Pagine

martedì 18 novembre 2008

Stormo di storni attorno al Pirellone

uccelli pirellone milano
uccelli pirellone milano
Milano - Storni attorno al Pirellone
[Assolutamente da ingrandire, clic sopra le foto]

Domenica sera mi aveva telefonato Gianni. Nel pomeriggio era rientrato a Milano e uscito dalla stazione si era trovato davanti uno spettacolo insolito. Innumerevoli storni che volteggiavano nel cielo. Alcuni barboni in pianta stabile nei paraggi che lo avevano visto molto incuriosito «Tutti i giorni è così, sempre alle cinque».

Così ieri alle cinque meno dieci, col naso in su, ero lì ad aspettare. E puntualmente, in perfetto orario sono arrivati. Prima un piccolo gruppo che volteggiando nel cielo si è andato man mano ingrossando fino a formare uno stormo enorme, che a tratti si divideva per poi incrociarsi e ancora riunirsi. Una nube nera e danzante al ritmo di non so quale musica. Alle cinque e quattro minuti si erano tutti posati sugli alberi di fronte al lussuoso hotel Gallia e il cielo ormai sgombro si avviava all'oscurità.

Nei rari momenti che non scattavo ho visto gente passarmi veloce accanto, con lo sguardo basso, immersa nei propri pensieri. Non uno che osservasse quello spettacolo grandioso, e mi è venuta un po' di tristezza.

QUI un interessante articolo sugli stormi di uccelli.

uccelli gallia milano
Milano - Storni sopra l'hotel Gallia

30 commenti:

  1. chissà perchè tutti insieme...
    sarà stata l'ora dell'happy hour!?

    bellissime..

    RispondiElimina
  2. Complimenti bella bella.
    ciao

    RispondiElimina
  3. ecco perche' non ce ne sono piu' a lambrate; ho visto parecchi falchi dalle parti di piazza udine, in effetti.
    Questa sera vado al gallia a vederli.

    RispondiElimina
  4. Titus
    Sì, grande happy hour prima di andare a nanna sugli alberi.

    Sub
    Troppo buona nei miei confronti. Il merito delle foto non è mio ma di questi uccelli.

    Massimo
    Mi dicono che al parco Lambro ci siano dei pappagalli in libertà. Dovrei andarli a fotografare e mi ci dovrebbe portare un mio vicino di casa ce sa di preciso dove sono.

    RispondiElimina
  5. Anche qui si vedono in pieno inverno...Mi fermo a guardarli con il naso all'insù quando magicamente formano volute danzanti nel cielo.

    RispondiElimina
  6. Si Alberto, ce ne sono almeno due colonie, una non so dove sia, mia moglie ha cercato di spiegarmelo, ma non l' ho trovata, e e' la piu' colorata.
    Quella che conosco io e' nel "parchetto-davanti-alle-suore" in via feltre. consigliato il baretto di fronte all' ora dell' aperitivo.

    RispondiElimina
  7. Tu che fai il cacciatore di foto,ammiri il volo degli storni e condividi con loro il pulviscolo dorato della sera, mi ricordi il cacciatore della poesia *San Martino* del Carducci, che tutti abbiamo studiato a scuola,
    *sta il cacciator fischiando
    su l'uscio a rimirar
    tra le rossastre nubi
    stormi d'uccelli neri,
    com'esuli pensieri,
    nel vespero migrar.*
    Sono quegli esuli pensieri che hanno dato da pensare a generazioni di studenti.

    RispondiElimina
  8. proprio insolite e belle!!!

    RispondiElimina
  9. e ti devi trovare nei pressi di un albero quando ci si posano tutti in gruppo: fanno un casino straordinario.

    RispondiElimina
  10. Io e mio padre, complice Antonio Giolitti ( si proprio lui...), gli storni li andavamo a "cacciare" nel parco della sua villa. Facevano il nido in certi buchi che costellavano il tronco di castagni secolari. Io salivo su di una scala, piantavo la mano nel buco, agguantavo una manciata di uccellini indifesi e li buttavo per terra. Mio padre, oltre a tenere la scala, raccoglieva gli animaletti che, ovviamente, arrivavano al suolo privi di vita. Si, li mangiavamo gli storni. Ma solo i più piccoli, quelli più teneri...

    RispondiElimina
  11. Dimenticavo:...e buoni che erano.

    RispondiElimina
  12. Sono veramente affascinanti gli stormi per come si muovono in cielo... Un po' meno quando prendono possesso di qualche albero soprattutto se hai l'auto parcheggiata sotto :-))

    RispondiElimina
  13. @alberto affrettati ad "abbacchiare" le olive alla Mara, se ce ne sono, perchè gli storni sono già sul mare e presto verranno in vallata a pranzare.....pensa che da dentro casa sento il loro frastornante cinguettio sulle piante di Camegna...
    Ciao e belle foto!!!

    I milanesi non guardano il cielo perchè non si vede...è tutto grigio non blu come il nostro.

    RispondiElimina
  14. Silla ha detto...
    Dimenticavo:...e buoni che erano.

    Scusa, le olive le mettevate voi o le portavano loro??
    Mitico!!
    Salù

    RispondiElimina
  15. Ciao ino, bella la tua foto sul blog di Dolceacqua. Si,
    le olive le mettevamo noi. Giusto per illuderci che fossero rebissi lisurenchi.
    @filo: erano i miei primi anni da esule in Piemonte...
    @fuin: è ora che ricominci a battere qualche colpo. Un caro saluto a te.

    RispondiElimina
  16. @Silla: questo non ti giustifica dall'aver perpetrato una strage!

    RispondiElimina
  17. Ci sono stato ieri, alle cinque meno dieci. lo spettacolo comincia prima, alle cinque in punto finisce, tutti si posano e si tranquillizza la piazza.
    ce n' e' un altro di spettacolo da vedere a milano in questi giorni.
    le gincobiloba davanti all' asilo nei giardini pubblici di porta venezia. l'invenzione del giallo. il giallo assoluto.

    RispondiElimina
  18. Massimo io non porto orologio. Ho guardato sul cellulare, che effettivamente è un po' sballato. Oggi è una bellissima giornata, ma ho da lavurà. Domani credo di poter andare a trovare il gincobiloba. Grazie per l'informazione. E poi ci sarebbe anche quella vite del Canada, che ormai dovrebbe aver preso colore. Fai anche tu delle foto?

    RispondiElimina
  19. gturs
    Mi sa che quest'anno per me è una brutta annata di olive.

    RispondiElimina
  20. ma no Alberto, sono puntualissimi gli storni, e anche le tue indicazioni, e' che le evoluzioni le fanno prima delle cinque. bisogna arrivare prima.
    Le foto qualche volta le faccio, ma non mi trovo bene col digitale, dovrei impegnarmi di piu'.
    (sono quello che ti ha mandato la foto della panchina stronza)

    RispondiElimina
  21. Antonio Giolitti è stato (o è, visto che è ancora vivo, alla bella età di 93 anni) uno di quei politici di cui si sente sempre più la nostalgia. Come pure Giorgio Ruffolo, che collaborò con lui alla Pianificazione, quando qualcuno cominciava a crederci.
    Ricordo alcune descrizioni di Cechov, di gru che si allontanano gemendo nel cielo... Gli Uccelli di Hitchcock, invece, evocano un'immagine diversa... Gli storni non dovrebbero avere un senso del tempo; come i rondoni, svolazzano attorno alle torri ad una certa ora perché è solo lì che l'aria mantiene una certa temperatura, in virtù dell'irradiazione solare che questi edifici hanno assorbito.

    RispondiElimina
  22. @c.e.g.: Antonio Giolitti sta bene, nonostante l'età.
    "Anni dopo mi capitò di leggere questo avvertimento di Lev Trotzkij citato da Isaiah Berlin in epigrafe al suo saggio su "Le idee politiche del ventesimo secolo": " Chiunque desideri una vita tranquilla ha fatto male a nascere nel ventesimo secolo". Ma io ci sono nato e vissuto, non ho potuto fare altrimenti, e per giunta mi sono trovato ad entrare nell'età della ragione sotto il fascismo..." Da "Lettere a Marta" di Antonio Giolitti.

    RispondiElimina
  23. "Lettere a Marta" lo lessi nel 1993, all'uscita: gran belle pagine. Lo stesso vale per "Il libro dei sogni", di Giorgio Ruffolo. C'è la nostra storia, e c'è la confortante rassicurazione che è esistita (ed esiste, credo) una nobile componente socialista a-craxiana (non penso tanto alla persona, quanto ai metodi, diciamo, spregiudicati), di salde radici azioniste (penso a Riccardo Lombardi, per esempio) e di sinistra laica, non assimilabili ai vari Sacconi e Brunetta che ora stanno con Berlusconi...
    Ma che c'entra questo con gli uccelli? C'entra, perchè questi socialisti di nobile radice possono ora solo aggirarsi, per citare Dante, "come i gru van cantando lor lai"... Non hanno più una casa, dopo l'abiura del PD. Povera Italia...

    RispondiElimina
  24. Illustre c.e.g., come è tutto vero ciò che dici...

    RispondiElimina
  25. qualcuno le ha anche filmate: in questo video ci sono alcuni ragazzi che si esibiscono in bici in piazza della stazione centrale, e chi riprende se ne è accorto, anche se è solo uno spezzone. p.s. se lo vedi, abbassa l'audio del pc...

    RispondiElimina
  26. Grazie papà, visto. Certe volte la fotocamera è inferiore alla videocamera per registrare una scena. Però in questo video sono pochi fotogrammi. Bisognerebbe girare un'intera sequenza. Ciao.

    RispondiElimina
  27. e sì, la metropoli è decisamente più sicura. Ma le visite dalle terrazze Pirellone sono ancora blindate?

    RispondiElimina
  28. Non lo so proprio. Io le foto le avevo fatte dal piazzale.

    RispondiElimina
  29. Si ok, belli gli storni e le loro acrobazie, tutto quello che volete. Ma voi passateci sotto ogni giorno e provate a camminare nelle vie dove svolazzano, sporche di guano da non vedere più il marciapiede e puzzolentissime, poi mi direte se è ancora un piacere….! Bleah!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.