Pagine

domenica 22 novembre 2009

Testaroli

xxyyzz

Mangiati/e ieri sera, cosa sono? Gli amici che frequentano gli stessi miei posti si tacciano per favore.

Assaggiato anche l'olio nuovo. Non quello del mio uliveto ma di un altro vicino. Un uliveto molto particolare di cui un giorno forse parlerò. Quest'anno l'annata è veramente buona, sia per qualità che per quantità. Adesso posso dirlo quando ormai l'olio è nei bidoni.

pane e olio

Risposta all'indovinello, e così cambio anche il titolo
Sono testaroli, che è pur vero che non fanno parte del cibo ligure ponentino ma di quello levantino, ma è altrettanto vero, e lo sa chi mi accompagna sempre nelle cene, che mi piacciono tantissimo. Mi piacciono tantissimo come quasi tutti i piatti poveri e antichi.

Ricetta
I Testaroli della Lunigiana (detti anche Panigacci, se di diametro più piccolo) sono noti per essere il più antico tipo di ”pastasciutta” del mondo, in quanto sembrano risalire ai tempi dell’Impero Romano. Prendono il nome dal “testo” romano, il contenitore – un tempo in argilla, adesso in ghisa – in cui vengono cotti; sono a base di farina di grano (ma anticamente era certamente farro), sale e acqua.

Si presentano come dei dischi sottili che per la cottura vengono tagliati a quadretti (o "lasagnette") di 4-5 centimetri di lato, quindi versati in una pentola di acqua salata bollente a cui è appena stato spento il fuoco; infatti la cottura deve avvenire a fuoco spento, per circa 3 minuti, poi si scolano e si condiscono o con il pesto - come vuole la tradizione di Lunigiana - o con qualsiasi altro sugo si voglia.
via

Technorati Tags: , ,

28 commenti:

  1. Anche per me sono testaroli al pesto. Che buoni! Li ho mangiati due giorni fa;)

    RispondiElimina
  2. Testaroli al pesto senza ombra di dubbio :-)

    Cavolo quanto mi mancano! Qua da noi non si trovano :-(

    RispondiElimina
  3. Se sono giuste le risposte già date questi "testaroli" devono essere proprio buoni.
    Dove si possono trovare?

    RispondiElimina
  4. Si, si, testaroli al pesto... "ho vinto quelchecosa?"

    RispondiElimina
  5. Testaroli al pesto tutta la vita.
    E te lo dice un piemontese d.o.c. che ama l'enogastronomia di tutte le regioni italiane, compresa quella ligure con i suoi splendidi vini come il Pigato ed il Rossese....

    RispondiElimina
  6. non conosco nessun piatto che dalle nostre parti si chiami "testaroli" per cui ti dico che mi sembra pasta fatta con farina di castagne...condita con buon pesto.
    pane e olio del nuovo... una bontà che non tutti conoscono, peccato!

    RispondiElimina
  7. La mia ricetta include una grattata di parmigiano alla fine. Mangiare economico e delizioso.

    RispondiElimina
  8. Sembra pasta fatta con la farina di castagne.

    RispondiElimina
  9. Sinceramente non ne ho idea, ma in ogni caso mi hanno fatto venire fame. E' buon segno no?

    RispondiElimina
  10. anch'io dico pasta fatta con farina di castagne condita col pesto.

    RispondiElimina
  11. Il colore marrone e' dovuto alla cottura in una padella piatta chiamata Testo (di terracotta o ghisa). La farina usata e' di grano.

    RispondiElimina
  12. Io non li ho mai mangiati ma da quanto leggo devo subito provvedere...
    :-)

    RispondiElimina
  13. Confermaci presto che siano testaroli, così li cerco lol.

    RispondiElimina
  14. io non saprei, sono solo certa che si tratti di un piatto squisitissimissimo! :-):-)
    g

    RispondiElimina
  15. Mhà...se son testaroli non son proprio "originali" e anche il peso non è quello ligure :)

    RispondiElimina
  16. anche se sono delle "tue parti", più o meno, guardando il piatto non mi viene in mente nulla!!!

    RispondiElimina
  17. Cosa sono i testaroli, ammesso che lo siano ?

    RispondiElimina
  18. sono fantastici testaroli al pesto e tra un po' mi mangio lo schermo del pc
    un saluto

    RispondiElimina
  19. I "testaroli" sono poco usati nel ponente, sono più tipici delle
    cinqueterre/lunigiana.
    Invece questo è un piatto più...
    contadino, direi più maschio.

    RispondiElimina
  20. non so cosa siano ma già mi è venuta l'acquolina in bocca e sono solo le dieci e mezza

    RispondiElimina
  21. confermo quanto detto da Ino: i testaroli sono tipici della Lunigiana e non dell'estremo ponente. Buonisssssimi, ma non "nostri".
    boh.. dalla foto non riesco proprio a capire!
    Al, fotografa un po' meglio!!!!
    ;-))))

    RispondiElimina
  22. Ci dovevi mettere anche la bottiglia di vino che sicuramente avrai bevuto per accompagnare quel ben di Dio.

    RispondiElimina
  23. .......trifolato "cun giverdu e agliu" .... ma non di cinghiale

    RispondiElimina
  24. Belìn Alberto... ma da te mi aspettavo un piatto di Picagge cun 'u tuccu...

    RispondiElimina
  25. Al sapevo che i testaroli sono un piatto della Lunigiana, perché una mia carissima amica, che me lo ha fatto conoscere, è di Pontremoli.

    Pensa che la sua casa è su in collina. Una casa antica con una cantina trasformata in cucina, rustica che più rustica non si può. La prima volta ho gustato i panigacci, i testaroli più piccoli, proprio in quell'ambiente.

    Ah che ricordi! Alcuni giorni fa li ha preparati per me e la mia famiglia, ospite a casa mia;)

    Che bontà!!! Come ti capisco...

    RispondiElimina
  26. é una specialità della tradizione tradizione lunigiana.Io sono originaria di quelle parti e vi posso dire che sono buonissimi e facilissimi da preparare.Il piatto della foto è chiamato "panigacci accunzi",nel dialetto di quelle parti,ma sono anche ottimi appena cotti,farciti con stracchino,prosciutto cotto o crudo,gorgonzola,coppa,salame e chi + ne ha ne metta...................si piegano a portafoglio come ad esempio la piadina e buon appetito a tutti!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.