Pagine

lunedì 3 dicembre 2007

Nucleare non radioattivo, l'ultima barzelletta

[...] I grandi movimenti ecologisti, impegnati contro gli Ogm, contro gli inceneritori di rifiuti, contro l'elettrosmog e magari contro le brutture dei motori a vento, hanno rallentato la morsa sul nucleare e tutto questo giova alla sua resurrezione, con qualche "ma però" ma con la strada sempre più spianata, magari con le prospettive del "nucleare non radioattivo", l'ultima barzelletta del nostro sciagurato paese.

Siamo sopravvissuti in pochi a ricordare che l'energia nucleare non è sicura, non è economica e non è pulita ed è indissolubilmente legata alle armi nucleari, le più oscene fra le merci oscene che sono le armi. A ricordare le tonnellate di scorie radioattive che albergano in Italia e che nessuno sa dove seppellire o nascondere, e dei materiali radioattivi, cento volte maggiori, in circolazione nel mondo.

Sorprende che almeno la sinistra, quel che ne resta, sia assente da un grande movimento di contestazione della politica energetica, che significa poi della politica produttiva, dei rapporti internazionali, del territorio, dell'ambiente. Non si tratta solo di piangersi addosso sui rischi dell'effetto serra, ma di chiedersi che cosa occorre produrre e usare in un mondo di 6700 milioni di terrestri, metà dei quali sotto le soglie della sopravvivenza, in un mondo di città congestionate, nel Nord e nel Sud del mondo, e di enormi spazi deserti ed erosi.

La resurrezione del nucleare è la condizione necessaria e sufficiente per far aumentare la violenza fra persone, fra popoli e nei confronti della natura, per compromettere le condizioni di vita delle generazioni future, per dilatare il divario fra ricchi e poveri, per impedire qualsiasi passo verso una revisione dei consumi e degli sprechi e per ostacolare una vera innovazione tecnico-scientifica capace di mettere le risorse naturali e energetiche del pianeta al servizio dei terrestri, nel rispetto di vincoli inviolabili come i limiti di tali risorse, del territorio e della capacità ricettiva dell'atmosfera e degli oceani.
Giorgio Nebbia
da Liberazione

E voi, pro o contro?

13 commenti:

  1. Torquemada4/12/07 18:26

    Contro, contro, contro.

    RispondiElimina
  2. ...e se cominciassimo a spegnere qualche luminaria natalizia?..No, vero? Sennò come faremmo noi, belli come il sole, a marciare fiduciosi,verso l'allegra e spensierata corsa agli acquisti di Natale,nei nostri caldi pellicciotti, con le nostre belle scarpine di prada e il telefonino di ultima generazione in tasca?

    Io preferisco stare qui, con le ultime capriole del fuoco...

    RispondiElimina
  3. Certo: continuamo a pensare a cosa è bello e cosa no.
    A come sarebbe meglio un mondo senza inquinamento, senza violenza ed in cui tutti avessero gli stessi diritti e doveri...

    Quando vi sveglierete e vi accorgerete di non vivere ad Utopia, forse riuscirete anche a capire che l'unica soluzione possibile per la continuamente crescente richiesta di energia a livello mondiale è l'energia atomica.

    RispondiElimina
  4. Caro anonimo, e non capisco perché Alberto non ti banni perché giustamente gli anonimi non li vuole, ma vatti a informare meglio, per esempio quanto costa smaltire le scorie e tutto il resto.

    RispondiElimina
  5. dario trivelli2/3/08 12:50

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Dario Trivelli o chi cavolo sei, poi le querele te le prendi tu? Guarda che ho preso il tuo Ip.

    RispondiElimina
  7. DARIO TRIVELLI9/4/08 21:31

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. DARIO TRIVELLI9/4/08 21:32

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. La verità sull'energia nucleare, quella che nessuno vi dice, leggete tutti qua

    http://www.betashare.it/viewtopic.php?f=11&t=119

    Dateci un'occhiata e meditate, per favore ;)

    RispondiElimina
  11. Si costruiscano queste benedette centrali,
    dobbiamo fare felici gli ITALIDIOTI,si dovrà pure avere energia da vendere al popolino succube della sua ignoranza.
    Non ditemi che sono di sinistra o comunista, ormai discorsi che puo' fare solo un venduto, o un coglione che si crede nel giusto solo perchè democraticamente lobotizzato da una falsa reatà.
    Ben venga il nucleare che l'utopia o meglio la bugia regni sovrana, energia per tutti a basso costo dal nucleare fra poco diranno che il sole gira attorno alla terra, e chi dice il contrario è comunista.
    Il popolo delle libertà come viene chiamato e tutti i loro affiliati politici e non, hanno ripulito napoli è vero, li sta il punto solo di immondizia si possono occupare con sicuri risultati, per le loro tasche ma cio' non da loro il diritto di trattare tutti come immondizia da usare quando fa loro comodo io INDIVIDUO sociale non ci sto.

    RispondiElimina
  12. non capite niente grazie al nucleare nella medicina si sono fatti passi da gigante, voi avete paura delle scorie e delle esplosioni nucleari? be anche se in italia di centrali non ce ne sono im francia ce ne sono quindi se scoppia un centrale la o qua nn cambia un piffero.non capisco per cosa protestate volete che noi in italia restiamo nell'era della pietra pensate che i nostri scienziati se ne sono duvuti andare perche' qui' quattro vecioti dicono che non e' etico , se voi preferite vedere migliaia di morti di fame invece di vedere un bambino che mangia un pomodoro ogm fate veramente ridere non capisco perche' avete paura delle cose nuvove, ma si sa le persono sono cosi' sono pauroose.

    RispondiElimina