Pagine

giovedì 11 ottobre 2007

Fagioli di Pigna

Fagiolo bianco di Pigna
Fagioli di Pigna

Cresciuti con acqua di fonte nel mio orto di Liguria (grazie Paolo) me li sono portati qui a Milano ancora freschi, in parte da mangiare subito, in parte da surgelare. Chi non li ha mai gustati non può capire e non capisce nemmeno il prezzo a cui vengono venduti, non proprio popolare.

Lessati, un filo d'olio di Taggiasche, chi vuole qualche fettina fine fine di cipolla, e il piatto è pronto.

Questi fagioli di Pigna, presidio Slow Food, in questi ultimi anni sono ritornati in auge e costituiscono una piccola fetta di economia del paese.

Fagiolo bianco di Pigna
Fagioli di Pigna pronti per la raccolta

23 commenti:

  1. I miei complimenti!
    Uno dei miei piatti preferiti!
    La manna del vegetariano!
    Un saluto

    RispondiElimina
  2. Va bè, Alberto, non cominciamo a barare.... se sono cresciuti nel tuo orto (che non è a Pigna!) non sono fagioli di Pigna, e quindi non sono buoni buoni buoni come i nostri.....!!!
    (scherzo, ovviamente!)
    Confermo: sono eccelllllenti! E' vero che una volta erano il cibo dei poveri, mentre adesso sono stati riscoperti dai ricchi, ma la fatica che si fa per "tirarli su" e la loro bontà.... praticamente non hanno prezzo (!)

    RispondiElimina
  3. Ma i fagioli d'Albenga sono molto più buoni!

    RispondiElimina
  4. Fagioli d'Albenga? E cosa sono? Google non li conosce.

    RispondiElimina
  5. ...e da oggi saranno ancora più gustosi! grazie al cielo la Regione Liguria oggi 11 ottobre ha approvato la legge Regionale che istituisce il Parco Regionale delle Alpi Liguri. un momento importante per la nostra terra e per i nostri fagioli.
    Roberto

    RispondiElimina
  6. alberto, ho creato un mio blog...come posso linkarti?

    RispondiElimina
  7. Ti ho risposto sul tuo blog

    RispondiElimina
  8. Una bella lotta con quelli di Conio?

    RispondiElimina
  9. Alberto, so che è brutto, potresti aiutarmi ad avere un po' di visibilità?
    Grazie

    RispondiElimina
  10. Prova a dichiarare Buggio occitana, adesso per avere visibilità si fa così.

    RispondiElimina
  11. Forse hai ragione, ma Buggio non potrà mai essere occitana...anche se la leggenda narra che fu fondato da tre ladroni occitani scappati dalla francia.....

    RispondiElimina
  12. evidentemente gli occitani ce l'hanno nel sangue, adesso si rubano interi paesi.

    RispondiElimina
  13. Il mio piatto preferito è " Parpagliui cun e teghe" Il tutto condito con " Bagna de pumata e tumeta de crava "

    RispondiElimina
  14. @ed
    E anche con quelli di Badalucco.

    @Fuin
    Buonissime, se hai una donna che ti fa i "parpagliui", farfalle di pasta fatte a mano. Teghe invece sono i baccelli freschi dei fagioli.

    Le dieresi, le dieresi.
    "Bägnä de pumätä e tumeta de crävä".

    RispondiElimina
  15. Bravo Alberto, anche tu un piatto di fagioli a Km 0.
    Anzi, magari sei sotto i 4 Km e hai fatto di meglio dello chef Andrea Stella.

    RispondiElimina
  16. Grazie Gimmi, sei un falchetto a trovare le cose.

    RispondiElimina
  17. Dite quello che volete, ma i fagioli di Pigna sono mooooolto più buoni di quelli di conio, badalucco e... albenga (?) messi insieme.......
    ps. sarò mica di parte?

    RispondiElimina
  18. Come mai le dieresi? Cosa indicano?

    RispondiElimina
  19. @firpo
    Un giorno o l'altro fotograferò un bel paio di labbra in due pose. Una mentre viene pronunciata la *a* e una la *ä*.

    RispondiElimina
  20. Grazie Alberto, mi permetto di darti del tu. La mia è curiosità e purtroppo, ignoranza del dialetto. Mi puoi spiegare anche in modo approssimativo la differenza delle due pronunce?

    RispondiElimina
  21. Chi pensa di avere la verità in mano si trova a guardare gli uccelli in aria

    RispondiElimina
  22. @firpo
    la *ä* è una vocale tra la *a* e la *o*.

    RispondiElimina
  23. chissa' perche' nessuno ha parlato di capra e fagioli (di pigna). da svenire.

    RispondiElimina