conto d’avere tutte le cose del mondo,
Fa conto che tutto ti sia giardino delizioso di verde,
E tu su quell’erba verde fa conto d’esser rugiada
Gocciata colà nella notte e al sorger dell’alba svanita.

2)
Il Bene ed il Male che sono al fondo dell’esser dell’Uomo,
La Gioia e il Dolore nascosti nel destinato Decreto,
Non attribuirli al Cielo, chè il Cielo, all’occhio dei Saggi,
È più di te mille volte disperatamente impotente.

3)
Amico, perché tanta cura hai del futuro
E con inutil pensare t’affanni anima e cuore?
Vivi felice e il tempo trascorri in letizia
Le briglie del mondo, da prima, non a te posero in mano.


ʿOmar Ḫayyām
Nīshāpūr (Iran) 1048
Nīshāpūr 1131


10 commenti:

  1. Riprendo dopo un lungo periodo la poesia del sabato, grazie all'amica filo che ho incontrato sabato scorso e che mi ha convinto a ricominciare.

    RispondiElimina
  2. Grazie Alberto!
    Non ci sorprende di trovare in un poeta persiano del 1100 parole sempre attuali e condivise in ogni cultura, da Oriente a Occidente. Tutto è già stato detto da tempo, ma i più preferiscono ascoltare le grancasse del potere.

    RispondiElimina
  3. aridellago15/11/08 10:44

    Belli i versi di Omar Khayyam, brava a Filo, e grazie a te, Alberto, anche se avevo sperato per un momento che questo ritorno fosse a causa della mia mail.
    Ma va bene così, e speriamo che... il filo continui per un po'!
    Viva il vino e le rose..

    RispondiElimina
  4. versi davvero molto belli.
    La Poesia ha la capacità di distillare il nostro dolore in soffusa malinconia.

    una buona domenica

    RispondiElimina
  5. Ero decisa a scriverti che avevo nostalgia della poesia del sabato, ma filo (che conosco da una settimana esatta e che saluto) mi ha precesuta: bene!
    Nei commenti che ho letto c'è già tutto quello che avrei voluto dire, quindi mi unisco al coro.
    Versi senza tempo distillano l'essenza dell'interiorità... E dopo millenni, benché sorretti da tanta saggezza, ci ritroviamo mondialmente in questa "brata": incredibile...
    Menomale che ne siamo consapevoli.
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  6. Errata corrige: alla quinta riga leggi "preceduta"...

    RispondiElimina
  7. @Ciao Pia, ti saluto anch'io.
    Anche Aridellago aveva la stessa intenzione. Evidentemente c'era nell'aria una comunione d'intenti, di cui mi sono fatta inconsapevole portavoce, che ha creato le condizioni favorevoli affinchè Alberto riprendesse questo gradito appuntamento del sabato.

    RispondiElimina
  8. Lui ha bisogno di aria fredda
    Stasera
    E non ha tempo per mangiare
    Servono scarpe nuove
    Serve una sigaretta
    Ha la rivoluzione nel cuore...

    RispondiElimina
  9. Anche a me piace leggere le poesie del sabato. Grazie, Alberto !

    RispondiElimina
  10. Ma anche Silla è diventato un poeta?!?
    ps. poesia stupenda....grazie a tutte coloro che hanno convito Alberto (anche con la forza del pensiero)

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.