Pagine

giovedì 5 marzo 2009

Aspettando la primavera

Milano - Chiesa rossa
Milano, chiesa rossa di Crescenzago

Ho fatto questa foto ieri sera proprio davanti a casa e qualcuno mi ha tenuto l'ombrello per riparare la fotocamera dalla pioggia che è venuta giù senza sosta tutto il giorno.

Sto partendo per Torino dove stasera alle 18 verrà presentato Islabonita. Poi passando per la neve di Limone scenderò in Liguria dove spero di trovare cieli blu e boccioli impazienti di aprirsi alla luce. Se così sarà non mancherà qualche bella immagine.

Ci sentiamo da là.

23 commenti:

  1. Bellissima foto. Complimenti a Nico Orengo, grande scrittore e ottima storia.
    Non ho vissuto nella Riviera luccicante degli anni Venti, tra i balli e il casinò, le spiagge e i campi da golf. Queste storie che uniscono il mistero ai luoghi della nostra bella Italia, mi piaciono molto. Il tuo amico Nico Orengo e' stato magistrale nel raccontare la storia di Fatima e di Isolabona.
    Vale

    RispondiElimina
  2. Bellissima! Tra l'altro non avrei mai detto che era Milano...

    RispondiElimina
  3. Ascolta. Piove
    dalle nuvole sparse.
    Piove su le tamerici
    salmastre ed arse,
    piove sui pini
    scagliosi ed irti,
    piove sui mirti
    divini,
    su le ginestre fulgenti
    di fiori accolti,
    sui ginestri folti
    di coccole aulenti,
    piove sui nostri volti
    silvani,
    piove sulle nostre mani
    ignude,
    sui nostri vestimenti
    leggieri,
    su i freschi pensieri
    che l'anima schiude
    novella,
    su la favola bella
    che ieri
    l'illuse, che oggi m'illude,
    o Ermione.

    Ecco, ora però fa basta pioggia.
    Io ho deciso che appena arriva il sole trasferisco la mia scrivania in cortile:)

    RispondiElimina
  4. Un inverno da cliché, come non se ne vedono da annni.
    La luna nuova di febbraio è iniziata il 25, quindi a fine mese, quindi "siamo indietro di una luna", non per niente Pasqua cade quasi a metà aprile...
    Fa tutto parte del ciclo della natura, noi agricoli sorseggiamo.
    La pioggia è bella, ci permette di riposare, le piante ne traggono grande beneficio.
    Solo che qui in Liguria piovvigina soltanto e nonostante passino 2 0 3 giorni consecutivi, la terra non ne trae un grandissimo beneficio.
    La lirica del D'Annunzio è per me la più bella in assoluto!

    RispondiElimina
  5. Buon viaggio e facci sapere.

    RispondiElimina
  6. davvero è una bellissima foto

    RispondiElimina
  7. Poesia di Salvatore Quasimodo:

    Specchio

    Ed ecco sul tronco
    si rompono gemme:
    un verde più nuovo dell'erba
    che il cuore riposa:
    il tronco pareva già morto,
    piegato sul declivio
    E tutto mi sa di miracolo;
    e sono quell'acqua di nube
    che oggi rispecchia nei fossi
    più azzurro il suo pezzo di cielo,
    quel verde che spacca la scorza
    che pure stanotte non c'era.

    RispondiElimina
  8. questa foto mi sa di Natale... non so perchè...

    RispondiElimina
  9. Splendida foto.

    Milano?????
    Sembra l'atmosfera di un paesello collinare. Ecco la magia di chi sa ben fotografare!! Complimenti Alberto.

    Se questo è ciò che vedi di fronte a casa tua, sei molto fortunato.

    RispondiElimina
  10. I racconti mitologici narrano che il turbinio degli elementi che si verifica in primavera sia una manifestazione della potenza di Mercurio che, con in mano la verga attorno alla quale guizzano le correnti serpentine, mescola tra loro aria, acqua, calore, terra formando un circolo che roteando genera l'energia nel cuore segreto della natura rinnovando la vita.

    La foto: inconsueto e misterioso questo angolo di Milano, potrebbe ispirare un romanzo giallo alla Simenon, ... la vecchia Julie fu svegliata nel cuore della notte da un rumore sordo proveniente dalla strada. Si alzò dal letto e guardò dai vetri della finestra che si affacciava sulla piazza deserta. Sui gradini lucidi di pioggia della chiesa Rossa vide una sagoma informe, nera. Pareva un sacco abbandonato, o un uomo accasciato...
    Ciao Alberto, buona giornata a Torino e buon ritorno a casa.

    RispondiElimina
  11. I mandorli hanno già le foglioline, le mimose sono alla fine e certi peschi hanno messo i fiori, le rane gracidano, ma cribbio, piove anche qua!

    RispondiElimina
  12. ... rane, ma anche il Pelodite punteggiato.
    Che bello, piove e il sottoscritto può passare il suo tempo libero a intervistare gli anfibi e metterli sul sito della sua associazione ;-)

    RispondiElimina
  13. Non avrei mai detto che fosse un angolo di Milano...chissà perché, poi, uno si fa certe idee.

    Un angolo, intimo, suggestivo, molto bello.

    Complimenti al tuo amico Nico Orengo per Islabonita.

    Ciao, Al.

    RispondiElimina
  14. Dipende tutto da quanti giorni ti fermerai, tranne le viole tutto tace, anche la mimosa non è ancora fiorita.....parlo di Isolabona ovviamente......
    Bellissima foto.

    RispondiElimina
  15. Che foto meravigliosa!!!

    RispondiElimina
  16. Bella immagine.
    Uno spazio raccolto, un angolo di distensione.
    Grazie

    :-)

    RispondiElimina
  17. Bella foto.

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  18. Ringrazio tutti per i complimenti, un po' esagerati, per la foto. Io non ne ho assolutamente alcun merito. Ho fatto clic e basta. Il merito è solo di questa parte della vecchia Milano che si è conservata abbastanza intatta e dove ho la buona ventura di abitare.

    Grazie anche, e molte, per le poesie.

    Se i boccioli delle varie piante non traggono ancora fuori la testa per il freddo vuol dire che, se una delle mie guide mi porterà, mi recherò in un posto che dà origine a incantesimi. Non dico altro per ora. Buon fine settimana a tutti.

    RispondiElimina
  19. Al,
    splendida foto, come tutte le tue e ...splendidi commenti! :-)
    in particolare la poesia di Quasimodo citata da c.e.g., che ringrazio anch'io!
    ciao Al
    g

    RispondiElimina
  20. Quelli notturni sono scatti "difficili" quindi, doppi complimenti!? ;-)

    RispondiElimina
  21. vera di isola9/3/09 19:10

    da non credere abiti proprio in un bel posto la prossima volta che salgo su da matteo vengo

    RispondiElimina
  22. la chiesa rossa è stata una delle cose che più mi è piaciuta del quartiere.
    La cosa sorprendente è che l'ho visitato con una persona che ci abitava e anni dopo ho scoperto che il mio ragazzo passava di lì quando andava alle superiori a milano.
    è uno spazio così ampio che resti disorientato eppure certe vie strette strette mi fanno sentire più vicina a casa.
    Il bello è il naviglio, così curato, non come i navigli a porto d'adda, trezzo e paderno d'adda. Non bisogna far andare a puttane testimonianze così belle della storia dei nostri nonni e poi vantarsi di essere pronti alla tutela del paesaggio

    RispondiElimina