Pagine

domenica 22 febbraio 2009

Massimo D'Alema

Massimo D'Alema
Massimo D'Alema ieri all'assemblea del PD dove è stato eletto segretario Dario Franceschini.

Non ho capito se questa espressione dipenda da quello che D'Alema sta leggendo oppure da quello che sta succedendo in sala e sul palco. E a dir la verità non ho nemmeno capito cosa questa espressione esprima.

36 commenti:

  1. D'Alema è schifato dal doversi mischiare con questa gente così volgare, che magari non c'ha manco una piccola barchetta, e forse manco un canotto...

    RispondiElimina
  2. "Vuoi vedere che 'sto Franceschini mi ricompatta il partito e...addio sogni socialdemocratici." A una cosa del genere stava pensando.

    RispondiElimina
  3. Ma poveraccio, secondo me sta combattendo contro un virus intestinale :)

    RispondiElimina
  4. eppure a me D' Alema non dispiaceva... forse non dispiace neppure adesso! :)))
    Volevo farci un post... ed eccolo quà!

    RispondiElimina
  5. Neanche io ho capito bene cosa esprima, so solo che non mi piace, per nulla... :P

    RispondiElimina
  6. D'Alema ha visto che è stato nominato solo in quarta pagina.

    Sta perdendo colpi. Oppure come dice pietro.

    RispondiElimina
  7. Secondo me c'ha sta faccia perchè era alla pagina finanziaria e le sue azioni hanno fatto flop!

    RispondiElimina
  8. ...non è che qualcuno aveva sganciato una puzzetta?

    RispondiElimina
  9. Si stava applicando nel "disegnare un grande profilo riformista, DICIAMO..." :-D

    RispondiElimina
  10. Beh, si direbbe che ha un'espressione schifata per quello che sta leggendo sul giornale, o forse esprime una stridula disapprovazione.
    Avrebbe ancora i requisiti del "politico storico", ma sembra che i tempi per svolgere tale ruolo siano finiti: anche il pensiero è diventato frettoloso, quasi come un kleenex, e le elaborazioni devono lasciare il posto a decisioni ed affermazioni pasticcione e superficiali.
    Poveri pensatori, come se la passano male...

    RispondiElimina
  11. Come scrive Giglioli sul suo blog, se era tanto annoiato o interessato al giornale, poteva stare fuori e non in prima fila.

    RispondiElimina
  12. Per me sta vedendo una vignetta di satira dedicata a lui!

    RispondiElimina
  13. Mah!
    in ogni caso ... sono grattacapi!
    In bocca al lupo, PD! :-)
    g

    RispondiElimina
  14. Credo che il caffè preso gli abbia procurato disturbi gastrici.

    RispondiElimina
  15. Legge un articolo da il Giornale...

    Deputato della Repubblica. Eletto a Milano. Fondatore di Forza Italia. Presidente del Consiglio dei ministri nel 1994 nel 2001 e nel 2008 Il suo nome di compare nelle liste della loggia massonica segreta P2: fascicolo 625, numero di tessera 1816, data di iniziazione 26 gennaio 1978. In un'audizione alla commissione parlamentare sulla P2, Berlusconi ammette di essersi iscritto alla P2 all'inizio del 1978 su invito di Gelli. Conferma la sua iscrizione alla loggia al processo P2, nel novembre 1993.

    • Nel settembre 1988, invece, in un processo per diffamazione da lui intentato contro alcuni giornalisti, Berlusconi dichiara al giudice:"Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo che è di poco anteriore allo scandalo". Per questa dichiarazione Berlusconi viene denunciato per falsa testimonianza. Il processo per falsa testimonianza si conclude nel 1990: Berlusconi viene dichiarato colpevole, ma il reato è estinto per intervenuta amnistia.

    • Berlusconi fu indagato già dal 1983, nell'ambito di un'inchiesta su droga e riciclaggio: la Guardia di finanza aveva posto sotto controllo i suoi telefoni e scritto nel suo rapporto: «è stato segnalato che il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane. Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbe sulla Costa Smeralda avvalendosi di società di comodo...». L'indagine non accertò nulla di penalmente rilevante e nel 1991 fu archiviata.

    • Berlusconi è stato accusato di aver pagato tangenti a ufficiali della Guardia di finanza, per ammorbidire i controlli fiscali su quattro delle sue società. In primo grado è stato condannato a 2 anni e 9 mesi per tutte e quattro le tangenti contestate, senza attenuanti generiche. In appello, la Corte concede le attenuanti generiche: così scatta la prescrizione per tre tangenti. Per la quarta (Telepiù), l'assoluzione è concessa con formula dubitativa, secondo il comma 2 art. 530 cpp. La Cassazione, nell'ottobre 2001, conferma le condanne per i coimputati di Berlusconi Berruti, Sciascia, Nanocchio e Capone (dunque le tangenti sono state pagate), ma assolve Berlusconi per non aver commesso il fatto, seppur richiamando l'insufficienza di prove.

    • Per 21 miliardi di finanziamenti illeciti a Bettino Craxi, passati attraverso la società estera All Iberian, in primo grado è condannato a 2 anni e 4 mesi. In appello, a causa dei tempi lunghi del processo scatta la prescrizione del reato. La Cassazione conferma.

    • Berlusconi è rinviato a giudizio per aver falsificato i bilanci Fininvest (processo All Iberian 2). Il dibattimento, dopo molte lungaggini e schermaglie procedurali, è iniziato presso il Tribunale di Milano. Ma Berlusconi ha cambiato la legge sul falso in bilancio: il processo è stato sospeso. Intanto è scattata anche la prescrizione.

    • Berlusconi è stato indagato (anche sulla base di una voluminosa consulenza fornita dalla Kpmg) per la rete di 64 società e conti off shore del gruppo Fininvest (Fininvest Group B) che, secondo l'accusa, ha finanziato operazioni "riservate" (ha scalato societý quotate in Borsa, come Standa e Rinascente, senza informare la Consob; ha aggirato le leggi antimonopolio tv in Italia e in Spagna, acquisendo il controllo di Telepiù e Telecinco; ha pagato tangenti a partiti politici, come la stecca record di 21 miliardi di lire data a Craxi attraverso la societý All Iberian). La rete occulta della Finivest-ombra ha spostato, tra il 1989 e il 1996, fondi neri per almeno 2 mila miliardi di lire. Per questo Berlusconi è stato chiamato a rispondere di falso in bilancio. Ma nel 2002 ha cambiato la legge sul falso in bilancio, trasformando i suoi reati in semplici illeciti sanabili con una contravvenzione e soprattutto riducendo i tempi di prescrizione del reato (erano 7 anni, aumentabili fino a 15; sono diventati 4). CosÏ il giudice per le indagini preliminari nel febbraio 2003 ha chiuso l'inchiesta: negando l'assoluzione, poichè Berlusconi e i suoi coimputati (il fratello Paolo, il cugino Giancarlo Foscale, Adriano Galliani, Fedele Confalonieri) non possono dirsi innocenti; ma decidendo di prosciogliere tutti i 25 imputati, poichè il tempo per il processo, secondo la nuova legge, è scaduto. La procura ricorre in Cassazione, che all'inizio di luglio 2003 applica per la prima volta il "lodo Maccanico", decidendo la sospensione del processo per Berlusconi.

    • Berlusconi è stato rinviato a giudizio per aver deciso il versamento in nero di una decina di miliardi dalle casse del Milan a quelle del Torino calcio, per l’acquisto del calciatore Gianfranco Lentini. Il dibattimento di primo grado si è concluso con la dichiarazione che il reato è prescritto, grazie alla nuova legge di Berlusconi sul falso in bilancio.

    • Berlusconi è accusato di comportamenti illeciti nelle operazioni d'acquisto della società Medusa cinematografica, per non aver messo a bilancio 10 miliardi. In primo grado è stato condannato a 1 anno e 4 mesi per falso in bilancio. In appello, assoluzione con formula dubitativa, confermata in Cassazione.

    • Berlusconi è accusato di appropriazione indebita, frode fiscale e falso in bilancio per l’acquisto dei terreni intorno alla sua villa di Macherio. In primo grado è assolto dall'appropriazione indebita e dalla frode fiscale. Per i due falsi in bilancio contestati scatta la prescrizione. In appello è confermata l'assoluzione per i due primi reati; è assolto per uno dei due falsi in bilancio, per il secondo si applica l'amnistia.

    • Berlusconi è accusato di aver pagato i giudici di Roma per ottenere una decisione a suo favore nel Lodo Mondadori, che doveva decidere la proprietà della casa editrice. Il giudice dell'udienza preliminare Rosario Lupo ha deciso l'archiviazione del caso, con formula dubitativa. La Procura ha fatto ricorso alla Corte d’appello, che nel giugno 2001 ha deciso: per Berlusconi è ipotizzabile il reato di corruzione semplice, e non quello di concorso in corruzione in atti giudiziari; concesse le attenuanti generiche, il reato dunque è prescritto, poiché risale al 1991 e la prescrizione, con le attenuanti genriche, scatta dopo 5 anni. Il giudice ha disposto che restino sotto processo i suoi coimputati Cesare Previti, Giovanni Acampora, Attilio Pacifico e Vittorio Metta.

    • Berlusconi è accusato di aver corrotto i giudici durante le operazioni per l'acquisto della Sme. Rinviato a giudizio insieme a Cesare Previti, Renato Squillante e altri. Il processo di primo grado si è celebrato presso il Tribunale di Milano, dopo che la Cassazione ha respinto la richiesta di spostare il processo a Brescia o a Perugia, per legittimo sospetto reintrodotto per legge nell'ottobre 2002. Un'altra legge, il "lodo Maccanico", votata con urgenza nel giugno 2003, impone la sospensione di tutti i processi a cinque alte cariche dello Stato, tra cui il presidente del Consiglio. Ma è stata giudicata incostituzionale dalla Corte costituzionale. Il processo è cosÏ ripreso fino alla sentenza: concesse le attenuenti generiche, il reato è prescritto.

    • Berlusconi era accusato di aver indotto la Rai, da presidente del Consiglio, a concordare con la Fininvest i tetti pubblicitari, per ammorbidire la concorrenza. La Procura di Roma, non avendo raccolto prove a sufficienza per il reato di concussione, ha chiesto l'archiviazione, accolta dal Giudice dell'udienza preliminare.

    • Berlusconi era accusato di aver pagato tangenti a dirigenti e funzionari del ministero delle Finanze per ridurre l’Iva dal 19 al 4 per cento sulle pay tv e per ottenere rimborsi di favore. La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione, accolta dal Giudice dell'udienza preliminare.

    • Le procure di Caltanissetta e Firenze indagano da molti anni sui «mandanti a volto coperto» delle stragi del 1992 (Falcone e Borsellino) e del 1993 (a Firenze, Roma e Milano). Le indagini preliminari sull'eventuale ruolo che Berlusconi e Marcello Dell'Utri possono avere avuto in quelle vicende sono state formalmente chiuse con archiviazioni nel 1998 (Firenze) e nel 2002 (Caltanissetta). Continuano però indagini per concorso in strage contro ignoti e i decreti d'archiviazione hanno parole pesanti nei confronti degli ambienti Fininvest.

    • La procura di Palermo ha indagato su Berlusconi per mafia: concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio di denaro sporco. Nel 1998 l'indagine è stata archiviata per scadenza dei termini massimi concessi per indagare. Indizi sui rapporti di Berlusconi e Dell'Utri con uomini di Cosa nostra continuano a essere segnalati in molte sentenze.

    • Berlusconi, Dell’Utri e altri manager Fininvest, responsabili in Spagna dell'emittente Telecinco, sono accusati di frode fiscale per 100 miliardi e violazione della legge antitrust spagnola. Sono ora in attesa di giudizio su richiesta del giudice istruttore anticorruzione di Madrid, Baltasar Garzon Real. Il giudice Garzon ha chiesto di processare Berlusconi in Italia o di poterlo processare in Spagna. Di fatto, il processo è sospeso.
    Sta leggendo qualche notizia sul nostro Presidente del Coonsiglio , tessera 1816

    • Berlusconi e altri manager Fininvest sono indagati a Milano per aver prodotto fondi neri e distratto soldi da Mediaset attraverso meccanismi di compravendita di diritti televisivi. L'indagine è in corso, con le accuse, per Berlusconi, di appropriazione indebita aggravata, frode fiscale e falso in bilancio.

    RispondiElimina
  16. Emilio
    Ti sei sbagliato, non era Il Giornale.

    RispondiElimina
  17. Quella che sai22/2/09 20:20

    OT

    Alberto, perché non ti iscrivi?


    …_|\______________________
    ../ `--||||||||---------------------- ]|] ADD ME ADD ME ADD ME
    ./_==o ___________________]
    ...),---.(_(__) /
    ..// (\) ),----".'
    .//___//
    /`----' /
    ____ /.

    RispondiElimina
  18. Al, quoto Pia.

    Ciao!
    annarita

    RispondiElimina
  19. indecifrabile... senza dubbio nulla di buono... xD
    A presto,
    Ettore

    RispondiElimina
  20. Com'è invecchiato... gli scazzi con Walter devono averlo provato.

    RispondiElimina
  21. Io da tempo non capisco nulla di quello che fa, pensa, mima D'Alema...

    RispondiElimina
  22. stava per starnutire?! :D
    buon inizio settimana alberto

    RispondiElimina
  23. Ciao Alberto
    Mi mandi il tuo indirizzo mail?
    Hai letto quanto prodotto dopo aver visto un pezzo di Festival?
    http://www.alzalatesta.net/index.php?option=com_content&task=view&id=454&Itemid=1
    Questa, chiaramente, Sanremonews e Riviera24 non me l'hanno pubblicata.
    Ci vediamo dal Piombo!
    Ciao Marco

    RispondiElimina
  24. In fondo, lui e il Veltro hanno fatto la stessa cosa: per ambizione personale sono riusciti a rimettere in sella Berlusconi; il Baffino collaborò molto alla caduta di Prodi per fare lui il Presidente del Consiglio (e Berlusconi vinse nel 2001), il Veltrone diede due mazzate alla maggioranza di Prodi ("La legge lettorale la discuto con Berlusconi" e "Alle prossime elezioni il PD andrà da solo") che fecero incazzare gli altri partiti della coalizione e fecero cadere il governo, con successiva vittoria berlusconiana. Poiché i due non sono scemi, viene il sospetto che la parte dello scemo la hanno recitata apposta. Magari uno in cambio di una barchetta, e l'altro di un appartamento a New York (Berlusconi da questo punto di vista sa essere generoso: il Festival lo ha vinto Marco Carta, che in Sardegna ha dato una mano a Cappellacci, e secondo è arrivato Pobia, che se l'era presa più volte coi "giornalisti comunisti"... E qualche giorno fa, ci hanno spiegato come si manovra il televoto... Se tanto mi da tanto...).

    RispondiElimina
  25. dovrei limitarmi a quotare lo straordinario commento di Pietro, ma potrebbe leggere lettere di protesta provenienti dall'Africa nel timore che Uolter ne faccia davvero il suo Aventino ;)

    RispondiElimina
  26. mai sia.. già non è un gran chè.. così è anche peggio! grazie per essere passato da me..

    RispondiElimina
  27. non mi piace...esprime quello che é: "antipatico"...e poi esprime supponenza

    RispondiElimina
  28. Secondo me si informava sulla dieta di Fassino.
    Lo vede leggermente ingrassato, e non va! Così non va! Quell'uomo deve tenere la schiena dritta, il Fassi!
    E se gli cresce la panza...che si fa? Un congresso?

    RispondiElimina
  29. Alberto en mi blog hay dos bellos premios para tí.Felicitaciones

    RispondiElimina
  30. Cronaca locale di roma a quanto vedo forse gli stannp deprezzando gli appartamenti...

    RispondiElimina
  31. ´´´.´´´·:::::·´´´.´´´
    ,.•´¨`•.( -.- ).•´¨`•.,¸
    `•--•-¨( “)(“ )¨-•--•´
    Buenos dias pase a saludarte y desearte que tengas una genial semana, saludos de tu amigo.. Christiannnnnnnnn.

    RispondiElimina
  32. D'Alema si informa sempre, come in questa poesia di Kavafis:

    SI INFORMAVA SULLA QUALITÀ
    di Costantinos Kavafis

    Dall’ufficio, dove si era impiegato
    – un posto da poco e mal retribuito
    (sulle otto lire al mese, con gli straordinari) –
    uscì appena finito quel lavoro squallido
    che lo teneva piegato tutto il pomeriggio;
    uscì alle sette e prese a camminare,
    senza fretta, indugiando per strada. – Era
    bello, un tipo interessante: dava l’impressione
    netta d’essere nel pieno della maturità dei sensi.
    Si attardava per strada, per quei vicoli
    miserabili che portavano a casa sua.
    Passando davanti ad un negozietto
    dove si vendeva merce
    dozzinale e di poco prezzo, roba da operai,
    scorse lì dentro un viso, una figura
    che lo spinse a entrare, fingendo
    di voler vedere fazzoletti colorati.

    Si informava sulla qualità dei fazzoletti
    e sul prezzo, con voce soffocata,
    quasi spenta per il desiderio.
    Tali anche le risposte,
    sbadate, appena sussurrate,
    con sottintesa complicità.
    E continuavano a discutere della merce –
    ma solo per sfiorarsi le mani
    sopra i fazzoletti, per accostare
    i visi e le labbra, come per caso:
    un fulmineo contatto di corpi.
    Lesti e furtivi, prima che s’accorgesse
    il padrone, seduto in fondo al magazzino.

    RispondiElimina
  33. @ Emilio
    Se scrivi queste cose ti cacciano da Mediaset.

    RispondiElimina
  34. S'è mica scordato di prendere Imodium?

    RispondiElimina