Pagine

giovedì 12 novembre 2009

La sede di "Libero" presidiata da soldati armati di mitragliatore

Militari che presidiano Libero
Militari che presidiano Libero

Vi ricordate delle discussioni sorte dalla decisione di Maroni di schierare 2500 soldati nelle grandi città a tutela della sicurezza dei cittadini? Ne avevo parlato anch'io esprimendo le mie perplessità e anche le mie preoccupazioni.

Ieri pomeriggio passando in viale Majno a Milano sono rimasto sorpreso dai soldati che vedete. Fucile mitragliatore imbracciato (pallottola in canna?) e giubbotto antiproiettile d'ordinanza. Manco sapevo che quella fosse la sede di Libero la cui libertà di pensiero ben conoscete.

E quindi tutti noi che avevamo criticato Maroni per quella scelta eravamo nel torto. Avevamo come al solito frainteso. Non della sicurezza dei cittadini si trattava ma di quella dei servi leccaculo di questo governo.

La cosa che più mi inquieta è che la gente ci sta facendo l'abitudine alle scene di soldati armati di tutto punto schierati nelle città. Me lo avessero detto un po' di anni fa non ci avrei mai creduto.

Militari che presidiano Libero


26 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Praticamente usano i soldi delle vostre tasse per proteggere Belpietro e compagnia bella...

    Sono proprio contento di dare i soldi delle mie tasse alla Merkel...

    RispondiElimina
  3. questa abitudine è però rischiosa. solo in paesi fascisti o in dittature dichiarate i soldati presidiano le piazze e i politici si mettono la mimetica.
    il prossimo passo è la russa con l'elmetto?

    RispondiElimina
  4. Queste scene io le ho viste ripetutamente in Sud America. In Colombia non solo l'esercito, ma pure i vigili urbani portano il mitragliatore con la pallottola in canna.
    Noi che viviamo all'estero siamo costernati nel vedere come sia finito il nostro vecchio paese.
    La reputazione dell'Italia non e' quella che vi raccontano i politici faziosi alla televisione. L'Italia all'estero non viene piu' considerata come un paese moderno con leggi democratiche.

    RispondiElimina
  5. "la gente ci sta facendo l'abitudine alle scene di soldati armati di tutto punto schierati nelle città"...

    Questo è precisamente ciò che vogliono:
    abituare gradualmente la gente ai presidi armati.

    Temo che se la recessione economica si aggraverà, al punto che anche l'approvigionamento di cibo sarà difficile, ci spingeranno ad una guerra civile. E sarà un'ottima scusa per la militarizzazione definitiva delle società.
    Il Nuovo ordine Mondiale non sarà fatto in un giorno o un anno.
    Ma questi sono i primi piccoli passi.

    A chi mi dice che esagero o sono visionaria, rispondo CHE SPERO DISPERATAMENTE DI SBAGLIARMI SU TUTTO.

    RispondiElimina
  6. anche secondo me stiamo andando a finire in un futuro molto brutto..

    RispondiElimina
  7. Secondo me ci siamo già, in un futuro molto brutto.

    RispondiElimina
  8. Sinceramente con quei titoli e con quelle penne (non tutte, molte) che ci sono direi che è una difesa per loro. E non un deterrente per noi.

    Se poi pensoc he il suo direttore (Belpietro) avrà un programam su raidue, mi viene male. Molto male.

    RispondiElimina
  9. La presenza di persone armate che girano per le strade è una cosa sbagliata.
    Punto e basta, qualunque sia il motivo, qualunque sia l'ideolgia.

    RispondiElimina
  10. La maggioranza degli italiani ha voluto tutto ciò ed ora siamo ridotti a questa merda.

    RispondiElimina
  11. Una volta c'era la polizia... Ora che l'esercito è di mestiere, lo usano per i presidi al posto della polizia... Non lo trovo poi tanto strano. Contrariamente a quanto affermato da Tommy, anche in altre città europee di stati democratici (Francia, Germania, Inghilterra) ho visto militari in mimetica e armati a presidio di edifici... Non guardate solo quello che volete guardare (magari senza neanche uscire fisicamente dall'Italia)
    Sulla scelta poi di presidiare la sede di Libero ci si può discutere.

    RispondiElimina
  12. Leggo sul bollettino del 12/02/1972 del Partito Radicale nonviolento:
    Il sistema per difendere l'ordine costituito si avvale dell'uso di strumenti violenti e repressivi e di un costante condizionamento psicologico. L'esercito è uno di questi strumenti: serve per un'eventuale controguerriglia, per il controllo politico; ha una funzione antisciopero ed educa all'obbedienza cieca; è uno sperpero di denaro che potrebbe essere utilizzato per servizi ed opere sociali e legittima l'esistenza di industrie di armamenti rendendo, così, possibile la vendita di armi ai paesi colonialisti e fascisti.
    Contro questo stato di cose si deve adoperare il metodo della nonviolenza, attraverso l'obiezione di coscienza di massa.

    RispondiElimina
  13. chissà che regole d'ingaggio hanno i nostri eroi che presidiano?
    questo è un grande circo barnum, un "paesello" che si rende ridicolo e, cosa ben peggiore, sa di essere ridicolo. Roberto

    RispondiElimina
  14. Come definire persone con la divisa da noi pagata che si prestano a tutto ciò? Se sono uomini che veramente credono in quello che fanno, che aspettano ad obbiettare?

    RispondiElimina
  15. Commento Off Topic:

    Ciao! Sono l'amministratore del blog "Ricette Blog". Che ne pensi di uno scambio link? :)

    Blogroll di "Ricette Blog"

    RispondiElimina
  16. In coda al commento di Giulio:

    ricordo effettivamente due anni fa una Piccadilly Circus (Londra) presidiata damilitari in tenuta anti-sommossa e chiusa completamente al pubblico.

    Il tutto senza motivi apparenti.

    Ai cittadini venivano misteriosamente addotti MOTIVI DI SICUREZZA.

    Oggigiorno nella metropolitana londinese una voce piatta e robotica ripete in continuazione SE VEDETE QUALCUNO SOSPETTO, SEGNALATELO ALLE AUTORITA'

    Questo clima creato ad arte vuole minare le fondamenta del vivere civile, e farci abituare al pericolo, al sospetto, ai militari, al controllo.

    io cerco di aumentare la mia dose quotidiana di correttezza,cordialità e fiducia nei confronti della gente: basterà come antidoto??

    facciamolo tutti!

    RispondiElimina
  17. @ il Russo e @ Presidente di Bananasrepublik

    Gli eserciti sono pagati con le tasse dei cittadini, ma il loro mestiere è obbedire ai superiori. Un soldato professionista (quindi per scelta) che fa obiezione di coscienza è come un Papa che si dichiara ateo - entrambi dovrebbero cambiare mestiere. Il problema non sono i soldati che obbediscono, ma i superiori che ordinano. Da chi proteggono Libero? Dai "comunisti sanguinari"? Dalle "orde barbariche di immigrati"?
    Ci fanno credere (e noi ci caschiamo, fino al punto di accettare come normale qualsiasi cosa) che tutto il male viene da fuori e che lo si può risolvere respingendo brutalmente i barconi di poveracci che arrivano. Ho visto mercoledì sera la trasmissione di Saviano. I veri nemici dell’Italia e degli italiani, invece, sono quelli che scempiano il nostro ambiente, che abusano del denaro altrui, che speculano a discapito della sicurezza, che frodano, che evadono, che aggirano e raggirano – a proprio vantaggio e a danno della collettività.
    Un commentatore inglese (di destra, si noti) ha osservato, sul caso Marrazzo: «Come potete accettare che un primo ministro riceva e usi, anche a fin di bene, informazioni ottenute in virtù del suo ruolo di editore?».
    E questo è il commento di Massimo Gramellini, in linea con quanto si diceva:
    "Questo totale disinteresse per i conflitti di interesse rivela anche qualcos'altro. Assuefazione. Ogni cosa, a furia di esserci, finisce per sembrare inesorabile. Mancanza di senso dello Stato, e lo si è appena visto proprio con Marrazzo: tutti scandalizzati dalle sue frequentazioni e non perché si recava agli incontri con l'auto di servizio. Rivela soprattutto disprezzo per le istituzioni".
    Ecco perchè nessuno ha da ridire (a parte noi, ma siamo la solita incorreggibile minoranza "faziosa") neppure sull'esercito che protegge Libero invece di aiutare i cittadini.

    RispondiElimina
  18. @ Botanicus

    perfettamente d'accordo.

    Quando dici "Questo totale disinteresse per i conflitti di interesse rivela anche qualcos'altro. Assuefazione."

    ... mi permetto di aggiungere che parecchi cittadini sono tutt'altro che assuefatti, anzi molto molto arrabbiati:

    ma i loro rappresentanti politici in parlamento appoggiano con loro silenzio le situazioni che dovrebbero combattere.

    Io denuncio soprattutto non il lassismo dei cittadini, ma la mancanza di spina dorsale dell'OPPOSIZIONE dentro le istituzioni.

    Questo è un autentico cancro!

    che cosa ha mai fatto la sinistra cotnro il conflitto di interesse??

    n
    i
    e
    n
    t
    e


    perchè quel niente evidentemente faceva molto comodo. O no?

    RispondiElimina
  19. Infatti il problema è che in Italia ci sono tanti partiti solo per spartirsi la torta e per scambiarsi favori ed appalti e non per rappresentare i cittadini.
    Io, sinceramente non mi sento rappresentato da nessuno, nè del governo nè dell'opposizione.

    RispondiElimina
  20. Purtroppo a Roma non ci si stupisce più da tempo. E se vai più a sud è peggio

    RispondiElimina
  21. @ Presidente di Bananasrepublik

    Perfettamente d'accordo sulla mancata opposizione dell'Opposizione. D'altronde ci sono una dozzina di anni di storia che lo dimostrano: Prima D'Alema fa la bicamerale e fa cadere Prodi - e rimette in sella Berlusconi. Poi Veltroni dice di voler concordare con Berlusconi la legge elettorale - e fa cadere Prodi, e rimette in sella il Cavaliere. Ora Berlusconi paga il suo debito con D'Alema appoggiandolo per la candidatura a Ministro degli Esteri dell'U.E. (tanto, dicono i Forzisti, "D'Alema sulla giustizia la pensa come noi": e ti credo!). Poi dovrà sdebitarsi anche con Veltroni: vedremo come.
    La mia triste esperienza personale è che c'è una buona parte della cosiddetta "sinistra di governo" che non ha il senso della cosa pubblica (ossia gestisce le cose in modo personalistico, come Berlusconi) e una buona parte della cosiddetta "sinistra antagonista" che agisce e fa scene per il gusto narcisistico di mettersi in evidenza, e noon puntando al vero interesse pubblico.
    Visto tutto questo, Berlusconi se lo merita la maggior parte degli italiani.
    A parte, come già dicevo, i "soliti irriducibili faziosi" che, giustamente, si incavolano, ma non riescono a cambiare le cose. Purtroppo.

    RispondiElimina
  22. Che bello, finalmente Belpietro si può difendere da quel kamikalzino di Piero Ricca! LOL
    Cmq è molto inquietante: mitra in bella vista pregiudicano ogni possibile protesta sotto la sede di quello spazzagiornale (ora che lho chiamato così, mi bombarderanno?), volantinaggio e anche solo un'occhiata o un vestito sbagliato possono essere mosse...sbagliate rischiando alla grande!
    Ma al TIGGI ONE non edulcorano questo fatto?

    RispondiElimina
  23. Mi sembra una situazione assurda, folkloristica. Evidentemente dopo i politici (super blindati) ora è arrivato il turno dei giornalisti amici dei politici...anche super protetti. Povera italia siamo messi davvero male :( Solito spreco di soldi pubblici ... strano che nessuno dei mass media ne abbia parlato.
    Complimenti per lo scoup!
    Ciao!

    ps. manda una mail a Il Fatto o a Repubblica, scommetto che qualcun'altro chiederà la scorta... :P ;)

    RispondiElimina
  24. facendo troppa pubblicità, ci state inducendo ad aprire altri blog, io apro solo libero per leggere la posta, in pochi secondi il monitor si riempie di pubblicità, che non mi permette di leggere i titoli, che potrebbero interessarmi. Ricordatevi che se abbiamo bisogno di una bottiglia di acqua, vodo al negozio e la compero anche senza il vs nevrotico messaggio pubblicitario.

    RispondiElimina