Pagine

venerdì 14 dicembre 2007

In Liguria

tramonto a Ventimiglia
Oggi solito intercity Milano-Nizza, solito ritardo di quaranta minuti, solite imprecazioni (ma rivolte a chi?). Almeno questo, una mezz'ora a godermi il tramonto, che non è sempre il solito, e il tempo di scattare un'immagine cartolinesca prima di rintanarmi nelle terre interne di Liguria da dove posto con una stramaledetta e stralenta linea telefonica.

32 commenti:

  1. Tramonti che da Baiardo sono ancora più belli..

    RispondiElimina
  2. Lo so Lara, e non è detto che in questi giorni ci faccia una scappata.

    RispondiElimina
  3. Siamo nela terra del'Occaso, dove il sole tramonta, il vento strappa la pelle del mare e i sassi sono parole.

    RispondiElimina
  4. sandro oddo15/12/07 10:11

    Non ci sono parole davanti a simili spettacoli. E' allora che si avverte l'esistenza di un qualcosa di superiore, di divino, di extraterrestre.
    I colori sono meravigliosi, il fotografo è impagabile.
    Adesso a Triora sta nevicando della grossa e simili spettacoli sono ancora più belli.
    Grazie, Alberto!

    Sandro Oddo

    RispondiElimina
  5. Alberto scusami!Non vorrei abbassare il livello del post.Ci sono due errori ortografici nel mio commento, alla tastiera divento disgrafica!

    RispondiElimina
  6. Nevica anche nella pianura piemontese. Fiocchi come belle farfalle, che non vedevamo da tempo. Illudiamoci, almeno per un attimo, che il clima sia tornato su binari normali..

    RispondiElimina
  7. @Filo
    grazie per le belle parole.

    @Sandro Oddo
    qui ha nevicato anche in basso.

    @Silla
    alla fine è arrivata!

    RispondiElimina
  8. bello il tramonto , anch'io sono rimasta incantata a guardarlo

    RispondiElimina
  9. @ skip e duhangst
    Io ero lì e non ho fatto altro che fare clic.

    RispondiElimina
  10. sandro oddo15/12/07 20:26

    Alberto, non fare il modesto! Non basta fare clic, bisogna avere sensibilità e farlo al momento giusto.
    La neve si sta sciogliendo, purtroppo.

    RispondiElimina
  11. In questo momento sette sotto zero. La neve è rimasta, purtroppo. Ah il relativismo.. Ciao Sandro Oddo non so quanto avrei pagato per essere stato a Triora, stamattina, durante la nevicata.

    RispondiElimina
  12. Lo spettacolo dei tramonti allargano non solo le pupille ma anche il cuore e danno la consapevolezza che l'uomo deve il massimo rispetto alla natura, ciao giò

    RispondiElimina
  13. Alberto, te l'avevo detto che qui il vento ti leva la pelle! Bisogna coprirsi bene.
    Mi dispiace!

    Si vede che non era il momento giusto.

    RispondiElimina
  14. Grazie filo per l'interessamento. Non sai come sarei venuto volentieri perché questi incontri diventano sempre più rari. Ho preso qualcosa e oggi va un po' meglio.

    RispondiElimina
  15. Torquemada16/12/07 12:43

    "solite imprecazioni (ma rivolte a chi?)"
    Già, dopo che hanno scorporato le ferrovie in diverse società non sai più a chi devi fare il macumba.

    RispondiElimina
  16. www.lostinthesky.net16/12/07 18:23

    Questa volta ringrazia le ferrovie.

    Hai avuto l'occasione di fare una gran bella foto!

    RispondiElimina
  17. Bella la foto, e sempre bello l'estremo ponente ligure. Godere di queste cose è un privilegio. E per associazione di idee mi viene in mente che, vent'anni fa, il 17 dicembre del 1987, moriva Marguerite Yourcenar. Partendo da alcune riflessioni della scrittrice in materia sociale e ambientale, vorrei proporre un mio piccolo contributo alla definizione dei contenuti ideali (sono questi a rappresentare l'identità, non le collocazioni più o meno formali: si pensi al P.D., o anche a un Tony Blair allineato sulle posizioni bellicistiche di Bush!) per chi si vuole collocare veramente a sinistra, in modo responsabile, costruttivo e "aggiornato". Questi sono purtroppo tempi poco lieti, nei quali si è perso il senso della bellezza e della dignità. Infatti, non solo si tollera la miseria, ma la si provoca; non solo si tollera la schiavitù (non possono essere definite altrimenti condizioni di lavoro senza tutela e senza sicurezza, che si accettano per sopravvivere ma che portano quotidianamente ad episodi tragici come quello di Torino) ma la si sfrutta; non solo si tollera il degrado ambientale, ma lo si porta avanti: e il tutto solo in vista di quello che Marguerite Yourcenar chiamava, nelle Memorie di Adriano, "il turgore di una ricchezza volgare". Per questo ritengo fondamentali questi tre punti cardine:

    1) Tutela dell'ambiente. Il P. D. sembra aver un po' accantonato questa tematica, per non "disturbare" o "infastidire" le imprese. Ma l'ambiente è un qualcosa che va tutelato e difeso, in quanto deve essere un diritto di tutti, anche di chi verrà dopo di noi. Già nel libro della Genesi si dice che “il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse” (2,15). Non siamo i propriateri del pianeta, ne siamo solo i custodi: e la custodia è pertanto un dovere morale. Infine, per citare ancora la Yourcenar, "Non vi è solo, per l’umanità, la minaccia di sparire su un pianeta morto; bisogna anche che ogni uomo, per vivere umanamente, abbia l’aria necessaria, uno spazio vitale, un’educazione, un certo senso della propria utilità. Gli ci vuole almeno una briciola di dignità ed alcune gioie semplici. Del resto, che cos’è il lusso? Non è necessariamente il possesso delle cose. Passeggiare sull’erba in primavera è un lusso; è un lusso essere felici, quando tanti soffrono; essere in buona salute in mezzo a tanti ammalati". E questo si ricollega anche alle altre due tematiche.
    2) Tutela e sicurezza del lavoro. Il lavoro è un diritto costituzionale, e questo, a parole, lo riconoscono tutti. Ma deve anche esserci, appunto, una dignità del lavoro. E questa dignità la si ottiene quando il proprio lavoro ha un senso, quando la remunerazione è tale da consentire una vita dignitosa, quando non si vive quotidianamente col timore di perdere il posto e quando non si corre quotidianamente il rischio di perdere la salute o la vita. Queste non sono fisime vetero-marxiste, che il "pragmatismo" di una "forza progressista moderna" (leggasi: P.D.) deve superare, ma requisiti indispensabili. Metto anche qui una citazione della Yourcenar: “Quella che considero una forma di schiavitù è la preoccupazione del poveraccio (che sia pagato centocinquantamila dollari all’anno come dirigente, o diecimila come dipendente, la cosa non cambia) che trema all’idea di lasciare la fabbrica, benché avvelenata dall’inquinamento, o produttrice di oggetti dannosi o stupidamente inutili, perché ha paura di perdere benefici e pensione. Questa è schiavitù, perché quell’uomo non oserà mai protestare, qualunque cosa avvenga".
    3) Equità: le regole (diritti, doveri, opportunità) devono valere allo stesso modo per tutti. Questa è un'idea "di sinistra". Chi, anche a sinistra, sostiene la relatività delle regole (valgono solo quelle che piacciono!) e quindi incita alla "disubbidienza" si colloca sul piano di Berlusconi, che ritiene legittimo non pagare le tasse ed invita a non farlo, o degli imprenditori che non rispettano le norme sulla sicurezza o sulla tutela ambientale ritenendole un'imposizione arbitraria di una pubblica amministrazione "egemonizzata dalla sinistra radicale". Quello che deve fare una forza di sinistra non è violare o eludere le regole, ma lavorare per migliorarle il più possibile, sensibilizzando e coinvolgendo i cittadini. Bisogna cercare di diffondere alcune consapevolezze (per esempio, mostrare e far comprendere che la pericolosità sociale di un extracomunitario che vende C.D. "taroccati" è decisamente inferiore a quella di un imprenditore italiano che viola le norme sulla sicurezza del lavoro: anche se l'attuale percezione comune non è questa, ed accade tranquillamente che il primo vada in prigione ed il secondo no) e poi raccogliere il frutto della nuova coscienza civile che ne nasce.

    Non sono io in grado di elaborare "politicamente" questi semplici concetti, perchè non è il mio mestiere, ma li ho voluti ugualmente sottoporre alla vostra attenzione affinchè possano essere presi in esame, in questa fase "costitutiva", per la messa a punto della nuova forza o gruppo che si sta cercando di assemblare: partendo magari da "storie" personali diverse, ma che non possono, su queste cose, non ritrovarsi.

    RispondiElimina
  18. Una foto veramente poetica! Ha ragione Sandro: non basta essere lì e fare click! Ci vuol ben altro.. altro tipo Alberto! Stupenda la foto, e immagino stupenda la realtà! io purtroppo non l'ho vista, perchè quando sono uscita dall'ufficio era già buio.

    RispondiElimina
  19. A volte cerchiamo chissà che in paesi lontani e non ci accorgiamo di quello che ci circonda: cosa c'è di più bello della nostra Liguria?

    RispondiElimina
  20. sandro oddo17/12/07 18:12

    Senti, Alberto, si può avere una copia di sta fotografia?
    A me piace la montagna ma in questo caso amo il mare.
    Ciao a te ed anche alla Pignasca.

    Sandro

    RispondiElimina
  21. de dominicis17/12/07 18:41

    mi arrendo, c.e.g., hai ragione, il tuo non è qualunquismo, e l'unico qualunquista sono io. dopo un attento studio e molteplici interviste ho finalmente preso atto della condizione funesta dei poveri venditori di cd, che vengono imprigionati e torturati nelle carceri italiane, mentre gli spacciatori, i drogati, gli evasori fiscali, gli inadempienti alle norme di sicurezza sul lavoro, gli assassini, i pluriomicidi mafiosi e non, i politici corrotti, i barattieri, i pedofili e i terroristi islamici non fanno nemmeno un giorno di galera. oggi le carceri italiane sono piene di venditori ambulanti di cd taroccati, e di quei pochi automobilisti cui venga rilevato un tasso alcoolico nel sangue pari a 0,5, ma senza aver investito nessuno (giacché, se lo avessero fatto, sarebbero fuori in quanto omicidi). e tutto questo, ancora più scandaloso, sotto la luce di quel bel tramonto ligustico qui riprodotto: ma come fa il mondo a essere così ingiusto di fronte a tanta bellezza? Unde malum?
    certo, se ci fosse silone (per inciso, qualcuno in un commento ha detto che ha fatto parte del pd'a: ma quando mai?), troverebbe, come superman, il modo di riaggiustare le cose. silone dove sei? lui, senza tante fisime vetero-marxiste (perché il marxismo è fatto solo di fisime, e lui era azionista), potrebbe riportare l'Italia ai fasti di un tempo!

    RispondiElimina
  22. @Sandro Oddo
    Niente problemi per la fotografia. Ma la conosci la Pignasca?

    RispondiElimina
  23. sandro oddo17/12/07 21:58

    Immagino di conoscere la Pignasca (va bene che di donne in gamba ce ne sono ma in gambissima non molte a Pigna).
    Ciao!

    RispondiElimina
  24. Un lapsus: Carlo Levi e Nicola Chiaromonte sì che erano azionisti. Silone, invece, aveva solo "litigato" col PCI dal '30 in poi, e se ne era andato. Però aveva diretto, accanto a Chiaromonte, negli anni Cinquanta, una rivista che si ispirava alla linea politico-culturale dei fratelli Rosselli.
    In ogni caso, chi ha perso qualcuno della propria famiglia in un incidente sul lavoro o per un cancro dovuto all'inquinamento da diossina (come i Cannavacciuolo di Acerra, che erano ieri sera a raccontare la loro storia sulla 7) non ha tanta voglia di scherzare sui problemi veri che ci affliggono.
    Non è qualunquista chi attribuisce tutte le colpe agli immigrati?
    Qualche settimana fa mi sono dovuto sorbire la filippica di un berlusconiano che riteneva Il Corriere della Sera un "giornale fazioso di sinistra" mentre invece l'equilibrio informativo imparziale era rappresentato, secondo lui, da Il Giornale di Paolo Berlusconi.
    In precedenza si era sentito qualcuno chiedere il cambio di denominazione di una piazza, intitolata, a suo dire al "dittatore comunista Allende", quando "la sinistra mondiale" aveva diffamato per decenni "il presidente Pinochet", cui invece andava riconosciuto il merito di aver "riportato la legalità in Cile".
    Questione di opinioni, per carità, però...
    Cosa c'entra col paesaggio? C'entra, perchè un ambiente rovinato questi tramonti non li offre più così, e chi ha tirato le cuoia lavorando, o si è rovinato, non ha molte possibilità di goderne. Sarà qualunquista dirlo, ma qui non c'è opinione che tenga.
    O mi sbaglio anch'io?

    RispondiElimina
  25. Ma De Dominicis prima si chiamava Firpo?

    RispondiElimina
  26. Alberto,ma hai pagato tu Sandro per farmi i complimenti???? e quanto ti devo, allora???
    @Sandro, credo di sì, che ci conosciamo.... a recitare a Triora siamo venuti moooolto spesso!

    RispondiElimina
  27. @c.e.g.
    Bella domanda. Cosa ne dite se decido che per fare i commenti uno si deve per forza registrare?

    RispondiElimina
  28. Scusa, c.e.g., non voglio dar l'impressione di accusarti di plagio, per carità, ma mi sembra che il commento sui vu cumpra che vendono i CD taroccati e vanno in galera, e gli imprenditori che violano le norme sulla sicurezza e non ci vanno l'ho già sentito fare da Paolo Flores d'Arcais, il quale aggiungeva a chiusura: "si parla tanto di tolleranza zero, ma la tolleranza è zero per alcuni, i più deboli, mentre per i potenti è mille".

    RispondiElimina
  29. Devo ammettere, ahimè, che il pensiero è proprio di Flores d'Arcais. C'è però un aspetto positivo, nell'essere "beccato" così: che allora il qualunquista è lui, ed anche la rivista Micromega...

    RispondiElimina
  30. Eh, un tramonto è sempre un tramonto. Si resta inevitabilmente affascinati. Complimenti per la foto.

    RispondiElimina
  31. Immagine stupenda.

    Adoro i tramonti e la riviera di Ponente,soprattutto Alassio,borgo Coscia,dove c'è tranquillità!

    RispondiElimina