Pagine

giovedì 18 marzo 2010

Stampa clandestina

Manifesto regioni no grazie
Milano, corso Buenos Aires

Non sto facendo propaganda per l'astensionismo, perché io andrò a votare anche se non ho ancora deciso per chi. Sto facendo della pura cronaca.

E mi chiedo chi possano mai essere questi qui che a Milano, in centro, dopo averli pagati di tasca propria, affiggono manifesti 100x150 senza firma e senza nessuna indicazione della tipografia, rischiando se sorpresi sul fatto oltre alla multa per affissione abusiva la sanzione ben più grave per stampa clandestina. Ne ho visto anche altri sulle pareti di vie importanti. Chissà se è una questione solo milanese.

Nei tempi in cui per esistere bisogna apparire questi appaiono ma non esistono.

Manifesto regioni no grazie

Technorati Tags:

18 commenti:

  1. Avevo sentito parlare di questi misteriosi manifesti, ma non li avevo ancora visti.
    Non so bene come giudicarli. Potrebbero veicolare spunti di riflessione positivi sulla parte guasta del sistema dei partiti e delle istituzioni dello stato (e a Milano ce ne sarebbe particolare bisogno, dopo i giri di corruzione scoperti nell'ultimo periodo!), ma lo fanno invitando a compiere una scelta che, come ho spiegato in un mio recente post sul voto, non condivido affatto, perchè ritengo quantomeno inutile, se non addirittura controproducente.
    Questa insolita controcampagna elettorale non mi convince.

    RispondiElimina
  2. Un invito all'astensionismo o una provocazione?

    http://www.italiafutura.it/dettaglio/110440/ancora_sullastensione_motivata

    RispondiElimina
  3. Potrebbero trovare largo consenso in un paese che ha già generato il partito dell'uomo qualunque.

    Potrebbero fare il gioco degli stessi che vanno criticando.

    Potrebbero essere sul libro paga del sultano.

    Potrebbero esserci altre supposizioni...

    RispondiElimina
  4. E comunque ci sono delle verità ineludibili in quel manifesto...
    In Francia si sono comportati così anche senza manifesti "clandestini".

    RispondiElimina
  5. Due indizi:
    1) se faccio l'operazione inversa:
    -Stato -Regioni -Province -Comuni =?.
    Risolvere l'incognita è già un indizio, anche se non una prova.
    2) "basta pagarli con i nostri soldi": chi sono i maggiori contribuenti dell'erario? rispondere a questa seconda domanda sarebbe un altro indizio, anche se non una prova.

    RispondiElimina
  6. Strani davvero... Comunque anche se concordo con i motivi non concordo sul metodo. Il voto è sempre importante. Magari un voto di protesta ma comunque votare. Il non voto corrisponde a lasciare che decidano gli altri.

    RispondiElimina
  7. Escluderei che stiano dalla parte del signor B. perchè un astensionismo antipolitico è potenzialmente di destra, eppoi dopo i risultati francesi, a destra hanno una fifa boia proprio dell'astensionismo dei propri elettori.
    Senza entrare nel merito dell'astensionismo (ho deciso di tacere in proposito anche sotto tortura :-D), mi fanno simpatia per questo salvaguardare l'anonimato, un valore importante, assolutamente sottovalutata oggi.

    RispondiElimina
  8. li ho visti,e non mi meravilgierei se dietro queste azioni ci fossero sempre i soliti noti

    RispondiElimina
  9. non ne ho ancora visti in giro, almeno nella mia città ... beh in francia qualche cosa ha smosso...io vado a votare e finalmente un'alternativa a tutto sto schifo c'è ...... poi si vedrà

    RispondiElimina
  10. Mafiosi, evasori fiscali,corrotti e corruttori, vanno sempre a votare.

    Io sono uno di quelli.

    RispondiElimina
  11. Beh, un altro indizio. Un tipo che è stato definito bugiardo cronico anche da qualche psichiatra afferma che l'astensionismo favorisce la sinistra.

    RispondiElimina
  12. e menomale prendo la metro e trascorro la mia pausa pranzo in corso buenos aires.. non li ho visti NEANCHE LI! Sarà perchè sono distratta dai manifesti per terra che insozzano le strade o da quelli a castello su qualsiasi palo (elettricità cartelli stradali, se non stiamo attenti nel parcheggiare la bici foderano pure quella). Comunque il mio preferito è sempre questo: http://4.bp.blogspot.com/_JkX3FRxsmsA/S4Z7xp0VP_I/AAAAAAAAAoU/1LfXlgiSoFo/s1600-h/Foto0082.jpg

    RispondiElimina
  13. Nel suo romanzo fantapolitico "Saggio sulla lucidità", Saramago ha raccontato come, in un'ipotetica capitale di un ipotetico stato, si verifichi, alle elezioni, una massiccia presenza di schede bianche. I tre partiti (PDD, partito di destra; PDC, partito di centro, e PDS, partito di sinistra) dibattono molto, ma non ne esce nulla (a parte il fatto che il PDD continua a vincere, anche tra i pochi voti espressi). Le elezioni si ripetono, e le schede bianche aumentano ulteriormente. Il potere è sconcertato: il Governo (di destra) abbandona la capitale, viene dichiarato lo stato d'assedio... ma i cittiadini si organizzano e se la cavano lo stesso da soli.
    Saramago è notoriamente di sinistra, ma l'atensionismo è di destra o di sinistra? Una volta erano gli elettori conservatori a praticare il non voto; allo stato presente, questi elettori - volenti o nolenti - si sentono abbastanza rappresentati da Mr B, anche nei difetti. Sono invece gli elettori di sinistra che non si sentono più rappresentati da un PD i cui metodi assomigliano troppo, e troppo spesso, a quelli del PDL, ma neppura da una sinistra "arlecchino" che riesce solo a dividersi (dall'"arcobaleno" sono scaturiti da una parte Sinistra e Libertà e dall'altra il "blocco del popolo" PRC-PDCI; ora da Sinistra e Libertà sono venuti fuori da una parte Vendoliani + verdi, e dall'altra Sinistra Democratica + SDI, e cosi in progressione geometrica...) ma non a proporre qualcosa di positivo... E che dire dei Trozkisti, Maoisti, Leninisti, Supercomunisti al quadrato, ecc. che fanno capo ai vari Turigliatto, Ferrando, e così via?
    Rimane una nostalgia sempre più forte di persone come Giolitti, Lombardi, Bobbio...
    Io a votare ci andrò, affidandomi, più che alla giacchietta indossata, alla rispondenza del singolo candidato ad una serie di requisiti "bobbiani". Non tutto è perduto, a livello di persone, qualcuno si salva ancora.

    RispondiElimina
  14. davvero strani... io rispetto chi non vule andare a votare, credo proprio che però gli ultimi avvenimenti dovrebber far capire anche al più deciso degli astensionisti che è il momento di mandare a casa l'imperatore...
    saluti alberto

    RispondiElimina
  15. x trippi: vedo x la prima volta il manifesto a cui fai riferimento.... mooolto bello!
    x le elezioni: "chi tace non dice niente!" meglio votare x una lista minore che starsene a casa...
    ciao a tutti

    RispondiElimina
  16. bisogna mandarli a casa tutti e farsi dare indietro i soldi dei loro stipendi dorati,come?

    NON ANDANDO A VOTARE
    devono andare fuori dall'ITALIA

    RispondiElimina
  17. Anonimo: infatti non si vede in giro. io ci passo davanti tutti i giorni per prendere la metropolitana, mi è parso degno di una bella foto!

    RispondiElimina

Per una questione di valanghe di spam sono stato costretto a non permettere più commenti anonimi. Dopo un po' vedrò.