Pagine

sabato 17 maggio 2008

Alfred Tennyson

Fiore che spunti dal muro screpolato

Fiore che spunti dal muro screpolato,
io ti colgo dalla fessura,
ti tengo qui, la radice e tutto, nella mia mano,
piccolo fiore - ma se potrò capire
ciò che sei, la radice e tutto, e tutto in tutto,
saprò che cosa sono Dio e l'uomo.


Flower in the Crannied Wall

Flower in the crannied wall,
I pluck you out of the crannies,
I hold you here, root and all, in my hand,
Little flower - but if I could understand
What you are, root and all, and all in all,
I should know what God and man is.


Alfred Tennyson
Somersby 1809
Somersby 1892


Technorati Tags:

21 commenti:

  1. nelle cose più semplici, il prodigio della vita

    RispondiElimina
  2. Bella, come sanno esserlo le cose semplici. La natura deve essere nostra maestra.

    RispondiElimina
  3. "capire ciò che sei,la radice e tutto, e tutto in tutto..." il senso di appartenenza dell'essere in quanto tale...
    mai come ora questi versi ricordano il valore della vita e della persona

    RispondiElimina
  4. sandro oddo17/5/08 17:29

    Una persona che pubblica certi versi non può definirsi atea; crede in qualcosa di soprannaturale che, invece che natura, si può anche chiamare Dio.

    RispondiElimina
  5. Filo, dove sei?

    RispondiElimina
  6. @Silla: arrivo, finisco la video conferenza con mio figlio a milano.

    RispondiElimina
  7. ciao, sul mio blog c'è un meme per te! IL PREMIO [R]EVOLUTION!

    www.gianlucapistore.com

    RispondiElimina
  8. Un nuovo respiro si leva stasera dal mare,segue correnti ascensionali, si espande dilatandosi in vapore
    non sa come nè perchè
    è respiro delle foglie, delle rose, della pioggia.
    E' il tuo respiro, il mio.
    Il mistero che unisce
    ora continua tu...

    @Skip:Chettelodicoaffà!

    RispondiElimina
  9. @filo allora continuo , a modo mio

    Mare cui si affidano coloro che non riescono a vivere senza ,per un destino che scorre nel sangue da generazioni o perchè affascinati dalla sua voce,da quella voce che pochi riescono a captare e a capire …la voce muta del mare entra dentro,ti appartiene e ti guida con un istinto primordiale ed eterno...Mare che separa ed unisce terre ,popoli e cuori, culla di grandi civiltà e dei primi o ultimi respiri , depositario di lacrime e rabbia ,di sogni e di risa .Patrimonio universale ,orizzonte infinito di chi scruta oltre,di chi sfida l’ ignoto e la vita , patria comune di chi strappa le proprie radici...


    certo che dalla terra siamo passati al mare...ma la vita è ovunque

    RispondiElimina
  10. @Silla: nemmeno una parola in comune?

    RispondiElimina
  11. @filo: "E, poi, gli occhioni magri di Elena...insieme al mistero che univa i loro impacciati respiri."

    RispondiElimina
  12. Bello questo Tennyson, mi ricorda Sbarbaro, i suoi licheni, i piccoli fiori che lo emozionavano, da adulto come da bambino...
    Ecco una sua poesia in questo spirito:
    Il mio cuore si gonfia per te, Terra,
    come la zolla a primavera.
    Io torno.
    I miei occhi son nuovi. Tutto quello
    che vedo è come non veduto mai;
    e le cose più vili e consuete,
    tutto m'intenerisce e mi dà gioia.

    In te mi lavo come dentro un'acqua
    dove si scordi tutto di se stesso.
    La mia miseria lascio dietro a me
    come la biscia la sua vecchia pelle.
    Io non sono più io, io sono un altro.
    Io sono liberato di me stesso.

    Terra, tu sei per me piena di grazia.
    Finché vicino a te mi sentirò
    così bambino, fin che la mia pena
    in te si scioglierà come la nuvola
    nel sole,
    io non maledirò d'esser nato.

    Io mi sono seduto qui per terra
    con le due mani aperte sopra l'erba,
    guardandomi amorosamente intorno.
    E mentre così guardo, mi si bagna
    di calde dolci lacrime la faccia.

    RispondiElimina
  13. Bella, c.e.g., ha colto nel segno!
    Ciao

    RispondiElimina
  14. bellissimi versi , grazie c.e.g.

    RispondiElimina
  15. Sandro Oddo
    Dipende cosa si intende per Dio.

    c.e.g.
    Appena ritorno a Milano mi informo di quella mostra del tuo amico fotografo.

    C'è qualcuno che sa dirmi cosa sia questa sigla c.e.g.?

    RispondiElimina
  16. C.E.G. potrebbe anche voler dire Center for Economic Growth, ma da alcuni indizi che ho raccolto nella lettura dei suoi commenti io propenderei piuttosto per la sigla di un grande scrittore milanese, uno che di mestiere faceva l'ingegnere...

    RispondiElimina
  17. Credere E gioire?
    Carlo Emilio Gadda?
    Curiosità E Gelosia?

    aspettiamo lumi...

    RispondiElimina
  18. Potrebbe essere anche:
    Cavolo e gorgonzola
    Cactus e ginestra
    ....
    Scherzo c.e.g.;-)

    Spetta a te svelare l'arcano

    RispondiElimina
  19. c.e.g.= forse cogito ergo sum?

    RispondiElimina
  20. scusate per il precedente post, ho sbagliato sul possibile significato della "g"...
    c.e.g.= forse cogito et gigno oppure cor et gaudium ?

    RispondiElimina
  21. Più che cogito et gigno, direi cogitavi et genui... Meglio non pensare troppo, di questi tempi, e quanto a prole, già fatto, appunto: nessun rimpianto, certo, ma oggigiorno diventa una responsabilità sempre più greve. In effetti, qualcuno ci ha azzeccato, col povero Carlo Emilio Gadda. Purtroppo, non scrivo come lui, ma certi vissuti suoi, abbastanza dolorosi invero, li capisco bene...

    RispondiElimina