Pagine

domenica 27 aprile 2008

Branzino alla vaniglia

Mentone
Mentone

Ieri sera cena per il compleanno di Marco a Mentone sulla Costa Azzurra. Non vi dico in quale ristorante. Oltre a lui il Prof, Fiorella, Viviana, Anna e Paolo.

Dovete sapere che ho un vizietto. Nei bar che frequento spesso nel caffè mi faccio mettere una goccia di vaniglia, che è una spezia che mi piace ma che deve essere adoperata con moderazione. Così quando ho visto che nel menu c'era questo branzino branzato a questo gusto l'ho ordinato. Certi abbinamenti viaggiano sulla lama di un rasoio affilato e può tenerli in equilibrio solo uno chef con tre marce in più. Nel mio caso l'azzardo si è tradotto in perplessità mal assaporata.

E' capitato anche a voi di abbinamenti di gusti che vi hanno lasciati interdetti?

torta compleanno marco
La torta (torta?) per Marco.

20 commenti:

  1. E 'sti cazzi dice che:
    hai buoni vizietti,
    buoni locali e
    senz’altro buoni amici!

    RispondiElimina
  2. Sei un raffinato gourmet, Alberto!
    Di solito non mi lascio tentare da combinazioni azzardate anche se mi piace assaggiare i sapori locali quando vado in altri paesi. Però questa torta sformata,irregolare, a diverse altezze,un po' "astratta", l'avrei assaggiata moooolto volentieri, doveva essere buonissima! Slurp! Ciaooooo

    RispondiElimina
  3. la torta è un disastro e mi par di capire che anche il resto abbia lasciato a desiderare......sventure della virtù.

    RispondiElimina
  4. il branzino deve essere stato buonissimo, come il baccalà con pinoli e uvetta, io ho fatto un semifreddo di cioccolato nero e peperoncino con salsina al rhum...che ne dici?

    RispondiElimina
  5. matrixpigreco27/4/08 23:27

    Alberto hai finito di gozzovigliare? E' ora che ritorni a Milano che chi gh'è da lavurà.

    RispondiElimina
  6. La foto non promette niente di buono, troppa confusione per i miei gusti, amo le cose semplici...
    Ciao

    RispondiElimina
  7. "perplessità mal assaporata"
    Questa me la segno. Ciao.

    RispondiElimina
  8. Ti sei lasciato "imbelinare" . Il branzino, non di allevamento, si gusta al sale. Gli aromi si aggiungono per nascondere qualcosa.....
    BRANZINO AL SALE per 2 persone: Prendere un branzino di 800/900 grammi pescato in giornata, eviscerarlo e lavarlo bene, metterlo in teglia con bordi alti dopo averlo farcito con qulche rametto di rosmarino, depositarlo
    nella teglia su un letto di sale grosso e ricoprirlo completamente.
    Tempo di cottura al forno 200 gradi, 40/50 minuti. Spaccare la crosta di sale formatasi durante la cottura e servirlo con un pò di olio di oliva extra vergine e una spruzzatina di pepe nero macinato al momento.

    RispondiElimina
  9. Il peggior accostamento mi fu propinato durante una vacanza studio in Irlanda. Convinta di farmi una grande sorpresa, la signora O'Toole che mi ospitava preparò una pizza... all'ananas. Disgustorama.

    anecòico

    RispondiElimina
  10. ravioli ripieni di cernia in salsa di mirtilli... li ha gustati il mio consorte, io non ho osato :)

    RispondiElimina
  11. che volete che vi dica...con la cucina "audace" non si mai al riparo da nulla. forse solo il portafoglio
    segnala la concretezza del pericolo ma ahime è sermpre troppo tardi.

    RispondiElimina
  12. pardon. a roma, un bel piatto di lische calde ,calde.

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutti per i vostri commenti, in particolare a Fuin che ci ha dato anche una ricetta. Ma lui fa parte di una congrega che spesso e volentieri si riunisce a Casterino nella Valle delle Meraviglie. E lassù, in mezzo alle montagne fatate, faranno anche qualche escursione ma il più del loro tempo lo dedicano ai piaceri della tavola. Ne approfitto per salutare da qui i due bronzi di Riace e in particolare uno. Verrò, verrò anch'io un giorno.

    RispondiElimina
  14. Le nostre giornate a Casterino sono giornate di sofferenza. Sabato - Polenta e Capriolo. Domenica Gnocchi di patate con spinaci di montagna. Quando vieni ti organizziamo un incontro con Michele Serra che è un amante della cucina " rustica"

    RispondiElimina
  15. @fuin: accipicchia! quanta sofferenza..... (ma per spinacci selvatici intendi "engrari"?

    In Piemonte (ma non ricordo la località) in un ristorante ho assaggiato un minestrone di cavoli e mela che era di una squisitezza assoluta! e pensare che la maggior parte degli altri commensali non lo hanno neanche voluto assaggiare... Non sanno cosa si sono persi...

    RispondiElimina
  16. OFF TOPIC
    sei finito nel calderone per un meme, non me ne volere :)
    http://cattivamaestra.blog.lastampa.it/cattivamaestra/2008/04/blog-a-catena.html

    anecòico

    RispondiElimina
  17. La vaniglia ha un saporaccio che non mi piace. In genere meno mescolo i sapori meglio e' ma non disdegno di provare qualcosa.
    (Certo la pizza all'ananas mi fa venire la pelle d'oca..)
    ciao

    RispondiElimina
  18. @ pignasca
    Trattasi degli "engari" o Chenopodium
    bonus henricus . Si raccolgono nei mesi di aprile/maggio nei pressi delle malghe di montagna. A me piacciono molto nelle minestre, frittate con la pasta ed il riso e nel " fugasun " cotto nel forno a legna sulla " ciappa ".

    RispondiElimina
  19. Che la vaniglia sia buona sono d'accordo, ma la goccia di vaniglia nel caffè è sicuramente un olio di sintesi, perchè non esiste l'olio essenziale di vaniglia al massimo esiste un oleolito di vaniglia, cioè una macerazione di vaniglia in olio, ma a quel punto non credo che sia molto buona nel caffè.

    solo per informazione

    RispondiElimina
  20. pignasca5/5/08 13:19

    @fuin:
    e caspiterina! hai toccato un punto debole.... fugan cui engrari!!!
    se tu li raccogli, io faccio il fugasun!
    fifty fifty. (per rimanere internazionali)

    RispondiElimina