Pagine

lunedì 24 novembre 2008

Santa Teresa in orbita

santa teresa di lisieuxLe vie del Signore sono infinite, e anche i desideri dei santi hanno mille cammini. Scriveva santa Teresa di Lisieux "Desidererei annunciare allo stesso tempo il Vangelo nelle cinque parti del mondo, e fino alle isole più lontane". Questa sua aspirazione di viaggiare fino alle terre più sperdute che non ha potuto appagare da viva è stata soddisfatta, e in che maniera, da morta.

Il fatto è successo quasi sei mesi fa ma solo in questi giorni, e chissà perché, è venuta fuori la notizia.

La sua reliquia infatti, al seguito dell' astronauta Ron Garan, è stata portata sulla stazione spaziale orbitante e vi è rimasta dal 31 maggio al 14 giugno. In questi 14 giorni ha percorso 9.177.030 km nello spazio intorno alla Terra a una velocità di 27.291 chilometri orari. In questo lasso di tempo, la comunità delle Carmelitane Scalze di New Caney (Stati Uniti) ha pregato intensamente santa Teresa perché facesse scendere sul mondo “una pioggia di rose”, come lei stessa aveva promesso.

Io sinceramente di quella pioggia in quel periodo non me ne sono proprio accorto.

stazione spaziale
La stazione spaziale orbitante

13 commenti:

  1. Ma che tempi viviamo? Ditemelo voi. Io non lo capisco.

    Sono sempre più convinta che stazioniamo in un eterno Medioevo mai terminato ... in una società in cui le tecnologie più avanzate si ritrovano a fare i conti con le superstizioni più assurde...

    Non mi soprende che abbiamo le stazioni orbitanti; e le reliquie dei santi. Da poco ho visto la foto di un server, con sopra l'immagine di S. Michele-arcangelo -che-schiaccia-il-demonio, santo protettore delle tecnologie...

    C'è da rimanere davvero increduli di fronte al vecchiume che sappiamo portarci dietro in questo inizio millennio.

    RispondiElimina
  2. Io sinceramente di quella pioggia in quel periodo non me ne sono proprio accorto.

    Allora siamo in due, Alberto!;)

    Non ho parole...

    RispondiElimina
  3. seguo sempre la USS ma di questa notia non ne sapevo nullagrazie
    se son rose fioriranno

    non so che cosa c'enrtri ma mi andava di scriverlo


    meraviglia il bilboa
    ciao
    erre54

    RispondiElimina
  4. E poi non per essere cinico, ma in quel perido serviva pioggia vera non di rose..

    RispondiElimina
  5. Forse la tecnologia non basta per superare la paura della morte.

    RispondiElimina
  6. grazie della visita al mio blog!!

    RispondiElimina
  7. OT
    Come da regola numero 3, ti segnalo perchè hai ricevuto il Premio Dardos, complimenti!
    http://appuntinovalis.blogspot.com/2008/11/premio-dardos.html

    RispondiElimina
  8. Come potevi accorgertene? Solo se si è credenti, con un minimo di sforzo.

    RispondiElimina
  9. Bastava facebook e con l'applicazione "send a rose" era fatta.

    RispondiElimina
  10. Si ritorna ai tempi di ,,,, curumbu u veora... anze u veora... pignata a veora..

    RispondiElimina
  11. Le reliquie orbitanti ci mancavano proprio! :-/

    RispondiElimina
  12. Davvero curiosissima questa notizia.
    Ora mi sa che ruba a San Giovanni il titolo di "decollata"
    ciao

    RispondiElimina
  13. Chissà cosa sarebbe succeso se piovevano rose???

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.