Pagine

lunedì 2 febbraio 2009

Ululati a pagamento

lupo

«Uuuuuu, uuuuuuuuu,uuuuuuuuuuuuuuuuu». Caso mai vi fosse capitato di villeggiare in Val d'Aosta e in qualche profonda vallata aver sentito questi versi, e magari aver calmato moglie e bambini che avevano paura, non è detto che fosse un lupo.

E chi mai allora? Qualche buontempone che non aveva qualcosa di meglio per divertirsi? No, niente di tutto questo. Potrebbe essere stato il professor Andrea Gazzola, pisano, professore all’Università di Sassari, espertissimo di lupi, che andava su e giù per i monti riproducendo il verso dell’animale perché pare che l’ululo faccia ululare. Qui c’è un branco, qui no. Qui c’è un cucciolo, qui no. Tecnica del wolf-howling.

Ma il professore non ulula a titolo gratuito. Ha un bel contratto con la Regione che gli elargisce 8mila 750 euro l’anno per questi begli ululati.

Questa non è la più strana e la più inutile delle collaborazioni di regioni, province, comuni e comunità montane che stanno affluendo sulla scrivania del ministro Brunetta, e che sono state messe prontamente online. Per il primo semestre 2008, 8.064 amministrazioni hanno comunicato 176.301 incarichi, per un totale di compensi erogati pari a 580.028.877,36 euro. Ma siccome sono poco meno del 50 per cento del totale questi compensi ammontano a una cifra ben superiore. E a farli passare uno ad uno magari si troverà lo scienziato che è stato pagato per studiare il salto delle pulci.

Io non son capace a ululare, ma quando do da mangiare alla anatre al mio roco qua qua qua rispondono sempre, prima una e poi le altre a ruota.

Parlare con gli animali voi niente?

Milano è di nuovo imbiancata. Ho messo una foto di là.

Technorati Tags: , ,

37 commenti:

  1. tutti i giorni...un linguaggio "maccheronico" per quadrupedi domestici :)

    RispondiElimina
  2. ma parlo sempre con la mia gatta!! una femmina speciale

    RispondiElimina
  3. ciao..ho letto il tuo post sulle "Vitalbe",io mi chiamo Vitalba,e fino a poco tempo fa mi vergognavo di questo nome,perchè molto strano...pero' non mi sono mai fumata:)

    nildea@excite.it

    http://nildea.blog.excite.it

    RispondiElimina
  4. pignasca2/2/09 13:41

    Ehi! ieri sono andata in campagna ed ho richiamato i miei tre gattoni. Sono arrivati subito, ed abbiamo iniziato un discorso serissimo, a forza di "miaoooo, miaaaaoo". Io dicevo, e loro rispondevano...
    Dite che li danno anche a me 8.000 e pussa euro? sono animali domestici? eh si! selvatici come pochi... ma in effetti sono più comuni dei lupi....
    Va bè, mi posso accontentare di 5.000. Per meno, non mi svendo!!!

    RispondiElimina
  5. Non ho più animali da tempo, al massimo faccio delle gran coccolone al cane del mio dirimpettaio.

    RispondiElimina
  6. Cara Vitalba, e dire che in quel post avevo scritto "sarebbe un bel nome da dare a una bambina". Poi ti vengo a trovare . Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ho tre cani e tutti, in famglia, parliamo loro in italiano, anche se tra di noi parliamo in dialetto. Siamo buffi? A volte sì, ce ne rendiamo conto, ma ci capiamo

    RispondiElimina
  8. Io da sempre :) perfino con le formiche quando ero piccola...

    RispondiElimina
  9. Beh, allora io vi batto perchè non siamo noi a parlare al nostro cane, che non per niente si chiama Mirò, ma è lui che parla a noi, e non scherzo : quando arriviamo ci dice ciao, e quando chiamo mia figlia Laura ( facile per un cane) la chiama anche lui! Giuro!

    RispondiElimina
  10. Mi hai fatto sorridere, con il tuo post....davvero da non credere:)
    E noi, precari storici della scuola, che ci ostiniamo a voler insegnare nelle scuole......quasi, quasi ci faccio un pensierino....mica è difficile fare uuuuuuuuuuuuuuuuuuu!

    RispondiElimina
  11. C'è niente per chi sa imitare un temporale in arrivo?

    RispondiElimina
  12. Ennebi
    Non ti sono fischiate le orecchie visto che il tuo blog si chiama "Lupus in fabula"?

    Crocco
    Davvero? Prova con qualche ente in periodo di siccità. Tanto sono soliti vendere illusioni.

    RispondiElimina
  13. io parlo tutti i giorni con gli animali.
    solo che spesso stanno dietro a una scrivania.
    sono animali evoluti.
    ;)

    RispondiElimina
  14. Con i gatti mi intendo a meraviglia :-)))

    RispondiElimina
  15. Bé io per quella cifra...
    non solo sono dispoto ad "Ululare"
    ma gli muovo anche la coda..
    salù

    RispondiElimina
  16. Adoro i gatti. Mi spiace non poterne tenere in casa in questo momento.

    RispondiElimina
  17. Con i gatti Alberto e quando passo davanti alla scala di Luì e c'è il Tigre, parlo anche anche a lui, ma come dice fuin "Il Tigre è un aristocratico....!!!"
    Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
  18. certo che si...parlo con Giotto il mio cane..il nome è un programma :)

    RispondiElimina
  19. noi parliamo al nostro cane lucky e io impreco contro le tartarughe d'acqua che sono diventate giganti e sporcano in continuazione l'acquario, però non ci guadagno un euro

    RispondiElimina
  20. Parlo con gli uccelli acquatici alla foce del Nervia per via telepatica. Al momento non sono autorizzata a divulgare il contenuto delle nostre conversazioni private, ma sono stata espressamente incaricata di riferire che sono stufi della gente che getta loro pagnotte intere di pane che gli strozzano il gargarozzo e che sono perfettamente in grado di procurarsi il cibo da sè!" per favore lasciateci in pace" hanno detto,cito testualmente.

    Ciao Alberto,guarda la combinazione, anche mio figlio mi ha mandato la foto della sua vecchia bicicletta, con la quale circola per Milano, ricoperta di neve!

    RispondiElimina
  21. Ma allora era il prof Andrea Gazzola che rispondeva ai miei ululati!
    Che fregatura!!!

    RispondiElimina
  22. no allo sbarramento elettorale al 4%

    RispondiElimina
  23. Yo hablo todos los dias con mi perro. Los animales a veces son mas sabios que las personas. Un saludo

    RispondiElimina
  24. Sapessi quanti di questi "consulenti" (o come cavolo vogliono definirsi) farei ululare volentieri... anche gratis ;-)

    RispondiElimina
  25. Ciao Alberto, potrebbe essergli utile un bel lupo di sasso a quel signore?... Ti immagino come Konrad Lorenz con le anatre che ti seguono.......:)
    Paola
    P.S. grazie per i complimenti e per quello che ci fai leggere...sei illuminante!!

    RispondiElimina
  26. ... io parlo sempre con gli animali... hanno un qualcosa negli occhi che comunica molto e ti fanno capire che ti stanno ascoltando sul serio...

    RispondiElimina
  27. Fino a qualche anno fa parlavo con Omero. Era un merlo indiano che pronunciava perfettemente un centinaio di parole. Stasera, a casa mia, arriverà un gattino. Ma temo che non sarà la stessa cosa...

    RispondiElimina
  28. Io parlo da solo e quando vado in paese con la capretta Lilly a guinzaglio sento bisbigliar dietro le spalle "... au mundu u ghe nà de tuti ...
    Forse perchè non son pagato.
    Speriamo non chiamino il 118

    RispondiElimina
  29. ma a te per "quaqqueggiare" non ti pagano!!!! :)
    io comunque avrei pensato ad un lupo mannaro...brrrrrr

    RispondiElimina
  30. Sì, comincio appena sveglio e finisco alla sera, e la mia femmina di corso mi abbraccia e mi dice: dài, diventa animale anche tu; ci divertiremo un mondo cane!
    Il fatto è che gli animali possono fare a meno dell'uomo. Ma noi?
    Comunque avevo visto un tale al molo fischiare ai saraghi, ma venivano fuori solo granchi dagli scogli.
    Ma costui non guadagna quei milaeuri. È povero in canna e ogni pesce fischiato finisce in padella.

    RispondiElimina
  31. non ho animali in casa, li amo e so che non sarei brava.
    ma ci parlo quando capita, tipo: sono tua amica eh? (a scanso di equivoci!:-))
    però... un pensierino "alla Luly"... :-)
    ciao Al.
    g

    RispondiElimina
  32. proprio bella sta storia del ritorno del lupo. sono stato su monte grai nelle feste di natale con un amico che ha condotto le ricerche e il wolf-howling. quando ho incrociato quelle orme mi ha preso un'emozione strana, come se la conoscessi già ma l'avessi dimenticata.

    RispondiElimina
  33. Mi dispiace vedere che l'articolo de il Giornale trovi un consenso così divertito... purtroppo chi fa chi fa ricerca faunistica in Italia lo fa per passione e non certo per lucro... 8000 euro lordi magari per un anno di monitoraggio equivalgono a 5000 euro per 12 mesi, con ricerche sul campo che non conoscono weekend, feste ed orari d lavoro...i monitoraggi sono protocolli stabiliti a livello mondiale e devono essere eseguiti in rispetto della normativa europea, se no si incorre in infrazioni salatissime... Anche Madame Curie fu una folle ed un parassita della società perchè si dedicò allo studio delle muffe??

    RispondiElimina
  34. Anonimo (ma perché non ti firmi?)
    L'input me l'aveva dato questo post di Reset che adesso vedo che hanno cancellato e che mi ha fatto andare fuori binario. Ciao.

    RispondiElimina
  35. Peccato che in Italia ci sia tanta gente capace di guardare le notizie a metà. I lupi, reintrodotti da una stupida politica protezionistica che ha puntato a proteggere solo i lupi, stanno facendo carneficine delle realtà pastorali di mezza Italia, ocn gravi danni per chi mantiene ancora i territori montani nonostante la politica governativa se ne sia sempre fregata. I lupi sbranano le pecore, le capre e a volte le mucche, gli allevatori chiudono i battenti, il bosco si allarga, rubando spazio ai pascoli, la montagna s'inselvatichisce. Poi quando è estate e arriva il cretino di turno col mozzicone acceso ci sono i Canadair, che paghiamo noi contribuenti. E pensare che quando il sottobosco è mantenuto pulito dagli animali gli incendi, anche se partono, vanno avanti lentamente...
    peccato che in Italia ci sia chi parla di storie senza riuscire a vederle nella loro interezza, e che su tante chiacchiere a metà ci sia tanta gente giù a commentare scioccamente.

    RispondiElimina
  36. Stefano
    Hai proprio ragione. Quando l'uomo rompe l'equilibrio che la Natura si è dato succedono disastri. Un esempio ce l'abbiamo dalle mie parti con le varietà di cinghiali introdotte negli scorsi decenni che si stanno ormai ripopolando in maniera impressionante.

    RispondiElimina
  37. Caro Stefano, a quanto pare anche tu leggi le notizie a metà, in quanto i lupi non sono stati reintrodotti da nessuno ma è stata una naturale espansione della specie che si era rifugiata in alcune aree dell'appennino. L'espansione del Lupo è stata favorita dall'abbandono del territorio da parte dell'uomo e non viceversa... Infine i territori utilizzati dal Lupo (aree di crinale e montane) non sono certo quelli maggiormente soggetti ad incendi, come ad esempio le aree costiere liguri.... Gli incendi sono molto più favoriti dall'appertura di nuove strade, che permettono una migliore accessibilità e garantiscono maggiori possibilità di rapida fuga ai piromani...

    RispondiElimina