Pagine

sabato 9 febbraio 2008

Giuseppe Ungaretti

Soldati
Bosco di Courton luglio 1918

Si sta come
d'autunno
sugli alberi
le foglie.


Giuseppe Ungaretti
Alessandria d'Egitto 1888
Milano 1970

poesie di Giuseppe Ungaretti


Soldato americano in Afghanistan
Questa foto scattata il 16 settembre dall'inglese Tim Hetherington ha vinto ieri il primo premio del prestigioso World Press Photo 2008. Vi è ripreso un soldato americano sfinito in una trincea rifugio nella valle Korengal, provincia orientale dell'Afghanistan. Sono passati 90 anni dalle trincee della Prima guerra mondiale che ispirarono la poesia di Ungaretti.

Giuseppe Ungaretti il più grande poeta italiano


10 commenti:

  1. ma la poesia è attualissima....

    RispondiElimina
  2. Difatti dopo novant'anni ci sono ancora soldati che combattono, ci sono ancora trincee dove marcire, nell'anima e nel corpo.

    RispondiElimina
  3. Perchè tanto spreco d'ingegno per costruire armi di distruzione sempre più sofisticate e collezionare cadaveri e macerie...
    forse per ritrovarci contriti e indignati alle commemorazioni... anche in questo avverto il senso della sproporzione.
    Eppure oggi sarebbe una giornata così bella per essere felici o infelici a seconda dei casi!

    RispondiElimina
  4. matrixpigreco9/2/08 19:59

    Sbaglio o hai un po' schiarito la foto originale?

    RispondiElimina
  5. analfabeta9/2/08 20:53

    ieri uomini che massacrano balene,oggi uomini che massacrano altri uomini....

    RispondiElimina
  6. filo e analfabeta
    Domani un post "leggero".

    matrixpigreco
    Sì l'ho schiarita appena. Mi sa che i giornali la schiariranno parecchio. È molto scura e dovrebbe essere pubblicata in grande formato, è allora rende la cupezza del luogo.

    RispondiElimina
  7. Grazie Alberto per la tua sensibile attenzione.
    Non so gli altri, ma io ho già tanti pesi addosso in questo momento che mi basterebbe anche solo una piccola, umile viola,nascosta nell'erba tra i ceppi degli ulivi, col suo profumo di primavera, per equilibrare in modo più proporzionato i volumi.

    RispondiElimina
  8. analfabeta10/2/08 10:36

    Certe immagini non ci sgomentano più,siamo così assuefatti alla crudezza della realtà da pensare che
    rientri nell'ordine naturale del mondo.Un mondo carico di pesantezza.
    La bellezza è leggera.

    RispondiElimina
  9. Grazie Alberto per questa poesia: è una tra le mie preferite di Ungaretti. e grazie per la foto e il commento... niente altro da aggiungere!
    @filo: nel mio giardino ho raccolto ieri un mazzetto di violette...

    RispondiElimina
  10. La foto è molto bella, non c'è che dire. E nonostante le immagini di guerra che continuamente vediamo mi ha emozionato.

    RispondiElimina