Pagine

giovedì 12 febbraio 2009

Indecenza

pubblicità relish
[clic sopra per ingrandire]

Mi ricordo di quel bacio tra una suora e un prete, correva il 1992 ed era un bacio d'amore, ancorché proibito dai voti. Scandalo, scandalo, e quel manifesto finì al macero.

Sono passati diciassette anni, e questa scena spiaccicata a scopo pubblicitario sui muri di Milano scandalo non fa più.

L'ipocrisia del "comune senso del pudore" che allora censurò quel bacio proibito si è trasformata nel comune senso dell'indecenza che non fa più caso a violenze e stupri messi in scena per aumentare le vendite.

Per fortuna che esiste il gran giurì della pubblicità e per fortuna anche che a Milano abbiamo un sindaco donna.

Se credete datemi pure del moralista.

pubblicità relish

46 commenti:

  1. Qui le donne li avrebbero strappati subito.

    RispondiElimina
  2. "straccio" di pubblicità per "straccio" di prodotto verrebbe da dire...

    RispondiElimina
  3. A Roma Alemanno ha avuto la stessa idea.
    L'indecenza è trasversale, così come è trasversale il denaro, che ha aperto lo spazio ai manifesti.
    Pecunia non olet, ma qualche volta il moralismo è necessario.

    RispondiElimina
  4. Grazie Gimmi non sapevo.

    RispondiElimina
  5. Chi dovrebbe indignarsi sono le donne, le stesse a cui è indirizzata questa pubblicità. Sarei però curioso di sapere l'andamento delle vendite di questa griffe perchè in teoria nessuna donna dovrebbe comprare quegli abiti visto l'abbinamento "vestito-violenza"... In realtà penso che invece le cose andranno diversamente

    RispondiElimina
  6. Se per caso, dopo una campagna del genere, le vendite aumentassero vuol dire che le donne hanno voglia di queste cose.

    RispondiElimina
  7. io vedo indecenza altrove...
    sarò matta???

    RispondiElimina
  8. Ho commentato la pubblicità in questione in un altro blog di una donnina che si infiamma per queste cose. E non le do torto. Io ho scritto all'azienda in questione. Per aggiungere, nel sito della società stessa i comunicati stampa che ha rilasciato fanno ridere i polli. Si assolvono, perchè la campagna è una cosa umoristica sul film di Thelma e Louise. Insomma, sono senza pudore.

    Alla fine ho protestato scrivendo agli stessi. Spero di aver una risposta.

    RispondiElimina
  9. Caro Alberto, non ti giudico affatto un moralista anzi devo dire che questa sottospecie di campagna pubblicitaria è di un raro cattivo gusto. E minacciano pure di farne un seguito! Puah.

    RispondiElimina
  10. moralista o non moralista, mi sembra principalmente di cattivo gusto e soprattutto non riesco a capire il perchè di queste immagini, boh...

    RispondiElimina
  11. Neanche per idea darti del moralista, Al. Sono perfettamente d'accordo con te. Il senso del pudore, che è poi delicatezza d'animo verso gli altri e verso se stessi, sembra essersi dissolto...purtroppo!

    RispondiElimina
  12. Io non faccio un discorso di morale o di indecenza faccio un discorso di RISPETTO!!!!
    Considerando che ragazzini di 14 anni, in branco, stuprano coetanee, che idea diamo ai nostri figli????Che una donna, può essere palpeggiata,o maltrattata dal macho men? Sono manifesti SCANDALOSI!!!Si sopportano le donne manifesto in bikini anche quando lavano i piatti...ma almeno in quelle è l'immagine corpo che parla...qui invece è l'immagine VIOLENZA. (Thelma e Louise é un film e si va a vedere al cinema, Non è pubblicità per vendere)

    RispondiElimina
  13. matrix pigreco12/2/09 16:02

    La Moratti è forse una donna?

    RispondiElimina
  14. ma io mica ho capito cosa vendono..
    forse braccialetti
    :))))
    io non mi stupisco piu' di ste cose.
    mi stupisco se mi fanno una carezza sulla testa.

    RispondiElimina
  15. No, nessun moralismo. In quel manifesto ci sono tutti i simboli della società visione machista: minigonne a significare un richiamo sessuale animalesco; uomini fisicamente prestanti; il potere maschile; la sottomissione femminile.
    Un orrendo messaggio!

    RispondiElimina
  16. Lasciamo stare il moralismo.
    Lasciamo stare il buongusto.
    Lasciamo anche stare il rendere "glamour" la violenza.
    Lasciamo anche stare il sotterraneo messaggio che le donne un po' amano essere violentate.
    Lasciamo stare che messaggi di questo tipo sono quello di cui meno sentivamo l'esigenza.

    Quello che non lascerei mai stare è che si scelga questo tipo di messaggi per vendere.

    RispondiElimina
  17. E' molto di cattivo gusto, punto e basta. Hanno fatto bene a stracciarli.

    RispondiElimina
  18. Duhangst
    Chi li ha stracciati? Sono tutti belli lì.

    RispondiElimina
  19. Cattivo gusto, diseducazione. Se si pensa che il messaggio pubblicitario "per definizione", deve influenzare...
    Come non pensare che su giovani menti abbia i suoi (devastanti) effetti?
    g

    RispondiElimina
  20. Accade che la vita non è quella che desideriamo, accade che noi siamo tacciati - e mi includo - di moralisti, accade che la cosiddetta modernità ha bisogno di trasgredire certe norme di comune convivenza, civile, accade che il futuro è decadenza sempre più veloce...
    Che ci rimane?

    Rino.

    RispondiElimina
  21. Non sono un moralista, ma ritengo che tu abbia ragione. Della posizione di Alemanno non mi meraviglio. E' della scuola di duciana memoria, l' uomo deve essere macho...
    In autobus, l' altro giorno, ho visto i cartedlloni 6x3 di quella pubblicita', accanto a me due giovani ragazze che hanno manifestato disgusto per la volgarita' del messaggio.
    Le donne dovrebbero boicottare quel prodotto. Mi auguro lo facciano.
    Vale

    RispondiElimina
  22. l'aspetto deteriore è lo sfruttamento dell'indecenza come volano pubblicitario dello spot. Un furbata ignobile e carognesca
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  23. Non confondiamo il moralismo con il buonsenso.
    hicca

    RispondiElimina
  24. Sivede di peggio in tv ed in programmi in faswcia protetta..(vedi grande fratello)

    RispondiElimina
  25. ...con tutto il bisogno che c'è di contenere o di dissuadere certi fenomeni, altrochè istigarli...
    Epoca oscura; e ce n'è almeno fino al 2012, non perchè scade il mandato elettorale, ma perchè rientrava nelle previsioni di chi gravita nelle sfere spirituali di vario tipo. Il mandato elettorale, tuttavia, ne è una conferma a priori.

    RispondiElimina
  26. Mi dispiace dover ammettere che queste immagini mi hanno colpito e disgustato profondamente a livello emotivo come donna e come persona, per la violenza,la brutalità e la mancanza di rispetto che propongono come modello di identificazione. Uno stereotipo, quello del macho e della donna provocatrice ma sottomessa, che sembrava caduto in disuso a favore di altri non meno falsi e convenzionali come la donna aggressiva, l'uomo femmineo, l'androgino.A quanto pare però di questi tempi è utile ripristinare, anche visivamente, i vecchi ruoli in ossequio alle tendenze politiche dominanti che non sapendo dare impulso a niente di nuovo, non fanno altro che riproporre i peggiori modelli del passato (vedi scuola, stranieri, giustizia).
    Dicevo che mi dispiace ammettere di essere stata colpita dalle immagini del manifesto perchè, al contrario, vorrei aver sviluppato una capacità di reazione più razionale e distaccata, una sorta di anestesia emotiva che mi difenda dalla violenza di questi attacchi che mi danno la misura della mia inadeguatezza ai tempi.

    RispondiElimina
  27. Il punto è che, a mio modo di vedere, il bacio fra una suora ed un prete non è scandaloso ma è sottilmente (e forse neanche tanto) provocatorio. Nasconde il desiderio di svecchiare un certo tipo di cultura e di mentalità dominante e dominata dal Vaticano.
    Quello della donna provocante e sottomessa, come presentato in questa pubblicità, non è un messaggio provocatorio, non è scandaloso come potevano esserlo le tette al vento degli anni Sessanta o la Ripa di Meana nuda in favore delle pellicce. I messaggio passato da questa pubblicità è esclusivamente volgare e rivolto ad una società che vive delle beghe del Grande Fratello ed accetta che, ogni giorno, ci venga propinato un modello non-pensante di essere umano.
    Saluti

    RispondiElimina
  28. Da qualche giorno sto seguendo la polemica su questa campagna pubblicitaria e mi pare proprio che ne valga la pena per farci un post. Le eccelse menti pubblicitarie volevano ispirarsi "al famoso film Thelma & Louise” e sdrammatizzare le situazioni critiche, rappresentate nel film ,per guardarle da un punto di vista ironico. Così si giustifica l'azienda ( se non erro milanese e forse spiega come mai i cartelloni siano stati "censurati" e rimossi finora a Roma, Napoli e Padova).Il tutto ha fatto scoppiare pure un incidente diplomatico Italia Brasile, ha suscitato la solidarietà anticensura del creativo Oliviero Toscani ecc...
    Sinceramente ai miei quattr'occhi
    pare legittimata la molestia sulle donne , sfuggono i vestitini estivi, non vedo nè Thelma nè Louise e neppure il simbolo di una donna dinamica, libera, moderna che si diverte a giocare con la propria sensualità.

    RispondiElimina
  29. Ciao Alberto è la prima volta, che mi capita di incontrarti...ho visto il tuo commento sul blog, di Daniele Passerini... e sono venuta a farti visita...mi ha fatto davver piacere, scoprire, che anche tu come me hai avuto l'impulso a fare un post. sulle pubblicitò della Relisch, che tappezzano tutta Milano...io abito in provincia, se vai a visitare il blog...potreai vedere che il post relativo a quella pubblicità...lo avevo fatto già una settimana prima...il mio occhio è molto attentop,anmche se gli occhiali nn mi completano 1 10/10 ottimali di vista!
    Piacere di aver scoperto il tuo blog...sarò cntenta di vederti qualche volta da me...ciao

    RispondiElimina
  30. Queste immagini sono disgustose.

    Anche perchè il messaggio subliminare che passa alla collettività è tutt'altro che rassicurante.

    Con le cronache recenti funestate da atti di stupro, l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno sono immagini del genere.

    Alberto ti rubo questo capolavoro e lo posto anche io sul mio blog:

    bisogna farsi sentire e scrivere a sta cazzo di azienda, da cui non comprerei nemmeno gli stracci per il pavimento, se ne facessero.

    RispondiElimina
  31. Moralismo?
    non è moralismo.E' morale, semplicemente. Qualcosa che si sono dimenticati esista.

    E' senso del limite che bisogna avere;

    è senso del decoro, è senso di rispetto.
    E soprattutto, è senso di responsabilità nell'uso dei media.

    C'è un limite a tutto per la misera.

    RispondiElimina
  32. Purtroppo ormai il denaro è l'unico dio...si vende l'anima pur di guadagnare...

    Un saluto

    RispondiElimina
  33. Allora non e' la campagna pupplicitaria a favore del reclutamento della polizia...

    RispondiElimina
  34. Ciao Alberto, davvero indecente. Domani/oggi farò un post aggiungendo il video delle donne di padova (lo trovi su femminismo a sud)che hanno reagito immediatamente a questo scandalo.
    Ma chi è l'anonimo che ha scritto: "Se per caso, dopo una campagna del genere, le vendite aumentassero vuol dire che le donne hanno voglia di queste cose."?
    Neanche il coraggio di firmarsi.
    Forse non ha capito la differenza tra sesso sadomaso e violenza sessuale non richiesta, imposta con la forza..
    Fanculo!!

    RispondiElimina
  35. tra l'altro, casualmente, ma proprio casualmente, i protagonisti sono due poliziotti...

    RispondiElimina
  36. ´´´´´´´´´´´´´,;****,´´´´
    ´´´´´´´´´´´´,*¨¨,“¨¨*,´´´
    ´´´´´´´´´´´,**¨¨¨@“;“;;-…
    ´´´´´´´´´-,¨**¨¨¨¨“)““-““““
    ´´´´´´´´//,***¨¨¨¨*
    ´´´´´´´(,(**/*“¨““¨¨*
    ´´´´´´((,*/*;);*)¨¨¨¨*
    ´´´´´((,**)*/**/¨¨¨”¨*
    ´´´´,(,****.:)*¨¨¨¨¨¨*
    ´´´((,*****)¨¨¨¨¨¨¨*
    ´´,(,***/*)¨*¨¨¨¨,¨*
    ´´,***/*)¨*¨¨,¨*
    ´)*/*)*)*¨¨*
    /**)**¨¨“\\)\\)
    */*¨¨¨¨,...)!))!).....,(
    “,¨¨¨¨_)--“--“------/_.
    Buenassss noches , espero estes muy bien en este dia.. paso a desearte un buen fin de semana y que disfrutes de este dia del Amor y la Amistad al lado de tus seres queridos. Gracias por compartir en Mundo Animal.Saludos Chrissss.

    RispondiElimina
  37. E' un messaggio di una violenza inutile, fuori rapporto col suo fine che è solo la vendita di qualcosa. Ma è una violenza che mi sembra derivare col fatto che ormai la pubblicità che ha come unico fine il profitto simuli finalità sociali.

    RispondiElimina
  38. ... devo constatare che nulla sembra piu' "indecente"....

    RispondiElimina
  39. Che vergogna, davvero.

    RispondiElimina
  40. Grazie Alberto per essere passato dal mio blog!
    Quella pubblicità è davvero di pessimo gusto ma del resto è lo specchio dei nostri tempi.
    Che cosa interessa ed attira la massa?
    La misura del reggiseno di cristina del gf, il lancio del bicchiere di federica, per non parlare della pasionaria dell'Alitalia.......
    Siamo in un declino pauroso....la sotocultura ci soffoca ed il qualunquismo ci annega in un mare di scemenze.
    Aria di primavera? Si, abitando in campagna si respira di più, ho abbandonato Milano 14 anni addietro ed è stata una scelta felicissima! Sento tutti i cambi delle stagioni, non solo l'arrivo della primavera e ti assicuro che è entusiasmante, sempre che si sia deglia amanti della natura con una briciola di anima solitaria....un saluto e spero a presto!Syl

    RispondiElimina
  41. questa pubblicità fa veramente schifo
    vorrei vedere in faccia il pubblicitario che l'ha ideata, probabilmente non ha madre, sorelle o figlie

    RispondiElimina
  42. Invito tutti anche da qui ad

    andare sul sito della Relish

    e a scrivere una email con il vostro commento;

    bastano poche righe ma secondo me va fatto.

    RispondiElimina
  43. Quando una campagna pubblicitaria è stupida, offensiva, volgare e inefficace (io non mi ricordo neanche il nome della marca in questione) i pubblicitari che l'hanno ideata dovrebbero essere cacciati a calci!

    E visto che i boss del marketing internet lo guardano fai bene a dirne tutto il male possibile.
    magari cambieranno registro....

    RispondiElimina
  44. Uff, non so come non so perchè, ma quando vedo una massa di commenti tutti d'accordo, mi viene da saltare dall'altra parte. Siccome però non trovo davvero difendibile in nessun modo sta cosa, l'unica che mi viene in mente è : ma a quale donne possono piacere quei due truzzi similamerikani ? ma per carità!

    RispondiElimina
  45. Il senso del pudore non esiste più!
    Il buon senso neanche!
    Purtroppo se si facesse appello a regole "particolari" molti sarebbero tacciati di essere dei moralisti....
    a volte un po' di moralismo ci andrebbe!!!

    RispondiElimina