Pagine

martedì 3 febbraio 2009

Queste parole sono pietre

vignetta maroni

Non ha detto saremo inflessibili, faremo rispettare la legge fino in fondo come ci si aspetterebbe da un serio ministro dell'Interno. Ha detto proprio «Saremo cattivi». Maroni si assuma tutte le sue responsabilità per la cattiveria diffusa che sta montando nel Paese e genera mostri. Non glielo auguro, ma un giorno questa cattiveria potrebbe ritorcersi contro di lui.

La vignetta da qui.


37 commenti:

  1. Proprio così. Non si rendono conto che chi semina vento raccoglie tempesta.
    Semu ben aciapài.

    NOTA: Al, nel dialetto di Vallebona molti verbi hanno una "a" all'inizio. Non so se è così anche negli altri dialetti (vedi, ad es, arestàu=rimasto, acumensàu=cominciato...)

    RispondiElimina
  2. maroni & co. che riconoscano di essere in parte istigatori di odio xenofobo dai loro pubblici pulpiti mediatici?

    non credo proprio succederà.

    |-(

    RispondiElimina
  3. Mi auguro che qualcuno più grande e più potente di me sia cattivissimo con lui

    RispondiElimina
  4. OT
    Pia
    aciatau (nel css di questo blog c'è una class a cui ho dato questo nome e l'attributo è "display" con valore "none"), arebatau, alogiau, anegiau, agarau, ascianau... Però bisogna vedere se questa "a" ce l'ha anche il verbo, più o meno corrispondente, in italiano.

    RispondiElimina
  5. L'odio ed il razzismo (inteso in senso lato) è diventato tanto normale da essere parte della dialettica politica. Senza autocensure e senza responsabilità, anche solo morali.

    RispondiElimina
  6. Da oggi cominciamo a considerare clandestini Maroni & Compagnia in quanto completamente estranei alla nostra cività.

    RispondiElimina
  7. Non hanno più bisogno di nascondersi dietro frasi di facciata, ormai mostrano la loro xenofobia a tutti.
    Si sentono forti e credono di poter far tutto perchè la gente li ha votati.
    E' molto pericoloso far politica in questa maniera, vincere le elezioni sulla paura e il disprezzo del diverso è una cosa, governarci un paese è molto molto più pericoloso.

    RispondiElimina
  8. Ma perché... lui e i leghisti sono mai stati buoni con loro? E' evidente che queste parole servono a fomentare l'odio razziale e a legittimare pestaggi, se non omicidi.

    RispondiElimina
  9. Maroni è corresponsabile.

    RispondiElimina
  10. che qualcuno lo siluri, gente così non può fare il ministro.
    che vergogna!
    elsa

    RispondiElimina
  11. Stanno fomentando l'odio razziale.
    E' pericoloso. Ma come fermarli?

    RispondiElimina
  12. I razzismo non è mai esistito.
    Nei paesi anglosassoni ci chiamavano e ci chiamano ancora " Fucking Italian"
    Dimenticavo l'on. Maroni è Padano.

    RispondiElimina
  13. "A volte penso di venir da Marte, quando ho conferma che governar non è più un’arte, ma soltanto espressiòn di spirito di parte.

    Altro che immunità parlamentare. ‘Sta banda di guitti nessun privilegio può meritare, anzi in questi casi sarebbe meglio il sipario chiudere, e ogni forma di replica eludere.

    Il popolo pagante in tutti i sensi, si rifiuta di pagar i diritti d’autore di siffatte farse a Lor Signori, e ancor si chiede che peccati abbia fatto per pagar oltre alle tasse pure lo scotto. Avrebbe il sacrosanto diritto di chiedere il rimborso del biglietto, per ‘ste plateali buffonate indegne di esser rappresentate "

    http://www.skipblog.it/2008/07/21/opera-buffa-bis/

    RispondiElimina
  14. Chi di spada ferisce ,di spada perisce.

    RispondiElimina
  15. SAREMO CATTIVI

    Mi ricorda GW Bush che in riferimento ai terroristi diceva spesso WE WILL SMOKE THEM OUT, che in gergo da cowboy significa "li staneremo".

    L'uso di questo tipo di lunguaggio tradisce 2 presupposti:

    - la fondamentale povertà spirituale di chi la utilizza;
    - il desiderio di far leva sulla componente più bestiale dell'elettorato. Che sta compiaciuto al gioco.

    Noi altri stiamo a guardare "sta banda di guitti".

    RispondiElimina
  16. è proprio la sua natura, ha iniziato con le impronte ai bambini rom....
    purtroppo ha ragione quando dice, con Gentilini & C. è quello che la gente vuole.
    Ma loro sfruttano e fomentano l'odio e la paura per fini elettorali.
    Da noi, nel Veneto, c'è tanta paura per le violenze e le rapine anche diffuse dalla cronaca televisiva che sono convinta che la lega tornerebbe a vincere se si votasse. Quando ne usciremo se nessuno si muove per una seria alternativa?? Io ho paura dei leghisti perche sono pericolosi per la mentalità che diffondono ogni volta che aprono bocca...

    RispondiElimina
  17. Vedete,lui non si rende neppure conto di quello che dice altrimenti se ne vergognerebbe.
    Sta davanti ai microfoni e spiattella a chi lo ascolta le stronzate più grosse che esistano.
    Tanto il resto della combriccola approva mentre l'opposizione (quale?) dorme.

    RispondiElimina
  18. @Aliza
    proprio il fatto che ci sia forze politiche che vincono le elezioni con le campagne d'odio e di sicurezza, mi fa pensare che questi stessi partiti non abbiano alcun interesse a risolvere veramente la situazione, o verrebbe a mancare il programma per le successive elezioni. quindi temo che siano forze politiche in realtà poco interessate alla sicurezza, quelle che con i sermoni sulla sicurezza prendono poltrona.


    secondo la mia piccola opinione, s'intende.

    RispondiElimina
  19. Il problema di questa gente è che parla ma non si ascolta mentre parla.

    RispondiElimina
  20. dopo la multinazionale, con dei fessi al comando in giacca e cravatta, ho lavorato per una piccola azienda metalmeccanica artigiana, con tre fratelli fessi senza cravatta al comando.
    Entrambi, sia quelli in giacca e cravatta che quelli senza, blateravano di violenze, giustificavano gli attacchi ai campi rom, si offrivano di andare a dare una mano alle popolazioni incendiarie, tenevano i cani tutto il giorno, notte compresa, legati alla catena, sotto il sole e sotto la pioggia.
    Me ne sono andata prima che me lo chiedessero loro, tutto questo per sottolineare, che con certa gente è impossibile ragionare.
    Ho paura, seriamente, ho tanta paura.
    Con Maroni, Borghezio e compagni al governo ne ho tanta di più
    Fomentatori di odio

    RispondiElimina
  21. E quelli che dovrebbero mettere freno a queste vergognose affermazioni, cosa fanno????
    Probabilmente dormono davvero, come dice l'amico Monticiano.
    Che vergogna, che vergogna!

    RispondiElimina
  22. Già, che vergogna il silenzio che accompagna queste sparate. Nessuno che dica alcunchè, nessuna levata di scudi, nessuna presa di posizione.
    La Sinistra... ops, pardòn, il PD dovrebbe boicottare l'aula parlamentare per qualche giorno, per dare il polso della situazione: anche perchè, con loro in aula, non è che le cose vadano tanto diversamente.
    saluti

    RispondiElimina
  23. Anche a me tutto ciò fa paura, veramente paura... ogni giorno si apre un vaso di Pandora dal quale si si diffondono le peggiori nefandezze dell'uomo...temo per i giovani, per mio figlio, che si trovano tra le mani un mondo come questo.

    RispondiElimina
  24. Che pena, Alberto! Quoto Filo. Sono anch'io molto, ma molto, preoccupata!

    RispondiElimina
  25. a questi il potere gli sta dando alla testa. Si stanno muovendo da criminali su tutti i fronti. Ho bruttissimi presentimenti per i prossimi mesi, e nulla mi fa sperare che andrà per il meglio. Davvero nulla

    RispondiElimina
  26. Parole gravissime e vignetta invece strepitosa!

    RispondiElimina
  27. Anche Castelli non scherza: se ci sono questi episodi brutali contro gli stranieri è perché ne arrivano troppi.
    Mi viene in mente un processo per stupro che trasmisero in TV una trentina di anni fa, dove la tesi della difesa (che comunque portò a pene non troppo severe per i tre ITALIANI coinvolti) era che se questa ragazza se ne fosse stata a casa, invece di andare in giro a "provocare", non le sarebbe successo nulla.
    Ma il principio si può generalizzare: se le vecchiette stessero più attente quando vanno a ritirare la pensione, invece di girare con quella borsetta penzolante, non verrebbero rapinate; se i pedoni attraversassero sulle strisce solo quando non ci sono macchine in giro, non rischierebbero di essere travolti...
    E che dicono Maroni e Castelli degli inglesi che non vogliono gli operai italiani?

    RispondiElimina
  28. E iniziare ad essere cattivi con i razzisti di merda?

    RispondiElimina
  29. @Il Russo: È solo quel piccolo passo lì che manca alla catastrofe totale.

    RispondiElimina
  30. maroni è un gran coglione, scusate la volgarità, ma non riesco a trovare altro termine. In pieno stile leghista, fa queste sparate ad effetto per raccogliere consensi presso la parte deteriore della nostra società. E ci riesce bene.Scaldare ed aizzare gli animi è quanto un ministro della repubblica non dovrebbe mai fare. E il vaticano, che mette becco su tutto, anche sul colore di calzini che dobbiamo indossare, tace. Vergognosamente. Il fatto è che non si può rispondere all'intolleranza con la stessa moneta, altrimenti il suggerimento de Il Russo sarebbe da prendere in considerazione.

    RispondiElimina
  31. Una scelta lessicale particolarmente pesante, devo credere che il Ministro non ne sia consapevole?
    C'è gente che non vedeva l'ora di essere "cattiva" con gli immigrati, ora si sentiranno autorizzati. Se non è istigazione questa, allora cos'è?

    RispondiElimina
  32. pignasca4/2/09 13:30

    Ma una bella denuncia per istigazione a delinquere, no?
    Ma se sono loro i primi extracomunitari...... xkè la padania non mi pare faccia parte della Comunità Europea....:-\

    RispondiElimina
  33. Che vergogna, fanno pena ... oltre che danni!
    g

    RispondiElimina
  34. Maroni ha detto così
    perché il suo elettorato
    vuole sentire quel tipo di parole.
    E stato eletto per dire queste cose
    e per metterle in pratica. Purtroppo.

    P.S. Bello il tuo Blog !

    RispondiElimina
  35. In verità Maroni nel 1996 ha assaggiato le "carezze" della digos.
    Forse le conseguenze si stanno facendo sentire ora.
    La notizia completa si può leggere a queto indirizzo
    http://archiviostorico.corriere.it/1998/luglio/23/Zuffa_con_Digos_Bossi_condannato_co_0_9807231725.shtml

    RispondiElimina