Pagine

martedì 13 gennaio 2009

Campagna sull'ateismo a Genova

campagna ateismo

Già me l'immagino il cardinale Bagnasco, capo dei vescovi d'Italia con residenza a Genova, andare avanti e indietro nelle segrete stanze almanaccando piani strategici per passare alla controffensiva.

Ma come? Proprio nella sua città i miscredenti dell'UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) dovevano inscenare questa piazzata? Che poi proprio piazzata non è. Tutto regolare, come una normale campagna pubblicitaria pagata con denaro sonante all'AMT genovese.

Sono due autobus che dal 4 febbraio porteranno nei saliscendi del capoluogo ligure il messaggio che vedete sul retro e sulla fiancata. E se qualche passeggero particolarmente fedele facesse obiezione di coscienza e su quei mezzi proprio non volesse salire?

Aggiornamento 15 gennaio
Avevo finito il post con ironia pensando all'obiezione di coscienza dei fedeli e mi erano sfuggiti gli autisti. Sono loro che per primi hanno fatto obiezione e si rifiuteranno di guidare. Questa storia non è finita lì.

Aggiornamento 16 gennaio
Giorgio Bornacin, senatore e coordinatore regionale di An, fa ricorso al garante della concorrenza per pubblicità ingannevole: «far viaggiare sotto gli occhi di tutti, bambini compresi, uno spot pubblicitario che nega l´esistenza di Dio e invita a farne senza è una pubblicità ingannevole e quindi può essere bloccata».

Aggiornamento 17 gennaio
La concessionaria IGPDecaux degli spazi pubblicitari sui bus dell'Amt ha deciso di non concederli per questa campagna. Qui le motivazioni sul blog dell'UAAR. Come ipotizzavo all'inizio il cardinale Bagnasco è passato alla controffensiva senza indugio. In pubblico non ha detto niente sulla vicenda, ma chissà quali telefonate sono partite dalle segrete stanze.

campagna ateismo

Technorati Tags: , , , , , ,

46 commenti:

  1. Si convertiranno anche loro, è solo questione di tempo.
    E quando lo faranno, Dio li accoglierà a braccia aperte.

    RispondiElimina
  2. Non è che Dio non esiste. In questi ultimi decenni e forse anche prima, si è trasferito su qualche altra galassia.

    RispondiElimina
  3. Campagna già fatta in Francia e Spagna, giusto più che mai farla anche qui in Italia, seconda (se non prima!) casa del Vaticano!

    OT: riguardo alla notizia di oggi Alberto sono allibito; non sembra una bufala ma...nessuno tolto il Corriere ne parla e questo mi fa molta, molta paura!

    RispondiElimina
  4. Caro Chit cerchiamo di approfondire.

    RispondiElimina
  5. tutta la mia ammirazione

    RispondiElimina
  6. Anche a Londra è stata fatta una campagna simile.
    E se il messaggio servisse solo per far capire quanto fastidioso sia, quando la religione vuole influire nella vita politica e viceversa?

    RispondiElimina
  7. ma se uno non crede, che bisogno ha di puntualizzare il fatto, se non per autoconvincersi?

    Non mi piace l'invasione del Vatincano nella politica italiana, ma non mi piace neanche puntualizzare una cosa se già la si da per scontata....
    Ognuno è libero di dire ciò che pensa, ed io sono libera di dissentire.....

    RispondiElimina
  8. La sponsorizzazione e' firmata "uaar.it", la sigla sta per Unione Atei e Agnostici Razionalisti, due atteggiamenti mutuamente esclusivi: se sei agnostico non vai certo in giro ad affermare che Dio non esiste.
    Per forza di cose, quindi, il messaggio non poteva essere contemporaneamente ateo e agnostico.
    Per par condicio, attendo la sponsorizzazione di due bus agnostici, magari ci diranno che Dio lo abbiamo inventato per rispondere ad un bisogno.

    In comune le due anime della UAAR hanno solo l'astio verso il Vaticano, sempre meno coerente e sempre piu' indifendibile.

    Comunque, confondere Dio con il Vaticano, o meglio, arrivare a concludere di "non credere in Dio perche' i preti sono cattivi" mi pare indice di una poverta' di intelletto pari a quelli dei baciapile.

    Stimo molto invece chi usa le proprie facolta' per osservare il mondo, interrogarsi e darsi da solo una risposta sincera, per arrivare a concludere in tutta onesta' di essere Ateo, Agnostico o Credente.

    RispondiElimina
  9. Da ateo: e se, putacaso, i bus atei sono più inquinanti di quelli cattolici che potrebbero, ad esempio, elettricamente, tu quale pensi che sia la decisione degli utenti?

    RispondiElimina
  10. Questo succede in una città italiana...? Dio sia lodato!
    :)

    RispondiElimina
  11. Devo dire che mi lascia molto perplesso un'iniziativa del genere... Io non confonderei la spiritualità con il clero. Sono profondamente anticlericale e non posso dirmi cristiano, però non sono completamente ateo ed un messaggio del genere lo trovo comunque fastidioso.

    RispondiElimina
  12. Mi sembra del tutto superfluo e fuoriluogo....dovremo aspettarci dei bus con scritto "Dio esiste"?

    RispondiElimina
  13. Un piccolo passaggio (notevole per le verità che dice) dell'intervista rilasciata dall'amico Don Luisito Bianchi (uno dei vecchi e gloriosi "preti operai") alla rivista Appunti Alessandrini:

    Se si arrivasse al proprio sostentamento col proprio lavoro (di qualsiasi tipo) il clericalismo perderebbe buona
    parte della sua visibilità e il termine di laici riacquisterebbe il suo vero senso di appartenenti tutti al Popolo di Dio redento dall’unico Figlio di Dio.
    Così anche l’anticlericalismo sfonderebbe una porta aperta. In fondo i clericali d’ogni estrazione sono quanti
    difendono la religione che ha creato il potere clericale facendosene forti, indipendentemente dall’adesione
    di fede a Cristo (i c.d. atei devoti).
    La scelta del lavoro da parte del prete, dovessero i c.d. Preti Operai scomparire, ha indicato comunque la strada che fu da sempre quella della credibilità dell’Annuncio perché essa
    si presenta senza interessi economici.
    Sarebbe più facile individuare così
    altri interessi inerenti al potere religioso, che sono pericolosamente più sottili, giacché si arriva fino alla difesa
    degli “interessi” di Dio.
    Non conosco il libro “La Casta”, ma
    non mi meraviglierei se un vecchio
    prete nella sua fedeltà alla Chiesa
    avesse parlato del “clero”, del quale si è sempre sentito parte, per onestà, come de “La Casta”, e forse “madre di tutte le caste”.

    RispondiElimina
  14. Quoto gimmi, infatti su wikipedia:

    "Si suole distinguere, riguardo alle persone non credenti in una religione, tra ateismo e agnosticisimo. La differenza sta nel fatto che, mentre l'agnostico afferma semplicemente l'impossibilità di conoscere la verità sull'esistenza di Dio o di altre forze soprannaturali, l'ateo, al contrario, afferma con certezza che non esiste alcun Dio o un qualsiasi altro tipo di forza superiore".

    Sottile ma sostanziale differenza.

    RispondiElimina
  15. L'analisi di gimmi è praticamente perfetta.
    Chi ha lanciato questa idea si è beccato i suoi 5 minuti di popolarità ma per gli agnostici (veri) questa iniziativa non fa ne caldo ne freddo.

    RispondiElimina
  16. Se qualche passeggero particolarmente devoto dovesse trovare insopportabile l'idea di salire su quegli autobus... semplicemente non ci salirà e aspetterà il prossimo.

    E avrà tutto l'agio di farlo senza grande sforzo né danno, visto che le vetture incriminate sono esattamente DUE in tutto il comune di Genova, mentre tutte le altre sono immuni dalla contaminazione maledetta.

    Ovvero, continuano a portare come se niente fosse le consuete pubblicità ordinarie: quelle dove immagini di modelle scosciate e slogan dal doppio senso volgare invitano a spendere soldi per qualsiasi amenità immaginabile, dalle discoteche ai preservativi alla biancheria sexy alle scuole private truffaldine.

    saluti
    Lisa

    RispondiElimina
  17. In un clima molto infervorato ed oppositivo quale quello in cui attualmente viviamo, e' facile confondere forma e contenuto e gettare al vento ogni cosa...lasciando che? Ritengo che la religiosità sia un fatto estremamente personale, da difendere o meno, ma in grande privacy. Non approvo chi confonde questo con la politica del Vaticano, che può anche non piacere, ma che nulla ha a spartire con la Chiesa o con Dio. Così come non approverei il fedele fanatico che rifiutasse di salire sul pullmann.

    RispondiElimina
  18. Purtroppo da noi e' difficile vedere dove finisca l'Italia e cominci il Vaticano e viceversa.
    Per questo la pubblicità apparsa in quei bus noi la potremmo intendere unicamente contro la chiesa cattolica; sbagliato ! va intesa come contraria e tutte le religioni ( almeno quelle monoteiste) cancellando anche quello di buono ( poco forse) che hanno fatto e nello stesso tempo cancellando buona parte della "cultura" del nostro pianeta ponendo di fronte un "reset" di alcuni miliaia di anni che solo una fetta minuscola della popolazione mondiale potrebbe capire.

    RispondiElimina
  19. questo bus l'avrà visto il Papa?

    RispondiElimina
  20. E se invece Dio (Budda, Manitù, indifferente) ci fosse e si incazzasse con quegli autobus? :-))

    RispondiElimina
  21. aH Ecco, come segnala Chit è stato fatto anche in Spagna...infatti avevo visto ieri l'altro un servizio del tg 2 a proposito...magari adesso, come contro offensiva, prenderanno a metter manifesti con scritto Gesù, ti ama, e usa questo bus ecologico...ovviamente sulla fiancata del mezzo pubblico

    RispondiElimina
  22. La vera campagna in realtà è quella mediatica scatenata dalla notizia. Non è ancora sicuro che le scritte finiscano veramente sugli autobus (per ora abbiamo visto solo fotomontaggi), comunque l'UAAR ha già avuto molta più pubblictà di quanta non ne otterrà se veramente la cosa andrà in porto, infatti due autobus sul parco di centinaia di vetture circolanti a Genova sarebbero stati notati da poche persone invece così la notizia si è diffusa in tutta Italia (e probabilmente anche oltre). Se io fossi il committente a questo punto rinuncerei alla pubblicità sugli autobus (risparmiando 7.000 Euro per 2 vetture un mese) avendo già ottentuto molto di più e per giunta gratis!!!

    RispondiElimina
  23. Mi chiedo se quell'autobus sia anche ecologico.

    RispondiElimina
  24. Ebbene,io penso che una campagna del genere possa far riflettere quella gente che è estremista e che si dispera per la fine del mondo-per esempio-combinando follie di tutti i tipi(vedi negli USA);ma credo che qui, sia solo un pretesto per sviare l'attenzione da problemi veramente seri e nell'eventualità,per creare un po' di scompiglio.Credo che nonostante l'Italia abbia lo stato del vaticano che "troneggia",nella popolazione ci sia abbastanza rispetto per le varie ideologie teologiche(sempre riferito alle tematiche strettamente cristiane..sia chiaro!)e quindi la vivo come una pura e semplice provocazione..
    ..non so se sono riuscita ad esplicare chiaramente ciò che penso,ma in sintesi sono contro una pubblicità di questo tipo,non tanto per il messagio in sè,ma appunto perchè rischia di causare solo più scompiglio..ma che dire..le autorizzazioni..la pubblicità..i mass-media..tutto è nelle mani di chi vuole una nazione insoddisfatta,preoccupata-terrorizzata e disunita..così è più facile da governare..ma ora mi sto dilungando troppo.Mi fermo.
    Un saluto Alberto!!;)
    -Ale-

    RispondiElimina
  25. ma e' inutile filosofeggiare su un cartellone.
    Lo scopo di un cartellone e' far parlare di se, non di convincere qualcuno.
    la distinzione fra agnostici e atei di novalis e' corretta, ma mi ha fatto sempre ridere, dire che non ci si puo' pronunciare sulla esistenza di un essere superiore, da ateo, mi fa davvero ridere; ma allora fai che ci credi, ma non sei proprio sicuro-sicuro. e' uguale.
    Diverso e' essere convinto che l' idea di dio sia una invenzione umana, e questo nessuno lo puo' smentire.

    RispondiElimina
  26. @ Massimo vedi: ci sono delle religioni, vedi il Buddismo, dove i loro praticanti si professano atei ma non agnostici, come la mettiamo? Se la differenza come dici te è minima?
    Sono atei in quanto non credono in nessuna entità superiore, ma credono però in una legge mistica, Credere in Budda è credere nell’uomo, è credere in noi stessi, perché noi siamo Budda. Il Buddismo insegna a credere in questo. Un Buddista è ateo ma non agnostico. Ciao :-)

    RispondiElimina
  27. ciao novalis.
    del buddismo so veramente poco, ho conosciuto due ragazze che si professavano tali, ma erano veramente confuse.
    Resto della mia idea, un popolo intero che crede in una qualsiasi cosa non mi spaventa, ho vissuto in spagna e in italia!
    pensa che la penso come Odifreddi: oroscopo e religione non hanno differenze sostanziali.

    RispondiElimina
  28. Ottima iniziativa. Dopo aver letto di quella già sperimentata in Inghilterra, mi auguravo potesse avvenire anche in Italia. Speriamo abbia seguito.

    RispondiElimina
  29. Grazie Alberto, non l' avevo letto.
    Va detto che sensazioni simili le provo anche in chiese cattolicissime, ho vacillato nella cappella di Le Corbusier, quella a ronchamp, in svizzera.
    Ma so che sono sensazioni che hanno a che fare con l'abilita' di creare luoghi per la meditazione, e nessuno come i religiosi si sono dedicati a questo. forse qualche giardiniere.

    RispondiElimina
  30. ho letto di questa notizia su altri blog e la trovo geniale come campagna pubblicitaria e credo che come tale deve essere trattata, nulla più. ogni tipo di strumentazione che se ne fa è solo frutto della retorica prettamente italiana.
    grazie per avermi inserito tra le tue letture.
    tommi

    RispondiElimina
  31. Il commento più bello è quello del centrodestra genovese, che per impedire la cosa ha detto che è "pubblicità ingannevole", ha ha ha ha. E quest'anno c'è anche il gay pride a Genova. Ci sarà da divertirsi, quest'anno. Venite, con la scusa della mostra di De Andrè!

    RispondiElimina
  32. Liberi di esprimere il proprio pensiero, hanno acquistato lo spazio pubblicitario come tanti altri. Per essere agnostici comunque si interessano troppo a Dio :P

    RispondiElimina
  33. a proposito di religione e pubblicita':
    http://www.oddee.com/item_96543.aspx

    RispondiElimina
  34. Caro alberto, qui non si tratta di essere atei o meno, o di simpatizzare per i cardinali e il vaticano,ma mi sembra proprio una campagna inutile e di cattivo gusto...ognuno è libero di credere o meno in Dio, senza che te lo dica uno spot sull'autobus.Oppure abbiamo bisgono di consigli sempre e comunque?Anche gli atei non sono diversi dal vaticano in questa campagna di pubblicità "progresso"...

    RispondiElimina
  35. Grazie per essere passato a trovarmi nel mio blog ti aggiungerò tra i blog che seguo. Io voglio solo dire questo per quanto riguarda la religione, è sempre la causa di ogni guerra. Con questo ti saluto e ciao a presto Sabrina

    RispondiElimina
  36. L'è u Vatican che rumpe u belìn...
    Prendersela con la questione della fede con una mera pubblicità è riduttivo e oltraggioso.
    Il problema, soprattutto in Italia, è il Vaticano: troppa ingerenza, troppo potere.

    RispondiElimina
  37. Non è che non c'è, se n'è andato!!!

    RispondiElimina
  38. non è mai inutile "filosofeggiare" purchè lo si faccia con onestà intellettuale. Personalmente ho colto lo spunto offerto dall'iniziativa come un'occasione per riflettere a scuola sui termini ateismo, agnosticismo, razionalismo, laicità...cercando di capirne il significato. e in seconda battuta per discutere dell'iniziativa dei bus che ha trovato nei giovani - con mia grande sorpresa - una risposta per lo più negativa.

    RispondiElimina
  39. Io la penso esattamente come Giulio GMDB© e credo che se la campagna pubblicitaria passerà il vaglio della dirigenza dell'AMT, mi provocherà un senso di disagio leggere quella frase sui bus di Genova.

    RispondiElimina
  40. mah,
    come campagna pubblicitaria mi lascia un po' ...così così!
    comunque, "evvivaddio" (!), c'è libertà di espressione e pensiero. E sul fatto possiamo giusto sorriderci ma niente di più.
    Oppure cogliere degli spunti per affrontare certe tematiche con i giovani, come racconta Nanni.
    g

    RispondiElimina
  41. Ma ci pensi a uno che diventa ateo per via della pubblicità sull'autobus? o_0
    E va be' che la pubblicità è l'anima del commercio, ma questa volta non si vende niente, come iniziativa mi sembra un po' inutile

    RispondiElimina
  42. Su Youtube gira un filmato di un nuovo bus, LEXCIVILIS, che ha frase sullo stile di quella mostrata a Genova dall'associazione di atei, ma di contenuto più ottimista e prudente. Di fronte a concetti o realtà come "Dio", serve a poco gonfiarsi come tacchini, ergendosi a fari di verità assoluta. Giova di più vestirsi di quella sana prudenza che solo gli uomini intelligenti ed umili sanno portare. Chi ha ingegno e capacità, farebbe bene ad adoperarsi per risolvere i problemi veri dell'umanità. Guerra, prepotenza, disparità sociali, negazione dei diritti, sono sfide più degne di uomini e donne che vogliano rendere utili le loro vite. Altro che battaglie contro Dio. Se non vogliamo parlare di bestemmia, possiamo parlare di bestialità.
    Giriamo pagina e parliamo invece di rinnovato impegno civile. Il cittadino della classe media è dormiente: risvegliamolo! Vedete http://lexcivilis.blogspot.com o cercate LEXCIVILIS su Google

    RispondiElimina
  43. EC
    Grazie mille per la segnalazione. Buona domenica.

    RispondiElimina
  44. Ma quanto sono complessati 'sti atei???!!! Arrivare a sbandierare il non-credere... è da non credere!

    RispondiElimina
  45. ragazzi questo bus non e di genova e inutile che scrivete cavolate che il bus e di genova non lo è!! questo bus e di milano!!!!!

    RispondiElimina