Pagine

martedì 18 dicembre 2007

Rivoglio i mandarini, quelli veri

mandarino
Ho faticato però alla fine ce l'ho fatta a trovare una mandarino vero, come quelli di una volta. Almeno nelle grandi città sembra siano stati quasi tutti sostituiti dalle clementine, ibridate chissa come, tutte uguali, con la buccia sottile sottile, profumo niente o quasi e, scorno finale, castrate, cioè senza semi.

Questi frutti mi ricordano il Natale, si appendevano all'albero assieme alle bocce di vetro soffiato, e sembravano tanti piccoli soli. E poi c'era il divertimento del pzzzzz: la buccia schizzata negli occhi del fratello o dell'amico. Natali d'altre atmosfere di una società ancora ingenua e povera che di lì a poco il "benessere" avrebbe spazzato via e sostituito con il luna park indecente di adesso.

26 commenti:

  1. ...a Vallebona ogni famiglia ne ha almeno una pianta in campagna... ne fanno una quantità enorme ogni anno... te ne porterò un pò, così potrai fare bzzzzz finchè vuoi e mettere le bucce sulla "ciapa" della stufa a legna e sentire il profumo diffondersi!
    ciao al
    pia

    RispondiElimina
  2. Mi correggo: pzzzzz

    RispondiElimina
  3. E' verooo non si trovano più nei negozi o market! O non hanno profumi....
    a meno di averli in campagna di produzione propria.
    e, mi associo: il Natale non mi piace più....!
    g.

    RispondiElimina
  4. Pure da me per fortuna ci sono ancora quelli veri ;-)

    RispondiElimina
  5. pure il mandarino , soppiantato dalla dolce clementina e dall'ibrido mapo, si sta estinguendo...

    RispondiElimina
  6. @Pia
    Quando son giù tra Natale e Capodanno potremmo fare una bella lotta di pzzzzz o bzzzzz che dir si voglia. A proposito quella cena a base di trzzzzz con l'ospite illustre è in questo periodo?

    RispondiElimina
  7. E' prevista per febbraio, quando le mimose sono fiorite.
    Sto meditando una "cima" per il periodo natalizio, dato che il 29 l'ospite illustre è dalle nostre parti...
    Che ne dici?

    RispondiElimina
  8. Io mi divertivo a spremere la buccia su un cerino acceso per fare delle piccolissime fiammate.

    RispondiElimina
  9. I mandarini hanno fatto scattare un ricordo che sono andata a ripescare tra gli appunti di tanti anni fa:
    In bifurun de ventu u m'a purtau
    l'audù di amandurin
    da in bancu du mercau,
    subitu l'aria a se ince di prufumi de l'invernu...da toura de Natale
    e sentu in buca l'amaru di sciacumi
    (noci, nocciole, mandorle)

    Basta così.. questo ricordo m'intristisce.

    RispondiElimina
  10. Bella la poesia che riporta Filo. Mi fa venire in mente Firpo (Edoardo, dico, il poeta genovese) e le sue atmosfere. E Renzo Villa. Ma anche i limoni di Montale si situano da quelle parti ("e i sensi di quest'odore che non sa staccarsi da terra, e piove in petto una dolcezza inquieta...").
    Anch'io ricordo bene le bucce sulla stufa, il loro aroma succulento, e gli spruzzi di quel'alcool che contenevano, e che mi incuriosiva... Del resto, quando si ha ancora l'opportunità di poter gustare frutta e verdura del proprio orto si avverte tutta la differenza con la roba comprata (i piselli Findus sanno di erba, al confronto con quelli raccolti e surgelati da noi, e i pomodori sono un'acquetta acida, rispetto alla carne soda e saporitamente succosa di quelli "della pianta"...). Saranno idee banali e qualunquiste, non lo nego, ma rivendico il diritto di averle. Dopotutto, le papille gustative interessate sono le mie!

    RispondiElimina
  11. Grazie per la citazione, purtroppo è vero, è sempre più difficile trovare i mandarini.
    Il tuo post mi ha fatto ricordare che non avevo messo la voce amandurin nel dizionario Soudanèlu-Italiano che sto mettendo in linea sul mio sito http://www.soudan.it ed ho subito provveduto, utilizzando anche la tua bella foto (citando il blog, naturalmente).
    Buone feste al
    Fausto

    RispondiElimina
  12. Qualcosa si trova al di fuori delle grandi catene distributive. Non ultimo qualche camion che fa i mercati che si piazza in alcuni punti strategici.
    Buonissimi. Ciao

    RispondiElimina
  13. @Pia
    Ci sentiamo.

    @Fausto
    Ti devo chiedere scusa per la non risposta a una tua mail dovuta alla mancata sincronizzazione tra due portatili. Ti rispondo questa sera. Prendi dal blog tutto quello che vuoi.

    @Suburbia
    E' vero, dai camion di passaggio si trovano ancora cose non più reperibili nei negozi "normali".
    p.s. Ma perché questo nickname?

    RispondiElimina
  14. OT: il mio blog (nel mio piccolissimo ma soprattutto nell'intento) parla di problemi legati all'energia al clima e al riscaldamento globale.
    The end of suburbia, un film famosissimo su questo tema e anche Jesus of suburbia una canzone dei miei fantastici green day.
    un saluto e scusa l'ot, se vedo il commento cancellato la prossima volta usero' l' email :-)
    ciao

    RispondiElimina
  15. Albè, mi devo sempre complimentare per le foto che pubblichi ma, non volermene, il mandarino che hai fotografato non è certamente di quelli provenienti dalla piana di Latte o dall'interland di Vallebona. Per Natale te ne farò gustare qualcuno di mia produzione unitamente
    alle cubaite ( miele di Buggio e nocciole di Marcora).

    RispondiElimina
  16. i mandarini? mica solo quelli! e le noci? e le noccioline e le mandorle che mia mamma mi metteva sempre nella calza della befana? e io poi facevo il giro dei vari cestini di casa a rimetterli a posto ché nn mi piacevano!! però che nostalgia! mi mancano tantissimo!
    adesso il natale non è più lo stesso! ma ti voglio fare lo stesso gli auguri.. in un modo diverso..che ne pensi? a me ha fatto ridere!
    http://christmas.onemeet.net/perlui.php

    baci, ba.

    RispondiElimina
  17. Credo di essere una delle poche fortunate che ha ancora in cucina la stufa a legna: il mio massimo la sera è mangiare il mandarino e mettere sulla stufa le bucce....
    Un odore legato indissolubilmente per me al Natale, quando da bambina, aiutare a fare gli "ubrin" (cubaite per i foresti!) e nel miele a cuocere mia nonna metteva anche i pezzetti di buccia di mandarino tagliati fini fini... (tradizione tramandata, ovviamente: domenica li faccio!!! e ho quelli bio: me li ha dati un amico della sua campagna di Mentone!)

    RispondiElimina
  18. www.lostinthesky.net19/12/07 16:52

    Io i mandarini li trovavo dentro la calza della befana.

    Era per addolcire il carbone forse :-)

    RispondiElimina
  19. ...comunque sono "scomodi" quando li mangi perchè hanno un mucchio di semi...

    RispondiElimina
  20. @Suburbia
    Grazie, proprio lì pensavo andassi a parare, e così anche gli altri lo sanno. Figurati se ti banno.

    @anonimo
    Hai visto cosa c'è scritto sopra il modulo? Faccio un'eccezione a non bannarti perché siamo a Natale. Grazie comunque del commento. Poi vado a vedere.

    @Fuin
    Grazie, accetto tutto. E faremo qualche foto. Sci da fondo a Melosa?

    RispondiElimina
  21. ....è il mio primo intervento anche se sono parecchi mesi che seguo il tuo blog, lo trovo molto interessante.
    .....il gusto dei mandarini di un tempo sono un ricordo come tanti altri....

    RispondiElimina
  22. sandro oddo19/12/07 21:16

    E' proprio vero: tutto il mondo è paese! Anche a Triora si usava come in val Nervia. L'unica differenza è che le cubaite si chiamano turrun!

    RispondiElimina
  23. bè nella calza della befana dei miei figli , ormai adolescenti, continuo a mettere sempre un mandarino e una cipolla oltre a caramelle e cioccolatini...
    inoltre ricordo ancora il profumo emanato dalla buccia dei mandarini e dagli eucalipti nei bracieri mentre mia nonna mi raccontava della sua infanzia

    RispondiElimina
  24. Barabrella8020/12/07 09:43

    ciao! scusami, mi sono messa come anonimo solo perché non ho un indirizzo su google e credevo perciò di non poter accedere così! cmq...io sono Barabrella80!

    RispondiElimina
  25. Grazie Barabrella80. Bella la cartolina, meglio senz'altro delle solite renne o robe simili.

    RispondiElimina
  26. Hai proprio ragione: i giovani non conoscono i sapori di un tempo e neppure riconoscono gli animali. Un giorno ero di servizio davanti alle scuole quando arrivò un amico con la sua Panda; portava la capra a pascolare sul "giairin". Una ragazza vide la scena e disse al ragazzo che le era vicino -"che cane è quello lì?"- peccato che l'animale (e non la bestia!) avesse un paio di corna lunghe un palmo! probabilmente non aveva mai visto una capra. Ciao Rudy

    RispondiElimina