Pagine

sabato 16 febbraio 2008

Giovanni Boine

fasce in Liguria
[clic sopra le foto per ingrandire]

Ed ecco le fatiche fatte sante, ed ecco ... Le fatiche! Lavoro tenace, lavoro rude, lavoro anche di notte. E qui non v'è aratro, qui non v'è ordigno, qui i solchi si fanno a colpi violenti di bidente, uno dopo l'altro, duri, violenti rompendo il terreno compatto e argilloso. Terreno avaro, terreno insufficente su roccia a strapiombo, terreno che franerebbe a valle e che l'uomo tien su con grad'opera di muraglie e terrazze. Terrazze e muraglie fin su dove non cominci il bosco, milioni di metri quadri di muro a secco che chissà da quando, chissà per quanto i nostri padri, pietra per pietra, hanno con le loro mani costruito. Pietra su pietra, con le loro mani, le mani dei nostri padri per secoli e secoli, fin su alla montagna! Non ci han lasciati palazzi i nostri padri, non han pensato alle chiese, non ci han lasciata la gloria delle architetture composte: hanno tenacemente, hanno faticosamente, hanno religiosamente costruito dei muri, dei muri a secco come templi ciclopici, dei muri ferrigni a migliaia, dal mare fin in su alla montagna! Muri e terrazze.

Giovanni Boine
Finale Marina 1887
Porto Maurizio 1917


fasce in Liguria
fasce in Liguria

Questo sabato niente poesia, ma un testo poetico di uno scrittore della mia terra che mi è particolarmente caro. Le foto [ingranditele con un clic sopra] le ho scattate ieri e purtroppo non rendono appieno l'asperità del suolo e i precipizi di queste fasce. Siamo in val Roja, giù si vede il mare e su le montagne delle Marittime innevate. Le immagini si riferiscono a una vigna ricostruita che produce il "Roccese". Metto le mani avanti, sì, il pranzo lo abbiamo fatto, e se mi gira, metto il menu nei commenti.


Technorati Tags: , , ,

22 commenti:

  1. Torquemada16/2/08 11:28

    Belle, come sempre, le tue foto. Bellissimo, e più che mai adatto, il testo di Boine.

    RispondiElimina
  2. Meravigliose cattedrali, ma quanto dureranno ancora? Oggi colmiamo i dislivelli con discariche di inerti, poi ci costruiamo sopra villaggi di casette di cemento tutte bruttamente uguali, producendo altri inerti per nuove discariche.
    Dove ci sono i terrazzamenti oggi si progettano spianate di terra e pietre. Dove ci sono spianate di terra e pietre si progettano case anonime. Il tutto nell'indifferenza o nella tacita approvazione di chi crede di guadagnare qualche briciola da speculazioni immobiliari fatte da altri.
    Il legame con chi ha costruito le nostre cattedrali si sta rompendo, ormai sono non siamo più noi gli autori, ma un oscuro popolo lontano nel tempo.

    RispondiElimina
  3. Val Roja, per me, un legame fortissimo.
    Noi siamo gente di poche parole
    assomigliamo a questa terra grama
    frustata da scirocco e tramontana
    bruciata dal gelo e dal sole

    Nella valle la luce si è oscurata
    come il suono della nostra parola
    che sgorga dal fondo di una gola
    dove l'acqua corrente rimane strozzata.

    Rocce color del vino, umidi cieli
    tetti d'ardesia abbandonati lassù
    nascosti dalla nebbia nei suoi veli

    Pare che la meridiana non giri più
    eppure la vite getta ancora steli, l'ulivo radica fasce sghembe quaggiù.

    Alberto, un bellissimo post!

    RispondiElimina
  4. Cosa aspetti a mettere il menu nei commenti?

    Aspra e bellissima terra. I terrazzamenti sono incredibili. Mi auguro che possano durare nel tempo.

    RispondiElimina
  5. Non vorrei rovinarti le foto e la poesia di Boine ma certe opere possono essere seguite come il parco merci di Bevera soltanto con l'intervento di fondi pubblici.E noi paghiamo!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Il ponente ligure è un vagone abbandonato. Sul binario morto dell'arroganza e dell'intrallazzo. Quelle terrazze la sfida eterna alla nostra testarda rassegnazione.

    RispondiElimina
  7. analfabeta17/2/08 10:05

    Le immagini e il testo parlano di fatica per strappare alla terra il necessario, e forse anche meno,ad una vita agra segnata dal biblico sudore della fronte.Testimonianze che incalzano il nostro presente di dissipazione

    RispondiElimina
  8. lavoro e laboriosità, tenacia, essenzialità...connubio tra uomo e terra

    RispondiElimina
  9. torquemada
    Grazie degli apprezzamenti.

    gimmi
    Come dice il mio amico René un giorno o l'altro franerà tutto.

    filo
    Magari lo neghi ma sei una poetessa.

    annarita
    Il menu
    Fave e salame della Valcamonica.
    Frittelle di gianchetti.
    Torta verde.
    Assaggini di formaggio delle mucche di Giuara che pascolano d'estate in Gouta.
    Ravioli burro e salvia e col sugo di coniglio.
    Coniglio e cinghiale.
    Frittelle di mele di specie quasi estinte e torta al cioccolato.
    Annessi e connessi tipo caffè e pussacaffè.

    anonimo
    Non rovini niente. Sono un inguaribile sempliciotto.

    silla
    Fai un pezzo più lungo su queste rovine. Epperò fatti trovare qualche volta al telefono fisso.

    analfabeta
    L'hai proprio detto. Dissipazione. Una parola da tenere a mente.

    RispondiElimina
  10. analfabeta17/2/08 18:41

    menu sobrio,in tono con il post:due cicoriette,un tozzo di pane secco,acqua di fonte..e poi a noi toccano i lamenti di espiazione.

    RispondiElimina
  11. Analfabeta, sono un druido, ma mica un druido asceta, che non sono mai esistiti.

    RispondiElimina
  12. skip anche tu hai questi cordami che tirano?

    RispondiElimina
  13. @alberto :solo cordami?sartie, gomene,catena dell'ancora e zavorre....io metaforicamente veleggio!
    @filo sei una vera poetessa... parola di skip, che ti conosce!

    RispondiElimina
  14. ..... Mi sà che ai nostri figli di questi monumenti non ne lasceremo!!!
    ....La campagna è fatica, chi ci va più?
    Aumentano i rovetti ....
    I coetanei di mio figlio, 9 anni, non sanno nemmeno dove sono le campagne di famiglia .... i più grandi, preferiscono il campo da calcetto o il bar.......
    Non meravigliamoci se guardandoci intorno resistono solo pochi "puri contadini" che fanno questo lavoro per scelta e con grande amore per la propria terra e chi grazie alla pensione, avuta, forse anzitempo, può continuare a "mantenersi" l'appezzamento di famiglia....ma ricordatevi i rovetti sono insaziabili ......

    RispondiElimina
  15. ....Alberto mi sono dimenticata la foto.... eccola

    RispondiElimina
  16. Alberto,sei troppo gentile.(Però mangiare i gianchetti!!!)
    Nego fermamente! Sono solo esercizi, tentativi di esplorazione di un linguaggio che mi piace particolarmente.

    Skip,cara,non ti ci mettere anche tu!

    RispondiElimina
  17. Ero convinto che si producesse Rossese o è un refuso o è un vino che non conosco affatto.

    RispondiElimina
  18. ed
    No Ed, nessun refuso.

    skip e filo
    Perché non vi registrate anche voi su blogger come ha fatto gturs e vi mettete un'icona o avatar che dir si voglia?

    RispondiElimina
  19. Eehmm...Alberto...qui casca l'asino!! Non farmi dire di più! Chiederò a Skip che è un'esperta!Grazie comunque.

    RispondiElimina
  20. MA SA LA gente che legge che tirare su quei muretti è una roba TURCA?

    RispondiElimina
  21. Grazie Alberto, non lo avevo ancora letto. E' perfetto.
    Ma perchè non proponiamo che questi muri a secco divengano un patrimonio culturale comune del ponente ligure? Non vorrei dire Unesco, ma qualcosa di molto simile. Forse si riuscirebbe a salvare qualcuna di queste cattedrali

    RispondiElimina
  22. Giarevel
    E allora dovresti guardare anche QUI.

    RispondiElimina