Pagine

giovedì 11 febbraio 2010

Protezione civile col culo per terra

Automobile della Protezione civile senza ruote

Un fedele lettore del blog, Franco Pascale, che non so come ringraziare, mi manda dalla Calabria questa foto.

L'immagine parla da sola e quindi non faccio commenti. Se volete fateli voi, ché da dire ce n'è.

Technorati Tags: ,

21 commenti:

  1. Per rappresentare bene la situazione italiana, vicino a quell'auto ci metterei pure un'autopompa dei vigili del fuoco, una volante della polizia/carabinieri ed un'ambulanza... tutte nelle stesse condizioni. Per le ferrovie un binario morto invece sarebbe più che sufficiente.

    RispondiElimina
  2. che poi le ruote le avranno vendute per andare a puttane.
    (in senso proprio e figurato)

    RispondiElimina
  3. Bertolaso, con uno stipendio di un 1,5 milione di euro annui, non credo abbia bisogno di portarsi a casa le ruote... le avrà prese qualcuno a titolo di "risarcimento"!

    RispondiElimina
  4. ho esaurito le parole anche per questo argomento qui!!!
    ma la peggio non c'è mai fine?????

    RispondiElimina
  5. @Angie
    Ti sbagli. Questi qui non ne hanno mai basta, e speriamo che vengano fuori le loro ruberie.

    RispondiElimina
  6. il commento che mi viene da fare in questa situazione come in altre è... che mi fanno davvero schifo.
    Grande foto.
    un saluto

    RispondiElimina
  7. merita un tumbleramento quella foto. Dice molto di più di tanti giornali

    RispondiElimina
  8. Quasi quasi me la tumblero anch'io, è contro le regole?

    RispondiElimina
  9. Prima di tumblerarla metteteci dentro due che trombano, con la faccia di bertolaso of course...

    RispondiElimina
  10. I comportamenti illeciti emersi dall' inchiesta della procura di Firenze sugli appalti per le Grandi Opere fanno venire la nausea.

    Mi dispiace, Al, ma provo soltanto un sentimento di schifo totale che non mi permette di fare alcuna battuta.

    RispondiElimina
  11. @ Zefirina

    Aspetta che venga trasformata in SpA e vedrai che queste sono solo estemporaneità.

    I vigili del fuoco in Abruzzo hanno lavorato notte e giorno e per essere pagati hanno dovranno mostrare i pugni.

    RispondiElimina
  12. E' proprio perchè Bertolaso guadagna tanto che la Protezione Civile sta col culo per terra.

    RispondiElimina
  13. Che distratta..."hanno dovranno"
    Avrete capito che voleva essere "hanno dovuto".
    Ciao a tutti, sarò più attenta la prossima volta. ;-))

    RispondiElimina
  14. marcoboh ha detto tutto.
    :)

    RispondiElimina
  15. e dire che volevamo cambiare il mondo, altro che Bertolaso, invece silenzio credo sia giunta l'ora di oliare.. anche se la neve, oltre 30 cm, farà piangere i nostri amati ulivi, ma l'olio lo troviamo ugualmente..
    Baruffa

    RispondiElimina
  16. Sì, rubano. Sì, tutti. Sì, sistematicamente. Sì, soprattutto sui capitoli di spesa più ingenti (questo è logico) e svincolati dal giudizio per ragioni che potremmo definire “sentimentali”, come la sanità e l’edilizia legata alle catastrofi naturali (questa è logica, op. cit.). Poi succede che li prendano, e succede che non solo le loro pratiche, ma la loro figura torni a ricalcare il più banale, il più prevedibile di tutti gli stereotipi possibili. La potenza. Il potere. I favori. I cazzi. Le zoccole.

    Non solo quello, attenzione. Anche la übris che ho imparato al liceo, proprio quella, proprio quella dei greci, paro paro, senza nemmeno un aggiornamento del sistema operativo: è il telex della tracotanza, quello che sta emergendo dalle inchieste sugli appalti legati al terremoto dell’Aquila. E non c’è niente che faccia pensare il contrario, niente di quello che abbiamo visto e sentito anche di recente che non ci avesse dato gli strumenti per arrivarci in anticipo. Quello che sta succedendo in queste ore non è per niente nuovo né stupefacente; nemmeno quello che succederà sui media nei prossimi giorni lo sarà.

    Diranno che siamo contro la libertà, che uno nella sua vita privata, che la privacy, che l’intrusione è inaccettabile, che il moralismo della sinistra contro il vitalismo della destra.

    da
    http://www.freddynietzsche.com/2010/02/11/e-tutti-i-figli-suoi/

    RispondiElimina
  17. Ore 16,52 mi immetto in Autostrada ad Albenga.
    Tutto normale.

    Incrocio il primo pannello luminoso che mi segnala "uscita obbligatoria a Ventimiglia per neve".
    Non porgo molta attenzione al problema perchè la mia destinazione è Bordighera.

    Ore 17,18 Km. 114, Autofiori, in galleria,F E R M I ( come diceva il buon Prodi).
    Mi sintonizzo su Isoradio e sino alle 19 l'emittente sforna notizie sul traffico : Neve in Francia, Alemanno ha allertato la Protezione Civile a Roma, nevica sulla Torino/Savona ecc. ecc.

    A 10 niente.
    E noi FERMI.

    Ore 19,12 il comunicato radio ci informa che gli accessi di Bordighera, Sanremo, Arma di Taggia sono stati bloccati.
    Mezzi pesanti di traverso causa neeve e ghiaccio.

    Ore 19,30
    Un certo Ing. Francesco Lenzi o Renzi o minchia che sia, utilizza i canali di Isoradio per comunicare
    che con l'intervento dei mezzi di soccorso disposti dalla Protezione Civile i mezzi leggeri si sono messi in movimento.

    E noi FERMI.

    Da un Pullman spagnolo scendono alcune ragazze che sotto l'euforia della neve si mettono a far pipì in mezzo alla strada.
    Culi all'aria e via.

    Caro Alberto non ho mai la macchina fotografica con me.

    Ore 20,45
    Ci raggiungono degli addetti al traffico e ci intimano di uscire in contromano da Imperia Ovest.
    Meraviglia delle meraviglie non mi hanno chiesto di pagare il pedaggio.

    Ore 21
    Strada Statale 1

    Ore 22
    Arrivo a casa e mia moglie sta seguendo quello stronzo di Santoro
    che parla di Bertolaso.

    Conclusione: Sono andato ad Albenga per una visita neurologica,
    mi hanno ricoverato alla Neurodeliri ( Clinica Privata ovviamente)

    RispondiElimina
  18. Modello Flinstones. La continuità nella tradizione.

    RispondiElimina
  19. Salve, allora come prima cosa non vedo nella macchina lo stemma della protezione civile nazionale, quindi Bertolaso non cenrta nulla, la macchina appartiene ad una Associazione di Volontariato di protezione civile, visto che la macchina è un modello abbastanza vecchio evidentemente le cose sono andate cosi: la meccanica dell'auto si è quastata e la resa non marciante, pertanto, la stessa è stata portata ad un autodemolizione e l'organizzazione se ne procurata una nuova. Mistero risolto, evitiamo le offese gratuite, poi, volevo vedere se la foto era del nord se c'erano tutte queste frasi discriminatorie. non parlate se non sapete.

    RispondiElimina
  20. è da 2 anni che sono un volontario della protezione civile di un comune dell'alta padovana e sono 2 anni che sono fermo con le 4 frecce causa MANCANZA DI FONDI PER L'AQUISTO DEI D.P.I. BASILARI PER UN VOLONTARIO come divisa e scarpe..

    RispondiElimina
  21. Anonimo cambia Gruppo che è meglio...

    RispondiElimina