Pagine

domenica 21 marzo 2010

Alda Merini, sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.


Quasi a farlo apposta oggi è la giornata mondiale della poesia, e quindi il solito sabato poetico è slittato a domenica.

Venerdì ho ricevuto questa mail

Buongiorno Alberto,
ci presentiamo, siamo Emanuela, Barbara, Flavia e Simonetta, le quattro figlie della poetessa recentemente scomparsa Alda Merini. I tristi rintocchi funebri delle campane del Duomo di Milano pesano ancora sui nostri cuori mentre ricordiamo quello che raccontava di noi:
«Ho avuto quattro figlie. Allevate poi da altre famiglie. Non so neppure come ho trovato il tempo per farle. Si chiamano Emanuela, Barbara, Flavia e Simonetta. A loro raccomando sempre di non dire che sono figlie della poetessa Alda Merini. Quella pazza. Rispondono che io sono la loro mamma e basta, che non si vergognano di me. Mi commuovono».

Nonostante le parole della nostra amatissima madre siamo onorate di comunicare che in sua memoria abbiamo fortemente voluto la realizzazione del sito internet www.aldamerini.it. Un’antologia in ricordo di Alda, un elogio all'«ape furibonda», alla sua figura di scrittrice e madre perché «Niente per una donna è più simile al paradiso di un figlio che le farà sognare l’amore per sempre…».

Saremmo grate se volesse pubblicare un articolo sul suo blog per diffondere il link del nuovo sito e per comunicare quello che per noi è un modo di dar voce a nostra madre, alla sua follia e alla sua dolcezza, per farla parlare ancora perché non venga dimenticata.

Grazie mille
Le figlie di Alda


Oggi
ore 15:30
Ripa di Porta Ticinese, 47
Scoprimento della targa in onore di Alda Merini nella casa in cui abitò la poetessa

ore 16
Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Naviglio
Alzaia Naviglio Grande, 34
Magnificat di Alda Merini con Valentina Cortese
Introduce Massimiliano Finazzer Flory

ore 21
Teatro Dal Verme – via San Giovanni sul Muro 2 – Milano

Ingresso libero. Per prenotare: info@sagapomusic.com

Una piccola ape furibonda
Recital di poesie e canzoni di Alda Merini
Con Valentina Cortese e Giovanni Nuti
e la partecipazione straordinaria di Milva
Musiche di Giovanni Nuti
Regia di Marco Rampoldi


Il sito
Sito di Alda Merini

Aggiornamento 19.32
La targa scoperta questo pomeriggio e Valentina Cortese che declama il Magnificat nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Naviglio. Momento di grande magica commozione collettiva.

Targa ad Alda Merini
Valentina Cortese declama il Magnificat di Alda Merini

20 commenti:

  1. Al,
    sono commossa...
    grazie.
    ho condiviso.
    g

    RispondiElimina
  2. Quante belle coincidenze e favorevoli congiunzioni si raccolgono qui da te,oggi.
    Si respira aria buona.

    Buona giornata, Alberto.

    RispondiElimina
  3. Bello il sito. Chi meglio delle figlie. L'unica cosa che mi piacerebbe è che scomparisse un pò alla volta l'attributo 'matta', per rimanere solo 'poetessa'.

    RispondiElimina
  4. Grazie, Al! Appena avrò un attimo, segnalerò il post su websomethingelse.

    Ciao.
    annarita

    RispondiElimina
  5. Matta è più di un encomio.

    RispondiElimina
  6. Quando penso ad Alda Merini vedo uno spirito inquieto, consapevole della sua innata diversità, dovuta ad una straordinaria sensibilità e capacità di immergersi nell’animo umano con uno sguardo profondo ed appassionato. Ha cantato la vita nelle sue pieghe più sofferte , non immaginate, ma vissute in prima persona, dalle quali seppe risollevarsi e di cui ha lasciato traccia in una vastissima produzione poetica. La ricordo con le sue stesse parole, che restano profonde come impronte sulla terra, tenere , dolci e tormentate di vate solitario, talvolta incompreso nella sua genialità (da "Omaggio ad Alda Merini" in skipblog.it)

    "No, non mi importa molto della poesia: la poesia è una delle tante manifestazioni della vita. È un modo di parlare, e può essere cattiva, buona, iraconda, inutile. È un modo di far teatro, è un modo di mascherarsi. La poesia può essere una maschera greca, un carnevale. Può essere una dignità che non si ha, una dignità che si soffre. Sono tante le definizioni della poesia. Diciamo che la letteratura può essere anche un modo di sentirsi pazzi.
    Un modo di parlare, di sentire e di sentirsi, di essere al mondo: ma modo irrinunciabile; investitura divina che non consente abiure; personalissimo, esclusivo esserci; condanna e dono insieme"


    Segnalerò il link, grazie. :)

    RispondiElimina
  7. gian paolo21/3/10 16:27

    Visitato il sito, toccante la melodia che accompagna lo scorrere delle immagini.
    Ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  8. grazie alle figlie di Alda, grazie per avere scelto Alberto come testimonial del sito a futura memoria.
    Lo linkerò anche sul mio blog, senza ombra di dubbio.

    RispondiElimina
  9. son felice di essere passata da te, perché ora aggiungerò anch'io questa notizia (bè, si, nel mio micro..) al mio post di oggi.
    Un pensiero affettuosissimo ad Alda Merini.

    RispondiElimina
  10. Baruffa e Maistrettu21/3/10 18:53

    un grazie alle figlie di Alda Merini è un grande onore per te Alberto e per noi tutti leggere quelle parole, per noi senza patria,un pò bastardi, noi che un giorno, oramai lontano, volevamo toccare il cielo con un dito..
    Baruffa e Maistrettu

    RispondiElimina
  11. Un bel momento per tutti, condiviso nel vero senso del termine. Mi unisco al coro dei "grazie".

    RispondiElimina
  12. ciao alberto, sono ugo.... bravo e ribravo.
    un abbraccio affettuoso e a presto!

    RispondiElimina
  13. @Marco
    Ma sei Ugo o Marco?

    RispondiElimina
  14. Credo che una poetessa come la Merini non potesse che nascere il giorno dell'equinozio di primavera.

    RispondiElimina
  15. indimenticabile alda! Da brividi... Complimenti alberto

    RispondiElimina
  16. Bellissima notizia! Grazie... ma vorrei spendere anche due parole per Bruno Brancher, amico, poeta, scrittore e molto altro, pure amico di Alda, meno noto ma altrettanto meritevole di attenzione. Bruno è scomparso nel novembre 2009 dopo una vita piena e avventurosa; ci ha lasciato delle belle e importanti e opere e voglio segnalarlo in particolare a chi non lo conosce. Io l'ho conosciuto e vi assicuro era una persona davvero straordinaria, grazie!

    RispondiElimina
  17. Il nuovo sito aldamerini.it è fantastico!!!

    RispondiElimina
  18. Bellissimo sito complimenti, condividerò di sicuro http://www.aldamerini.it

    RispondiElimina