Pagine

lunedì 12 gennaio 2009

Democrazia cristiana, rieccola

democrazia cristiana

Questa mattina appena uscito di casa e svoltato l'angolo per infilarmi nel metrò, tra il freddo (-6) e mucchi di neve ho avuto la sensazione che delle traveggole si fossero impossessate del mio cervello per incunearmi in un flashback, ma proprio back back back. Dopo essermi pizzicato forte mi son reso conto che era realtà quella che avevo davanti. Un manifestone 3x6, fresco di attacchinaggio, con stampato su quello che vedete.

Mi piacerebbe sapere da voi se avete mai visto un slogan più falso di questo?

59 commenti:

  1. Io gli cambierei i connotati, almeno qualcosa di diverso lo avrebbero! :-)

    RispondiElimina
  2. la voglia di cambiare...paese.
    solo quella mi fanno venire

    RispondiElimina
  3. No e mi sorprende vederli dato che quel simbolo se non erro non dovrebbe più essere di proprietà di nessuno o meglio nessuno potrebbe più usarlo. Almeno così credevo

    Per il resto non mi stupisco più di nulla c'è anche il famoso detto:" A volte ritornano"...

    In questi casi peraltro l'importante sarebbe "Non aprire quella porta!" al ritorno del passato...

    RispondiElimina
  4. C'era un vecchio film che, se non ricordo male, si intitolava "Back to the future", "Ritorno al futuro"... Fatto fuori Prodi, anche col contributo fondamentale di Veltroni (e perchè di D'Alema no?), si sta lavorando per ricostruire il vecchio trappolone, e metterci a capo Casini. Che si vuol proporre come il nuovo Prodi, ma eticamente è tutt'altra cosa.
    Ma in fondo, ci meritiamo più un ipocrita come Casini che un "cattolico adulto" come Prodi.
    Come rileva, ancora, Vittorio Foa, si impose, nell'immediato dopoguerra, l'idea che l'Italia aveva partecipato al conflitto dalla parte dei vincitori, e si riuscì a far dimenticare che l'Italia aveva perso la guerra, dimostrando anzi il contrario. Allo stesso modo, si sostenne che gli italiani erano sempre stati antifascisti, mentre non era vero. Questo modo di pensare era decisamente ipocrita. E, come rileva ancora, Foa, "L'aver dimenticato di non essere stati antifascisti ha portato alla cancerllazione anche di altre cose della nostra storia, con gravi effetti negativi. Penso ai difetti che ci siamo trascinati dietro nel tempo: una non sufficiente comprensione di che cos'è la legalità e, in ultima analisi, lo Stato, tanto che si è generato qualcosa di malato nell'unità nazionale".
    Insomma, il Casini che lascia la famiglia per farsene un'altra con una donna più giovane (e più ricca)e poi tuona in difesa del vincolo familiare suggellato da Dio ce lo meritiamo proprio...

    RispondiElimina
  5. Possono cambiare quanto vogliono, ma la faccia come il culo rimane tale e quale quella di sempre

    RispondiElimina
  6. Qualcosa di simile a Palermo, mi apre la lista di Cuffaro che dichiarava: Per un cambiamento della Famiglia in Sicilia.

    RispondiElimina
  7. Avevo rimosso mentalmente il simbolo, non mi sarei aspettato di rivederlo..
    Cambiare per non cambiare nulla, è proprio vero.

    RispondiElimina
  8. Ci credo che l'Italia è un Paese di vecchi.

    RispondiElimina
  9. Ormai ero convinto di poter vedere quel simbolo solo su qualche libro di storia.

    RispondiElimina
  10. In Italia c'è il problema della memoria corta....

    RispondiElimina
  11. Ma quel manifesto ha l'aria di un qualcosa da appendere in un museo, come aver ritrovato in un cassetto un vecchio transistor a pile che non funziona più e può servire solo per testimoniare il passato...

    RispondiElimina
  12. a volte ritornano.. anzi, sigh e strasigh a volte porcaccia ritornano

    RispondiElimina
  13. Chi ha detto che il dramma dell'uomo è che dimentica facilmente...

    RispondiElimina
  14. Forse hanno sbagliato, han preso un manifesto del 1946, che schifo avete governato l'Italia per quasi cinquant'anni e che cosa avete cambiato del fascimo? Vigliacchi avete tradito la fiducia degli italiani con quel vostro "Cristiani"; ma cosa avevate di cristiano?

    RispondiElimina
  15. Definiamola nostalgia...
    Certe persone hanno bisogno di "certezze" e riescono a trovarle solo nel passato.

    RispondiElimina
  16. ancora non ci siamo liberati di tutti i democristiani?non si rendono conto di quanto scifo anno seminato in ITALIA DI COME ANNO CANCELLATO IL VERO SOGNIFICATO DELLA PAROLA MORALITA'SPERO CHE VADANO TUTTI A FARE IN C....

    RispondiElimina
  17. Beh...
    Hanno una lunga tradizione sugli slogan. Ricorderete quello del '68, quando sui manifesti esibirono una bella sposina e scrissero "La Dc ha vent'anni". E qualcuno aggiunse sotto: "è ora di trombarla"

    RispondiElimina
  18. giuseppe varese12/1/09 16:19

    perchè rinunciare ad un business?dopotutto basta un logo per essere eletto in parlamento!

    RispondiElimina
  19. Concordo con pibua...i connotati bisognerebbe cambiargli!
    Sono 60 anni che stiamo affogando nei debiti della DC!

    RispondiElimina
  20. Calma! Calma! Calma! Ma siete proprio sicuri che il berlusconismo sia meglio della DC? Aspettate e vedrete. Da ex comunista anch'io finirò per rimpiangere quei tempi e non credo che dovrò attendere molto. Le premesse ci sono già tutte e se questa maggioranza manterrà fino a fine legislatura.....forse non potremo più nemmeno scrivere su questo o altri blog. Spero di sbagliarmi

    RispondiElimina
  21. Ma nella politica italiana c'è qualcuno che vuole realmente cambiare?!? Cambi di maschera (logo di partito) ne vediamo tutti i giorni, ma sotto la maschera rimangono sempre i soliti: PSI, PCI, Ulivo, Quercia, Yes we can, DC, MSI, PRI, CI, Partito della Libertà ... sempre le solite facce che ogni tanto si mischiano tra loro.
    Il bello è che c'è ancora gente che difende a spada tratta una fazione piuttosto che l'altra convinti che quella sia nel giusto insultando chi appoggia gli altri convinti che facciano schifo.
    Anni fa nel calcio si proponeva di "noleggiare" arbitri di altre nazioni: e se facessimo lo stesso con i politici?!?

    RispondiElimina
  22. IdV!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Sempre!

    RispondiElimina
  23. qule che si definisce una contraddizione in termini

    RispondiElimina
  24. se non fosse che c'è un indirizzo di un sito web, indice di modernità, direi che è uno scherzo!!!...ma si può avere tanta faccia tosta!?!?!
    aiuuuuuutooooooo!!!!!non abbiamo più la possibilità di difenderci!!!
    Domanda:ma se il passato ritorna presente, quando questo presente diventa passato???

    RispondiElimina
  25. Non avremo più una D.C. anche se qualcuno pensa di sfruttarne il nome.
    La storia dirà se è stato proprio un cattivo partito.
    Io vedo più malaffare ed disinteresse per i cittadini ora, che allora.
    A auando un simile periodo di evoluzione in meglioramento e di appasionata partecipazione alla politica?

    RispondiElimina
  26. TESSITORE12/1/09 17:36

    Lungimirante quello che lo ha fatto! Quanto credete che durera' il PD ?
    Arrivera' a mala pena alle Europee,si conteranno e decideranno di andare ognuno dalla sua parte E voleranno gli stracci...

    RispondiElimina
  27. Se continua così
    ci conviene ritirarci tutti
    su a Marta.
    Salù

    RispondiElimina
  28. la voglia di cambiare? ahahah

    RispondiElimina
  29. l'importante è non credere a chi lo propina...e ripropina... e ripropina...e...giorno dopo giorno... dopo giorno...dopo giorno... inverosimilmente! E' questo il CAMBIAMENTO?

    RispondiElimina
  30. Peccato che tutti i "Commentatori" si siano dimenticati che se la DC ha governato , male, per 50 anni, la colpa e' solo degli Italiani che l'hanno votata. Quindi inutile prendersela "coi ladri ecc.ecc.." occorre prendersela coi nostri nonni,padri, madri perche' la colpa e' solo loro. Il tempo di cambiare c'era, eccome.

    RispondiElimina
  31. Ciò che ho letto non mi meraviglia più di tanto. Si meraviglia solo chi pensa che veramente si cambia sostituendo il nome del partito. Quale cambiamento si può avere in un paese che, dopo la mafia, abbiamo ancora Andreotti al governo? Sarà diverso tra qualche anno, se a governarci saranno i loro nipoti? Sveglatevi!!!!

    RispondiElimina
  32. Rassegnatevi, noi italiani siamo creduloni e gli slogan funzionano eccome, demo - Cristiani, Forza Italia ... e intanto ce lo ficcano tutti al.......

    RispondiElimina
  33. "Io sono povero e infelice. Vieni presto mio Dio.

    Tu sei mio aiuto e mio Salvatore.

    Beati i poveri in Spirito perchè di essi è il regno dei cieli" (Mt 5,3)

    Sono fuori tema ?

    RispondiElimina
  34. X Bruno: a me non risulta che Andreotti sia al governo; comunque pur non volendo la DC bisogna ammettere che a quei tempi si stava tutti molto meglio.

    RispondiElimina
  35. oops!
    esiste ancora la diccìì??
    o...a volte ritornano?
    ah che tempi.... :-(
    ciao Al

    RispondiElimina
  36. Mica è FALSO, è solo IDIOTA
    aster

    RispondiElimina
  37. Demokršćanski premijeri [uredi]

    * Alcide de Gasperi (1946. - 1953.)
    * Giuseppe Pella (1953. - 1954.)
    * Amintore Fanfani (1954.)
    * Mario Scelba (1954. - 1955.)
    * Antonio Segni (1955. - 1957.)
    * Adone Zoli (1957. - 1958.)
    * Amintore Fanfani (1958.1959.)
    * Antonio Segni (1959. - 1960.)
    * Fernando Tambroni (1960.)
    * Amintore Fanfani (1960. - 1963.)
    * Giovanni Leone (1963.)
    * Aldo Moro (1963. - 1968.)
    * Giovanni Leone (1968.)
    * Mariano Rumor (1968. - 1970.)
    * Emilio Colombo (1970. - 1972.)
    * Giulio Andreotti (1972. - 1973.)
    * Mariano Rumor (1973. - 1974.)
    * Aldo Moro (1974. - 1976.)
    * Giulio Andreotti (1976. - 1979.)
    * Francesco Cossiga (1979. - 1980.)
    * Arnaldo Forlani (1980. - 1981.)
    * Amintore Fanfani (1982. - 1983.)
    * Amintore Fanfani (1987.)
    * Giovanni Goria (1987. - 1988.)
    * Ciriaco de Mita (1988. - 1989.)
    * Giulio Andreotti (1989. - 1992.)
    * Silvio Berlusconi 2008.-2516.)
    e poi si vedrà

    RispondiElimina
  38. Bravo Fuin.
    (OT)Per quell'altra storia di cui parliamo dall'altra parte sarebbe bello recuperare le magliette. Quelle superstiti.

    RispondiElimina
  39. Ci sono sempre stati, anzi si sono infiltrati in altri partiti per poterli distruggere.....che vergogna!!!

    RispondiElimina
  40. Lo slogan affiancato a quel simbolo fa parecchio ridere ;-)

    RispondiElimina
  41. johnnyf.i.v.12/1/09 21:49

    Dopo 45 anni di scudo crociato non mi pare vero di rivederlo in giro...Hanno mangiato tutto quello che si poteva mangiare,per non parlare di gladio,servizi segreti deviati and so on...Ma vi ricordate le ''tribune elettorali''?Sembra un secolo fa...

    RispondiElimina
  42. il nuovo che avanza e il passato che non passa.
    Chi non impara dai propri errori è condannato a ripeterli.

    RispondiElimina
  43. Santa patata! Vuoi vedere che Andreotti torna e si ricandida per le prossime politiche del 2011... o 2111 chissà.
    Che faccia di tolla!

    RispondiElimina
  44. Alle prossime elezioni Andreotti da un a parte e Berlusconi dall'altra...

    RispondiElimina
  45. Ieri ho avuto 6526 visite, molte provenienti da oknotizie perché il post è rimasto in prima posizione per tutto il pomeriggio. Parecchi hanno commentato su quel sito.

    RispondiElimina
  46. ehm..cambiare???????????
    capisco che l'italiano ha memoria corta
    però porca miseria è sfacciataggine pura questa

    RispondiElimina
  47. sicuro che non stavi sognando? :D
    ahahaha

    RispondiElimina
  48. Io ne ho visto uno a Napoli,nella mia città,gigantoscopico,con la scritta : Grazie Silvio,e il faccione di Berlusconi in primo piano.

    Il grazie alludeva al fatto che Il Cavaliere avrebbere tolto la "munnezza" dalle strade di Napoli.
    Nulla di più falso.Il premier la munnezza non l'ha tolta.L'ha solo NASCOSTA.Se si viene a fare un giretto dalle mie parti gli mostro dove.


    Un sorriso.Antonia.

    RispondiElimina
  49. la falce e martello non li vedrete MAAAAAAAAAAAAAAAAAAI.........questo è sicuro

    RispondiElimina
  50. Ciao, il tuo blog aveva aderito alla catena di blog contro l’art 29 del decreto 185/08, ci sono belle notizie, sembra che abbiamo vinto: http://blog.libero.it/KudaBlog/6288993.html
    Kuda

    RispondiElimina
  51. "Uniti si! Ma contro la diccì!"

    RispondiElimina
  52. Aiutooooooooooooooooooo!
    L'erba cattiva non muore mai, purtroppo!
    Il prossimo candidato della dc chi sarà B16 o padre george?

    RispondiElimina
  53. Si la voglia di cambiare registro.... e cioè di venire presi a calci nel sedere ci vuole proprio coraggio ..... e sfacciataggine.
    Grazie per la visita e per seguire il mio blog

    RispondiElimina
  54. di manifesti altrettanto falsi ci sono tutti quelli che negli anni portavano impressa la falce e martello,un simbolo che gronda sangue da tutte le parti....Da Mosca a Budapest fino a Berlino.Avete davvero poca memoria...

    RispondiElimina
  55. Sommessamente vorrei che ognuno riflettesse sulla politica degli ultimi 20 anni, da quando manca la DC.
    Certamente tanti uomini della DC di allora si sono serviti del partito e poi si sono accasati altrove. Leggete lo statuto della DC, che è sempre quello di allora e vi accorgerete della lungimiranza di chi lo ha scritto.
    Mai come oggi è necessaria la Democrazia cristiana, fatta di gente poco conosciuta, ma certamente " LIBERI E FORTI".

    RispondiElimina
  56. Ciao Alberto Cane
    mi occupo della Comunicazione della Democrazia Cristiana. Ho letto (un po' in ritardo) il tuo post sulla affissione della Democrazia Cristiana. Se per caso hai interesse ad approfondire il tema sarebbe un piacere metterti in contatto con gli attuali dirigenti della Democrazia Cristiana (Angelo Sandri-Antonino Magistro) per interviste, informazioni etc...Se la cosa ti può interessare contattami a ufficiostampa.dc@dconline.info

    RispondiElimina
  57. Salve a tutti,
    anche io ho letto in ritardo questa notizia sul blog.
    Cosa dire, almeno c'è chi ci prova a cambiare: simbolo storico (chissà come mai il simbolo comunista non è oggetto delle stesse critiche!), gente nuova.
    A chi non ci crede appoggio l'appello del collega sopra di impegnarsi attivamente per cambiare il paese invece di criticare.

    Segretario Politico DC Aprilia
    www.democraziacristianaaprilia.org
    info@democraziacristianaaprilia.org
    328-1828642

    RispondiElimina
  58. credo che cambiare simbolo e lasciando sempre le stesse persone non cambia nulla. è come chiamare il nome ad una mela in arancio .... sempre mela rimane e quindi le persone oneste non cambiano simbolo ma rimangono perchè appunto sono oneste. Come sapete molti simboli si sono aggiunti uscendo da storici partiti di politici corrotti e collusi con organizzazioni malavitose mentre la gente onesta è rimasta fiera dei propri principi anche perchè le responsabilità sono sempre personali e mai collettive.

    RispondiElimina