Pagine

martedì 25 novembre 2008

Verità o provocazione?

stazione spaziale

Via


Vittorio è stato liberato. QUI una sua mail.


Technorati Tags: , , , ,

23 commenti:

  1. Diciamo che il mutare dei costumi è intervenuto anche in questo campo, o forse era così anche prima ma non si diceva (e in alcuni casi ho potuto verificare, a posteriori, che il buttare tutto in sentimenti non interessava affatto alla parte femminile: e parlo già di più di vent'anni fa), ma mi sono sentito dire da varie colleghe (la cui età si aggira sulla mia, quindi non certo di nuova generazione) che quel che interessa loro è trombare, e che quel che serve è un uomo che, quando lo chiamano, sia disponibile per quello, senza tante altre storie, discorsi, ragionamenti eccetera.
    Ci hanno convinti, come retaggio probabilmente petrarchesco, che la realtà è quella rappresentata dallo schema postato da Alberto, e ora dobbiamo prendere atto che non è affatto così, e che, se lo avessimo saputo prima, le nostre vite sarebbero state ben diverse, e ci saremmo risparmiati tante "pene d'amor perdute".
    Ormai, però, è tardi, purtroppo...

    RispondiElimina
  2. Dovevi provare con picche, quadri e fiori. Solo, a chi le picche e a chi i quadri? Per i fiori, magari, un poo' come i cuori.

    RispondiElimina
  3. Il vero problema è che noi uomini non abbiamo abbastanza sangue, pertanto quando questo "affluisce" nelle parti basse non irrora più il cervello come dovrebbe e quindi perdiamo la capacità di ragionare lucidamente ;-)

    RispondiElimina
  4. analfabeta25/11/08 18:09

    coraggio signor c.e.g. "trombare"
    non è un crimine anche se ai suoi occhi appare attività altamente disprezzabile perciò gradita alle donne.ella si contenti di sublimi sospiri poetici a secco.grazie

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Fausto.

    RispondiElimina
  6. verità mascherata da provocazione....

    RispondiElimina
  7. Ciao sono Michele di http://pianetatempolibero.blogspot.com ti propongo uno scambio link col tuo blog
    vai a vedere il mio se per te ok lascia un commento
    buona serata

    RispondiElimina
  8. Anche all'opposto funziona uguale :)

    RispondiElimina
  9. Alberto....
    Oggi 25 novembre è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne.
    Sono uomo pensante, non animale.
    Salù

    RispondiElimina
  10. E' una giornata comunque importante da ricordare, anche con delle provocazioni se uno vuole.

    RispondiElimina
  11. Be, pur invertendo l'ordine dei fattori, il prodotto non cambia.:)

    O forse è una questione di vantaggio sul tempo: l'uomo nasce semi-imparato in certe cose, la donna ci arriva dopo... perciò mentre l'uomo arriva alla sintesi, la donna si sta ancora perdendo nell'analisi. Hanno tempi e ritmi diversi: il difficile è riuscire a sincronizzarli.

    RispondiElimina
  12. Quante disquisizioni e "pensamenti" sul sesso, l'amore e cmq il rapporto uomo/donna!
    Forse perchè (come diceva saggiamente mia nonna) chi lo fa non ne parla e chi ne parla è perchè non lo fa :-)
    La mia impressione è che tutta questa libertà, tutta questa "spavalderia" sessuale ed affettiva che dicono oggi ci sia, in realtà è più apparente che effettiva.
    E che oggi ci sia una grande incomunicabilità e solitudine.

    RispondiElimina
  13. Credo che la cosa più sensata l'abbia detta Audrey: dietro tutta questa spavalderia (maschile e femminile) c'è un fondo di grande solitudine. Il problema è questo, non il considerare il sesso attività disdicevole o meno, come sostiene Analfabeta. Il problema è che il rapporto umano si riduce, in questi casi, alla mera attività erotica, finita la quale ognuno va per conto suo, a vivere la propria solitudine. Non è disprezzabile fare sesso (anzi: potessimo fermarci all'età in cui l'orologio segna sempre le due e dieci, e non arrivare mai a quella in cui si ferma sulle sei e mezza!), è triste non sentire alcun bisogno di una conversazione o di una qualche altra condivisione (un film, un libro, una musica, un cibo...) una volta terminato quello. Persino le signore delle Case di una volta sentivano il bisogno, finito il lavoro, di parlare coi clienti più affezionati, di confidare loro sogni e speranze... Indro Montanelli racconta di aver preparato, in quelle Case, degli esami universitari, perché lì trovava una dimensione quasi "familiare". Non che io abbia nostalgia di quei tempi, per carità, ma il ridurre tutto, anche il sesso, a una mera operazione consumistica mi rattrista un po'. Penso di averne il diritto...

    RispondiElimina
  14. direi che la spiegazione di Fausto è più che convincente. Credo sia pure la teoria più considerata da tutte le grandi menti della scienza. ;)

    RispondiElimina
  15. Vedendo quello che fanno nel loro lavoro alcuni uomini che ricoprono posti dirigenziali o di responsabilità (sia nell'amministrazione pubblica che nel privato) quando si bevono il cervello per qualche soggetto femminile (e si trattasse almeno della Bellucci, ma ce ne sono certe che per carità...), verrebbe da proporre la castrazione chimica da praticare a quanti vogliono ricoprire certi incarichi, per il solo periodo di tempo in cui li ricoprono. Si eviterebbero così turbative e distorsioni gestionali che si ripercuotono su tutti gli altri, e sugli Enti o Società.
    Per il resto, si potrebbe creare una nuova forza politica che, mettendo insieme Antonio Albanese e Berlusconi, proponesse lo slogan: più PIL per tutti!

    RispondiElimina
  16. Come dissentire da ciò che afferma flaubert, avete presente la stangona del Brunetta...?

    RispondiElimina
  17. Penso che faccia ridere solo chi la pensa cosi.

    RispondiElimina
  18. analfabeta26/11/08 14:37

    c.e.g.io non sostengo un bel nulla,scrive tutto lei.
    gradirei che mi facesse intendere meglio il suo ragionamento.
    L'amore si fa con il corpo,i discorsi con le parole.C'è chi l'amore lo fa con le parole e i discorsi col corpo.e ancora chi vuole mettere insieme un pò dell'uno e dell'altro.
    la solitidine e il consumo sono altra cosa

    RispondiElimina
  19. "Il territorio di una donna è quello che giace inviolato dal desiderio diretto dell'uomo. L'uomo attacca il centro vitale. La donna riempie la circonferenza."
    Credo che queste parole di Anais Nin esprimano al meglio il concetto.
    wwwlamagagio.blogspot.com

    RispondiElimina
  20. Concordo con Audrey!:)

    In ogni caso, il luogo comune proposto è riduttivo e semplicistico.

    Recenti studi sulla sessualità hanno messo in luce quanto gli aspetti sessuali siano di fondamentale importanza per la costruzione dell'identità personale e per l'evoluzione in senso sociale dell'individuo.
    Nell'ambito di tali studi, si legge: "La sessualità umana non è solo dettata dall’istinto o da una stereotipia di condotte, come accade nell’animale, ma è influenzata da un lato dall’attività mentale superiore e dall’altro dalle caratteristiche sociali, culturali, educative e normative dei luoghi in cui i soggetti sviluppano e realizzano la loro personalità. La sfera sessuale richiede quindi un’analisi fondata sulla convergenza di varie linee di sviluppo, comprendenti l’affettività, le emozioni e le relazioni".
    I rapporti Kinsey sul comportamento sessuale dell'essere umano "Sexual Behaviour in the Human Male" (Il comportamento sessuale dell'uomo; 1948) e "Sexual Behaviour in the Human Female" (Il comportamento sessuale della donna; 1953), scritti dai Dott.ri Alfred Kinsey, Wardell Pomeroy e altri, sfidano le conoscenze convenzionali sulla sessualità.

    Salutoni.
    annarita

    RispondiElimina
  21. ehm..spero provocazione..ahahaha grazie per esserti aggiunto ai miei lettori..ho ricambiato con piacere.a presto!!!!!

    RispondiElimina