Pagine

giovedì 22 gennaio 2009

Istigazione a delinquere

cardinale PolettoLa legge di Dio non può mai essere contro l'uomo. La legge di Dio è sempre per l'uomo. Andare contro la legge di Dio significa andare contro l'uomo. Dunque, se le due leggi entrano in contrasto è perché la legge dell'uomo non è una buona legge e si rivelerà tale dai suoi frutti.
Un cattolico rispetta le leggi e rispetta la sua coscienza. Per questo esiste la possibilità di fare obiezione quando l'applicazione di una legge contrasta con i propri convincimenti.


Queste parole sono state pronunciate in un'intervista di ieri dal cardinale Poletto (nella foto) e sono la risposta alla decisione del presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso di mettere a disposizione di Eluana Englaro le strutture sanitarie pubbliche per ottemperare alla sentenza della Cassazione.

Il cardinale come se niente fosse taglia di netto due secoli e passa della storia dell'Occidente e ritorna ai tempi quando il papa incoronava i re, come depositario assoluto del potere in terra. E a proposito di assoluto ricorda l'arcivescovo che oltre al suo di Dio ce ne sono altri adorati da miliardi di uomini e che spesso hanno altre leggi? Quali leggi di quale Dio bisogna seguire? Solo quelle del suo?

La teocrazia cattolica si sta insinuando sotto la pelle di questa Repubblica malata e allo sbando. Fino a quale punto la brama di potere della Chiesa possa portare non è prevedibile.

Mettiamo caso che, solo per fare un esempio, un governo, che è di là da venire, decida di far pagare l'ICI a tutti i beni ecclesiastici. Obiezione obiezione. I beni della Chiesa sono di Dio, e si possono far pagare le tasse a Dio? Non sto scherzando.


36 commenti:

  1. Tu non scherzi e nemmeno loro. Magari, non rispettando le attese dell'umanità che soffre, passa la fatidica settimana, che poi la domenica tutti a confessarsi. Dio perdona. E ama.

    RispondiElimina
  2. E quanto potrei dire sull'argomento! In realtà la Chiesa si è insinuata nelle coscienze dei cristiani da 2000 anni! Ma in modo particolare in Italia e in Spagna. quest'ultima pare si stia liberando, purificandosi, grazie a uno Stato davvero laico. Da noi Ratzinger graffia sempre e, con lui, i suoi amati cardinali e vescovi.
    La Chiesa pecca! Soprattutto di presunzione.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Lo so bene che non stai scherzando.
    Abitando vicino Loreto so benissimo quanti possidimenti abbia la chiesa..
    E so benissimo che potrebbe fare un discorso del genere.

    RispondiElimina
  4. Per rimanere sugli esempi: mettiamo caso che, un vecchietto che ha una pensione minima e l'affitto da pagare ai gerarchi vaticani proprietari del suo appartamento, decida di non pagare quell'affitto così da mangiare un pezzo di carne in più durante il mese. Il vecchietto obietterebbe che Dio non si lascerebbe pagare. Quale legge dici che seguirebbero questi uomini di chiesa, quella divina o quella umana che prevede lo sfratto del vecchietto?

    RispondiElimina
  5. Bravo Crocco. Esempio calzante al massimo.

    RispondiElimina
  6. Fino a che Dio sarà concepito come entità ESTERNA all'uomo, sarà sempre uno spaventapasseri manipolabile dai gerarchi a proprio piacimento. E' così semplice per loro farsi portavoce di un dio invisibile. La più grande mistificazione della storia dell'uomo.

    Quando gli uomini saranno in grado di concepire Dio per ciò che è - la dimensione più elevata insita in noi stessi - smetteranno di ascoltare chi si fa portavoce di un'entita immaginaria e strumentalizzata, e ascolteranno null'altro che la propria coscienza.

    MORALE della favola:

    non me la prendo con la chiesa nè coi gerarchi; sfruttano l'umanità bambina e inconsapevole. Quando questa maturerà, loro si scioglieranno come neve al sole.

    Attendo trepidante il risveglio degli uomini, più che puntare il dito sui mostri delle sue tenebre.

    (fermo restando che: quei mostri ci sono; non ci piacciono; e si riempiono la bocca di un dio che non conoscono, ma che non è nient'altro che il loro EGO tronfio e dispotico ).

    RispondiElimina
  7. Concordo con Marcy: starebbe a tutti noi togliere questo potere temporale che la chiesa ancora esercita nel nostro Paese...

    RispondiElimina
  8. Quello che fa Poletto é gravissimo, oserei die quasi un attacco allo Stato ed alla sua sovranità.

    RispondiElimina
  9. «Avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l’obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene fare scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che si sentano ognuno l’unico responsabile di tutto»
    http://www.globalproject.info/art-751.html
    anche questa frase suona cosi' male?

    RispondiElimina
  10. Se pensiamo ad un Dio dall'aspetto umano, dal cuore umano; un Dio che sappia dare aiuto ai deboli, che sappia tendere una mano ove necessario; un Uomo capace di provare dolore, gioia, tristezza,indignazione,come noi.
    Allora sì, le tasse a Dio si possono far pagare, bisogna fargliele pagare, eccome!
    Ma ho tanti dubbi a riguardo, così come li nutro sulla Chiesa, sui preti, sui ferventi cattolici.
    Salutoni.

    RispondiElimina
  11. Dio non esiste ma ognuno ha diritto di credere in tutte le illusioni che vuole. Se i cattolici vogliono un luogo dove rispettare esclusivamente la legge di Dio autoconferendosi il diritto di obiettare sulle leggi dello Stato vadano a costruirsi una teocrazia fuori dai confini italiani
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  12. Poletto provetto chierichetto :-\

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Allora...non facciamo confusione. Dio è una cosa (per chi ci crede), la Chiesa è un'altra. Per quel che mi riguarda io questa Chiesa Cattolica non la riconosco come mia. Si è allontanata anni luce da quello che era "il messaggio". Io sono cristiano, credo fermamente in Dio con tutto me stesso e dico col massimo candore che questa Chiesa non mi va giù. Non mi va giù perchè conosco come funziona dall'interno, Non mi va giù perchè ho visto troppe cose che con Dio non c'entrano NULLA, ma che in nome Suo vengono fatte. Non mi va giù perchè sembra troppo assetata di potere TERRENO. Non ripeterò per l'ennesima volta tutte le macchie di sangue che sporcano le mani della Chiesa di Roma...credo tutti conosciate quello che hanno fatto negli ultimi 2000 anni. E per favore basta a dire che quando la Chiesa fa una cosa è illuminata dallo Spirito Santo per poi cambiare immediatamente versione quando gli si sbatte in faccia gli errori ed i crimini vari e rifugiarsi nel "beh ma alla fine siamo uomini". Basta, basta, BASTA!
    Io seguo Dio e poco mi frega se il mio amico palestinese lo chiami Allah o un altro lo chiami Grande Spirito.
    Devono pagare le tasse sui beni immobili? Certo. Perchè? "Maestro...è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare? ... Rendete dunque a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio".

    PS: Chiedo venia se ho cancellato l'altro mio commento. Diciamo che mi sono "auto-moderato" (anche per rispetto del proprietario del blog) ed ho aggiustato il tiro un attimino.

    RispondiElimina
  15. Il titolo è assolutamente perfetto.
    Viva Bresso!

    RispondiElimina
  16. Durante il regno di Enrico VIII vennero promulgate numerose e importanti leggi. Tra le quali quelle che hanno sentenziato la rottura con la Chiesa di Roma portando il re Enrico a capo della chiesa d'Inghilterra ed incamerare tutti i beni della Chiesa Cattolica.
    Nel 2012 il governo Italiano decreta l'abolizione di tutti i privilegi accordati alla Chiesa ed al Vaticano:
    Il sommo Pontefice, Silvio I, si incazza tremendamente e lascia la Capitale per Hamamet portandosi dietro tutti i suoi Cardinali; Previti, Gasparri,Scajola e altri 500 porporati di fresca nomina.
    Veltroni si fa paracadutare nel Sahara. D'Alema è disperso con la sua barca nei mari del Nord.Di Pietro è ritornato a fare il magistrato ma il suo vecchio PC è andato in tilt. Calderoli alleva maiali sulle Ande e Casini, non essendo stata abrogata la legge Merlin si è ritirato a fare il portaborse a Caltagirone.

    ..... un'afa, un alito di lezzo:
    scusi, Eccellenza, mi parean di sego in quella bella casa del Signore fin le candele dell'altar maggiore......

    RispondiElimina
  17. Il problema è che tutti i cittadini devono avere diritto di scelta, è un problema morale ma che riguarda ognuno di noi personalmente, lo Stato deve garantire la possibilità di scelta e il diritto alla libertà di cura...

    Francesco
    Il Blog | Attualità | Psicologia

    RispondiElimina
  18. Magari Dio pagasse le tasse, sarebbe tutta da ridere!!!
    Purtroppo, come la storia insegna, la religione Cirstiano-Cattolica è una religione fatta dall'Uomo Bianco per l'Uomo Bianco. Fin qui non ci sarebbe nulla di male, se non che ci si mette in mezzo Madre Chiesa, impresa economica di prim'ordine.
    Come tutte le aziende mira a far cassa (di anime a parole, di soldi e beni materiali nei fatti), e non importa chi sia contro, tanto ci sarà sempre uno Stato Italiano che davvero laico non sarà mai.
    Ahimè.
    Saluti

    RispondiElimina
  19. Ciao mitico Fuin. Ma quando te le studi...?

    RispondiElimina
  20. Come ho gia' detto dal Russo, il problema e' che costroro (Poletto in questo caso) abbiano "adenzia" nel teratro politico. Non che non possano nei fatti, interferire con la politica, sarebbe pia illusione, ma che lo facciano con l'arroganza dello sciacallo che addenta il leone morente avendone compreso la condizione.
    La lassita' del nostro tessuto civile permette ai "Poletti" di sparare queste minchiate come se fossero normali e fa' delle dichiarazioni della Bresso eccezioni da prima pagina.
    E a me sembra il mondo alla rovescia. La normalita' dovrebbe essere il silenzio sulle dichiarazioni della Bresso e un corale, massiccio e gioioso "Ooooh! Ma che cazzo vuoi!" alle uscite dei "Poletti"

    RispondiElimina
  21. Il futuro non lo vedo molto bello
    e lo dico per tutti gli amici blogger, per mio figlio, per le sue figlie e per quelli che verranno. Per me durerà di meno. Finchè ci saranno governi e governanti acquiescènti e loro leccapiedi tutto resterà come ai tempi del papa re.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Io non sarei tanto pessimista. All'orizzonte si, lo ammetto, si vedono nubi e saette...ma bisogna avere coraggio e forza continuando a navigare verso l'ignoto. Nei giorni della contestazione studentesca ho visto che una scintilla di speranza c'è ancora, un barlume di luce nel buio. Cosa serve? Urgono dei leader capaci di svegliare le coscienze, di parlare alle anime sopite, di sferzare l'orgoglio incatenato. Questo ci serve.

    RispondiElimina
  24. @Silla
    da Eciclopedia Tre cani.

    @Alberto
    Hai ricevuto le foto ?

    RispondiElimina
  25. "La legge di Dio"
    "Guardatela oggi, questa legge di Dio..."
    diceva De Andrè....
    g

    RispondiElimina
  26. Sempre citando De Andre', pensa alla canzone il pescatore, che dissentiva riguardo la legge rispondendo ad una propria coscienza.
    Per i preti la coscienza umana, usata bene, fa il volere di Dio, mentre per molti altri l'uomo ha comunque una sua coscienza e una sua etica.
    Anteporre la propria coscienza e il proprio senso critico alla legge dello stato alle convenzioni o al perbenismo e' proprio il messaggio di tutta la vita di De Andre'.
    Se tutti ci fossimo comportati in questo modo, al processo di Norimberga nessuno si sarebbe dichiarato innocente in quanto obbediva ad ordini superiori.
    I preti fanno bene ad anteporre la propria coscienza alle leggi e, citando il titolo del post, istigare a delinquere.
    I centri sociali che stanno chiudendo a Milano non fanno la stessa cosa? Non ist
    igano a delinquere difendendo idee diverse?
    Sono dell'avviso che gran parte dei commenti a questo post siano permeati da pericolose chiusure che non fanno altro che aprire la strada ad una grigia monocultura, diametralmente opposta ma pari alla monocultura che qualche porporato si augurerebbe.

    RispondiElimina
  27. Però Gimmi è comodo (e anche contraddittorio credo) per i cattolici fare obiezione di coscienza alle leggi di uno Stato che concede loro così tanti privilegi materiali, leggi soldi.

    "I centri sociali che stanno chiudendo a Milano non fanno la stessa cosa?"
    Ma loro dallo Stato non hanno mai ricevuto una lira.

    Non trovi differenza?

    RispondiElimina
  28. "16. Non c'è comandamento che non possa essere infranto, anche quelli che io dico e quelli che i profeti hanno detto.
    25. Non esagerare il culto della verità; non c'è uomo che alla fine di un giorno non abbia mentito con ragione molte volte."
    Borges. Frammenti di un vangelo apocrifo.

    RispondiElimina
  29. Caro Alberto, non è mia intenzione legittimare i privilegi che la Chiesa ha accumulato e continua ad accumulare.
    Da cattolico praticante ti posso dire che mi fanno schifo, e per certi versi fanno schifo più a me che ad altri commentatori che per esempio si sono dichiarati atei e immaginano la Chiesa come una congrega popolata solo da burattinai.
    Voglio invece sottolineare che il principio di dissentire ed insegnare a dissentire, per quanto possa risultare attività delinquenziale, io invece lo trovo sacrosanto e doveroso.
    La coscienza critica e morale degli uomini la vorrei vedere anteposta a qualsiasi legge, se no, davvero, a Norimberga i gerarchi nazisti avevano ragione a dire che non erano colpevoli in quanto obbedivano agli ordini.
    Altro esempio, quando il Berlusca afferma che chi si oppone alle discariche è antidemocratico perché le discariche le hanno scelte chi rappresenta la maggioranza, secondo me capovolge uno dei capisaldi della convivenza civile: il diritto a dissentire delle minoranze.
    Se poi chi dissente è ed è stato un privilegiato da 2000 anni oppure un gruppo di persone che la sede l'hanno dovuta sottrarre al legittimo proprietario per me poco importa.
    Certo, per questo possono risultare antipatici i primi e simpatici i secondi, ma entrambi stanno esercitando un loro sacrosanto diritto, quello di dissentire e insegnare a dissentire.

    RispondiElimina
  30. Ok al diritto di dissentire. Peccato, però, che la Chiesa faccia sentire SEMPRE la propria voce quando si tratta di argomenti pertinenti al Governo Italiano e, invece, durante l'OLOCAUSTO non prese una posizione ufficiale contro quanto stava avvenendo.

    RispondiElimina
  31. Ciao Unforgiven82, io credo che il fatto che il Governo Italiano sia sempre stato influenzato nelle sue decisioni dalle indicazioni provenienti dal Vaticano sia esclusivamente un problema del Governo Italiano.

    Invece, per quanto riguarda il non aver preso una posizione contro i campi di sterminio (esattamente come hanno fatto tutti gli altri stati sovrani del mondo) anche io la ritengo una colpa grave, ma certo non è l'unica. Per esempio la notte di San Bartolomeo, la crociata contro gli Albigesi, l'Inquisizione dove li mettiamo?
    Vedi, quando le voci che dissentono dalla legge e dall'ordinamento vengono messe a tacere, si fa sempre questa fine.
    Per questo l'opinione del Cardinale Poletti, quella della Chiesa, la tua o la mia sono fondamentali e non esistono persone o entità che hanno meno diritto di altri ad esprimere la propria opinione. Questo vale anche per chi, proclamandosi Chiesa di Cristo, ha travisato quotidianamente il suo messaggio per secoli.
    Per questo credo che i cattolici, il diritto di obiettare sulle leggi dello Stato non se lo siano autoconferito ma lo abbiano sempre avuto, come tutti gli altri. Per esercitarlo non devono certo andare a costruirsi una teocrazia fuori dai confini italiani, come opinione di progrevolution.

    RispondiElimina
  32. Guarda gimmi io capisco quel che dici e, in tutta onestà, non mi sento di dire a nessuno "tu stai zitto e non esprimere la tua opinione" perchè robe tipo questa mi stanno sulle scatole. Il problema dov'è allora? Beh il problema sorge quando non si rimane ad una opinione, ma si va ben oltre. Esempio? Fino a qualche tempo fa i preti nelle chiese quasi obbligavano i fedeli a votare DC propinando (in caso di voto contrario) visioni di fuoco e fiamme (e se vuoi ti porto testimonianze dirette di queste cose eh). Se non è terrorismo psicologico questo...
    Questo è il nocciolo. Esprimi pure la tua opinione...ma poi basta. Una cosa è dire la loro, una cosa è forzare la gente minacciando di pene eterne. Meno male che tanto nessuno li ascolta più (almeno tra i giovani). Te immagina se dessimo ascolto a loro..."non usate il preservativo": AIDS dovunque. Ma scherziamo?
    Tutto questo è un problema del Governo Italiano xkè c'è una mentalità del cavolo. I primi colpevoli sono i mass media. Oggi il Vaticano ha aspramente criticato Obama per i finanziamenti federali alle associazioni per l'aborto. Credi che la CNN usi questa come notizia d'apertura? Ma anche no.
    E' colpa anche dei politici nostrani che USANO letteralmente la fede delle persone per far presa su di loro. Tutti che si schierano a favore della famiglia...ma cacchio so' tutti divorziati, conviventi et similia!

    RispondiElimina
  33. gian paolo24/1/09 19:26

    «È l'arroganza di chi si crede nel giusto» Dichiarazione di mons. Fisichella (Corriere della Sera, 24.1.09)

    RispondiElimina
  34. Unforgiven82, a volte mi stupisco di come faccia il cristianesimo faccia a esistere ancora nonostante l'esistenza di certi cristiani.

    RispondiElimina
  35. Io mi stupisco di come faccia la Chiesa Cattolica ad esistere ancora nonostante la MAGGIORANZA dei preti...

    RispondiElimina
  36. vedo sempre chiese semivuote a parte un qualche anziano e ci sono carenze di preti,io che lavoro in un centro x anziani vedo che loro si avvicinano alla chiesa quando non riescono più ad essere indipendenti,cominciano ad aver paura della morte solo all'ora cominciano a pregare.....se loro fossero veramente convinti di amare dio la morte sarebbe la cosa più naturale che ci sia, io mi sono allontanato dalla chiesa perchè non penso che dio sia cosi contento di questo lusso,oro, case, terreni ,alberghi,negozi,ecc,ecc,IO CREDO FORTEMENTE A DIO MA NON NELLA CHIESA..............

    RispondiElimina