Pagine

venerdì 5 ottobre 2007

L'inferno secondo Clemente Mastella

Blog di Clemente Mastella
Ingrandisci lo screenshot

L'inferno"Io credo che esista davvero. E crederci mi consola molto davanti a tutto quello che i mei occhi vedono. E i vostri occhi che cosa vedono?"
Clemente Mastella (ministro della Giustizia)
dal suo blog

Ridere, piangere o che altro?

Ho messo lo screenshot perché non si sa mai con questi politici.

12 commenti:

  1. Torquemada5/10/07 13:18

    In che mani siamo!

    RispondiElimina
  2. basta vedere a livello provinciale come viene trattata l'informazione e come i nostri politici evitano di affrontare le loro responsabilità, vedi la questione degli "occitani" su questo blog

    RispondiElimina
  3. A proposito di Mastella....

    VI INVITO A VOTARE IL "SONDAGGIO" DI OGGI SUL MIO BLOG: "Favorevole o contrario alla richiesta di oscuramento del blog proposta dal Ministro Mastella?” VOTATE!!

    Facciamoci sentire…ciao!

    RispondiElimina
  4. sono d'accordo con mastella sul fatto che l'inferno esiste davvero.... però questo non mi consola affatto, perchè noi ci siamo in mezzo!!!! come direbbe la Carrà: l'inferno è quiiiii!!!

    PS. chi fa il diavolo?

    RispondiElimina
  5. E vorrebbe far chiudere un blog che parla male di lui. Pensi piuttosto alle pirlate che dice.

    RispondiElimina
  6. peccando volutamente di presunzione, ( per cui magari sarò candidata all'inferno)proporrei a mastella un test di quoziente intellettivo per capire se appartiene al genere umano, visto che riesce a partorire idee ed iniziative a dir poco... geniali

    RispondiElimina
  7. Propongo di sottoporre a bonifica chimico-batteriologica e altro la sede del Ministero di Grazia e Giustizia, perché ci deve essere qualcosa all'interno che induce i ministri a dire e, purtroppo a fare, cazzate cosmiche. Vedi Castelli e adesso Mastella. Cerco di riderci sopra, ma c'è da piangere. Mac

    RispondiElimina
  8. cose intelligenti dette da un ministro della giustizia.

    ahhh

    RispondiElimina
  9. Richiesta del 08/10/07 a Clemente Mastella - http://clementemastella.blogspot.com

    Egregio Onorevole Mastella,
    non nascondo il mio rammarico quando in serata ho appreso le Sue dichiarazioni, dal Columbus Day, circa il “terrorismo mediatico” italiano (anche se non parlerei mai di “terrorismo” poiché ricorda dei momenti terribili vissuti sino ad oggi dall’intera popolazione mondiale) poiché noi tutti, oggi giorno, dobbiamo subire le Vs. prevaricazioni.
    Voi tutti non capite i bisogni dei ceti meno abbienti che non riescono ad arrivare a fine mese con il proprio mensile mentre Voi cercate di ampliare le Vs. indennità.
    Non comprendete il malessere dei Giovani che, dopo numerosi sacrifici, non riescono a costituirsi una famiglia per mancanza di uno posto di lavoro nella propria terra natia mentre Voi sistemate i Vs. “amici e parenti” nel migliore dei modi.
    Non comprendete il malessere di quei pensionati che vivono sotto la soglia minima di reddito e, in alcuni casi, devono “rubare” nei supermercati per poter mangiare.
    Mi auguro che qualcuno di Voi parlamentari decida di entrare nella storia decidendo di ABBANDONARE la propria poltrona DIMETTENDOSI.
    Il concetto è questo benché differisca nelle parole scritte nel post del Blog del Ministro della Giustizia Mastella, sperando che quest’ultimo, sulla base del proprio senso democratico, decida positivamente sulla pubblicazione.
    A presto, su questo blog, saprete l’esito.

    RispondiElimina
  10. PETIZIONE MAY DAY CALABRIA

    Cari Amici,
    per restare uniti contro il MALGOVERNO ED IL MALAFFARE Vi chiediamo di voler firmare la ns. petizione contro tutti gli abusi dei ns. politici.
    Loro vivono alle ns. spalle e si permettono il lusso di prenderci per i fondelli dicendo che "il pagamento delle tasse deve renderci felici".
    Lo saremmo se avessimo i ns. diritti al pari dei ns. doveri.
    Basta con tutto ciò.
    Grazie.

    http://firmiamo.it/bastaconilmalgovernoedilmalaffaremaydaycalabria

    http://maydaycalabria.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Il tragico è che gente come lui magari ci crede anche sul serio e crede pure di essere nel giusto nella sua boriosa presunzione...

    RispondiElimina