Pagine

domenica 23 novembre 2008

Ginkgo biloba

ginco biloba
ginco biloba
Milano, giardini di Porta Venezia - Ginkgo biloba vicino alla scuola materna.

Questa mattina prima di fotografarlo, sotto uno sferzante vento novembrino e un cielo tersissimo, mi sono avvicinato lentamente al tronco e ne ho accarezzato la corteccia. Qualche istante di meditazione sulla Natura ancora intonsa dalle violenze della nostra specie cosiddetta intelligente. Il ginkgo, o ginco, biloba (Ginkgo biloba L.) è infatti un vero e proprio fossile vivente, vale a dire presenta caratteristiche morfo-anatomiche e strutturali primitive. Non ne ha voluto sapere cioè di evolversi e quindi ci si mostra come si è sempre mostrato a cominciare dal Giurassico, quando è nato.

Che mandi influssi positivi a tutti i bambini della scuola materna che vedete a fianco.

ginco biloba
ginco biloba
I semi. Li fa solo il ginkgo biloba femmina.

35 commenti:

  1. Grazie Massimo per la dritta.

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia!!!
    Che tu sappia da noi c'è qualche esemplare?

    RispondiElimina
  3. complimenti per le foto e per tutto quello che sai e che ci trasmetti,buona domenica

    RispondiElimina
  4. E Andreotti dove lo mettiamo? Anche lui è giunto sino a noi, immutato, dal Giurassico e forse anche da prima.

    RispondiElimina
  5. Quando ho avuto occasione di vedere quest'albero,l'ho definito "l'albero d'oro" per le foglie gialle che regalano un senso di stupore, risplendendo nell'atmosfera autunnale...

    Mi associo all'augurio per i bambini che hanno la fortuna di poterlo contemplare tutti i giorni.

    RispondiElimina
  6. Questa volta Milano batte Torino...
    Le tue fotografie sono spettacolari,
    danno il senso della meraviglia e della primavera.
    Che giallo caldo,affascinante.

    Complimenti a te!

    RispondiElimina
  7. Foto molto belle
    sono Michele di http://pianetatempolibero.blogspot.com ti propongo uno scambio link
    vai a vedere il mio blog se per te ok lascia un commento
    Buona domenica Michele

    RispondiElimina
  8. A Torino ce n'è uno molto bello nei giardini di Piazza Carlo Felice. Proprio di fronte all'Hotel Roma, quello dell'ultimo giorno di Cesare Pavese.

    RispondiElimina
  9. una volta un amico mi ha portato alcune foglie "autunnali" del ginkgo: a vederle dal vero fanno un effetto stupendo! sembrano davvero d'oro, come dice skip. non mi risulta che nell'estremo ponente ligure ci siano questi alberi magnifici (e alti!). se avete notizie contrarie fatemelo sapere, grazie: mi piacerebbe davvero vederli.
    ps. Al, le tue foto sono stupende.... ma quando era così sereno a Milano???

    RispondiElimina
  10. gturs
    Non so nei giardini privati, quasi sicuro agli Hanbury.

    aiza
    Grazie a te della visita. Sei forse delle mie parti?

    prepuzio
    Effettivamente...

    skip
    Ho ancora la visione dell'albero e mi rendo sempre più conto che le foto sono niente rispetto alla realtà.

    stella
    Il cattivo tempo un po' per uno.

    michele
    Adesso guardo.

    silla
    Alto così?

    pignasca
    ma quando era così sereno a Milano
    Hai visto come comincia il post?

    RispondiElimina
  11. Se le monete d'oro seminate da Pinocchio nel Campo dei miracoli avessero germogliato sarebbe cresciuto un Albero degli Zecchini come questo.
    Stupendo il giallo e l'azzurro, il caldo e il freddo insieme.

    RispondiElimina
  12. @Alberto: si, ma domani verifico.
    @filo: ti rubo le parole...

    RispondiElimina
  13. Sono alberi stupendi... proprio la scorsa settimana ne ammiravo uno. Non sapevo della sua caratteristica di non essersi evoluto.

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia e che foto stupende. Non vedo l'ora di passare da quelle parti per vederlo dal vivo!

    RispondiElimina
  15. stupende immagini, che ora contrastano nettamente con la stupenda nevicata che vedo dalla finistra alle mie spalle. Buona settimana

    RispondiElimina
  16. Che splendido colore.
    Che sereno, qua nevica.
    ciao e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  17. In Alessandria hanno utilizzato queste piante, trenta e più anni fa, per il viale di fronte alla chiesa del Cuore Immacolato di Maria. Spettacolose da vedere, tutte insieme, come un nastro d'oro in mezzo alla città, ma con questi frutti che, caduti al suolo e schiacciati dalle macchine o dai pedoni, puzzano parecchio, soprattutto sotto le suole, quasi come una deiezione canina...

    RispondiElimina
  18. c.e.g.
    Ma porca vacca, e io che ieri continuavo a guardarmi le suole delle scarpe e non riuscivo a capire da dove arrivasse quella puzza.

    Contrariamente all'apparenza non sono frutti ma semi ricoperti da un involucro carnoso, perché la pianta appartiene alle Gymnospermae

    Da Wikipedia
    La parola Gymnospermae deriva dal greco gymnós (nudo) e sperma (seme), e letteralmente significa "seme nudo". Infatti, a differenza delle Angiosperme, i semi delle Gimnosperme non si formano all'interno di un ovario che diventa il frutto, ma sono nudi e disposti sulle scaglie di un cono (o pigna), o di una struttura simile. Le gimnosperme sono eterosporee: producono microspore (maschili) che si sviluppano nel granulo pollinico e macrospore (femminili) che rimangono comprese nell'ovulo. A seguito della fecondazione si sviluppa un embrione che, insieme alle cellule dell'ovulo, si trasformerà nel seme (sporofita).

    RispondiElimina
  19. Ai giardini Hanbury ce ne sono due: la pianta maschio e la pianta femmina...con le sue puzze! Se ne possono vedere due sulla Romana, dopo il semaforo che porta in Conca Verde, in direzione Bordighera, sulla destra della strada. Non sono troppo ampie ma abbastanza alte e soprattutto piante maschi. E' bello osservare anche la disposizione dei rami ad "impalcatura". In questi giorni hanno le foglie gialle, ma non ancora di quel colore intenso. Al primo soffio di vento, vibrano anche per la loro forma a ventaglio.

    RispondiElimina
  20. Ero sicuro che ti sarebbero piaciuti.
    ciao, bellissime foto.

    RispondiElimina
  21. Spettacolare, straordinario! Che investa di influssi benefici i piccoli che della scuola materna:)

    RispondiElimina
  22. E' splen-di-do_oooo!
    chissà gli influssi positivi...
    i principi attivi delle foglie hanno un sacco di proprietà... più che altro per anziani però:-)
    grazie Al!

    RispondiElimina
  23. massimo carabalona24/11/08 23:59

    Bellissima e suggestiva ambientazione!
    Scusa se approfitto, potresti mandarmi sulla mail le foto dell'ontano del barone (le porto al DAMS - lezioni di letteratura italiana, prof. Simona Morando - corso monografico su Calvino, siamo appunto ai nostri antenati...)
    Grazie. Massimo
    mcarabalona@yahoo.it

    RispondiElimina
  24. ciao grazie 1.000 x il commento che mi hai lasciato cosi ho potuto vedere questo albero meraviglioso e penso anche raro, ero a Milano qlc settimana fa a saperlo sarei andata apposta a vederlo!!! ma sei esperto di botanica? se cosi fosse mi puoi scrivere perchè avrei una foglia di pianta strana da sottoporti che una amica blogger non ha saputo dirmi cosa sia nonostante sia appassionata di fiori/piante!!! grazie. ciao.

    RispondiElimina
  25. Fioredicollina
    ma sei esperto di botanica?
    Solo un po'. Prova a mandarmi la foto della foglia. Trovi la mia mail nel profilo. Ciao.

    RispondiElimina
  26. Bellissima foto! All'Orto botanico di Milano vi è un esemplare di ginko biloba che credo sia il più vecchio di Milano.

    RispondiElimina
  27. Oggi ho verificato: nel centro di Torino ce n'è un buon numero.

    RispondiElimina
  28. ma la puzza di quei semi......dio.....


    consoliamoci coi colori, vah....


    :D


    saluti!

    RispondiElimina
  29. si dice che grazie alla sua forza vitale un ginkgo fu l'unico essere vivente a sopravvivere all'esplosione atomica nel centro di hiroshima

    RispondiElimina
  30. grazie della tua visita e di questa stupenda foto. io lo faccio sempre , toccare la corteccia degli alberi , perchè son convinta lo sentano . e ci facciamo coraggio a vicenda . buona giornata

    RispondiElimina
  31. Hello. And Bye.

    RispondiElimina
  32. Ciao. Vi segnalo che un Ginco Biloba si trova in PIAZZA MORSELLI (via Canonica) al numero 1.

    Gianluca

    RispondiElimina
  33. carlo - milano28/11/12 22:17

    dovete vederli in questi giorni di pioggia hanno crato un tappeto d'oro per terra con quei ventagli carnosi, le foglie rimangono elastiche anche dopo giorni dal distacco dalla pianta.solo toccandole si puo capire.

    RispondiElimina
  34. Meraviglioso albero primordiale, come tutti quelli con radici fittonanti. Davvero affascinate. Qui a Modena c'è un viale lungo e largo costeggiato da Ginco: ogni autunno è uno spettacolo emozionante.

    RispondiElimina